Poster un message

En réponse à :
AL DI LÀ DI HEGEL, HEIDEGGER, E RATZINGER. IL PROBLEMA DELL’UNO E LA VIA DEI "TRE SOLI". A scuola di Dante, Bruno, Galilei, Vico, e Kant ...

NUOVO REALISMO E "GAIA SCIENZA" : LA LEZIONE DI DANTE (E NIETZSCHE), OGGI. CONOSCERE SE STESSI E CHIARIRSI LE IDEE, PER CARITÀ ! Una nota - di Federico La Sala

Per ben agire e ben comunicare (anche solo con se stessi o con stesse !), come insegna Dante, ci vogliono TRE SOLI (la cosiddetta - impropriamente - teoria dei "due soli") !!!
mardi 1er janvier 2019
LA GAIA SCIENZA (...) in questo modo abbiamo imparato ad amare tutte le cose che oggi amiamo. In definitiva, siamo sempre ricompensati per la nostra buona volontà, per la nostra pazienza, equità, mitezza d’animo verso una realtà a noi estranea, quando lentamente essa depone il suo velo e si manifesta come una nuova inenarrabile bellezza : è questo il suo ringraziamento per la nostra ospitalità. Anche chi ama se stesso, lo avrà appreso per questa strada : non ce ne sono altre. Si deve (...)

En réponse à :

> NUOVO REALISMO : LA LEZIONE DI DANTE, OGGI. CONOSCERE SE STESSI E CHIARIRSI LE IDEE, PER CARITÀ ! -- « La psicanalisi mi ha aiutato ». La confessione di papa Francesco.

vendredi 1er septembre 2017

A FREUD, GLORIA ETERNA !!! IN DIFESA DELLA PSICOANALISI... *


La confessione del Papa

« La psicanalisi mi ha aiutato ». Bergoglio all’età di 42 anni, per sei mesi ogni settimana, ha incontrato un’analista ebrea. È il Pontefice a rivelarlo in un libro in cui parla anche di matrimoni gay, laicità e immigrazione.

In un libro gli incontri di anni fa del futuro Papa con un’analista ebrea

di Leonardo Martinelli Andrea Tornielli (La Stampa, 01.09.2017)

Padre Jorge Mario Bergoglio, all’età di 42 anni, per sei mesi ogni settimana ha incontrato una psicanalista. È lui stesso a rivelarlo in un libro di prossima pubblicazione in Francia, che contiene la trascrizione di dodici dialoghi con il sociologo Dominique Wolton (titolo : « Politique et société », edizioni L’Observatoire).

Durante una delle interviste, il Papa ha parlato del ruolo avuto da alcune donne nella sua esistenza. « Quelle che ho conosciuto mi hanno aiutato molto quando ho avuto bisogno di consultarmi ». Poi si passa alla psicanalista.

« Ho consultato una psicanalista ebrea - racconta Bergoglio al suo interlocutore -. Per sei mesi sono andato a casa sua una volta alla settimana per chiarire alcune cose. Lei è sempre rimasta al suo posto. Poi un giorno, quando stava per morire, mi chiamò. Non per ricevere i sacramenti, dato che era ebrea, ma per un dialogo spirituale. Era una persona buona. Per sei mesi mi ha aiutato molto, quando avevo 42 anni ». L’esperienza raccontata da Francesco si colloca dunque tra il 1978 e 1979, gli anni della dittatura, quando aveva concluso la non facile esperienza di provinciale dei gesuiti d’Argentina e stava iniziando quella di rettore del Collegio Máximo, dove venivano formati gli studenti che desideravano entrare nella Compagnia.

Chiesa e psicanalisi

All’inizio la Chiesa ha denunciato il « pansessualismo », ma anche l’ambizione « totalitaria » della psicanalisi. Ad aprire un primo spiraglio fu Pio XII nel 1952, spiegando : « È inesatto sostenere che il metodo pansessuale di una certa scuola di psicoanalisi sia parte indispensabile di ogni psicoterapia degna di tal nome ». Nel luglio 1961, con Giovanni XXIII, il Sant’Uffizio proibì ai preti di praticare la psicanalisi e ai seminaristi di sottoporvisi. Nell’enciclica « Sacerdotalis coelibatis » del 1967 Paolo VI ammetteva la possibilità del ricorso « all’assistenza e all’aiuto di un medico o di uno psicologo competenti » nei seminari e nel 1973, durante un’udienza, affermava : « Abbiamo stima di questa ormai celebre corrente di studi antropologici, sebbene noi non li troviamo sempre coerenti fra loro, né sempre convalidati da esperienze soddisfacenti e benefiche ». Come dato curioso si può infine ricordare « Habemus Papam », il film di Nanni Moretti, che racconta di un Pontefice eletto che ricorre - seppur con poca convinzione - al consulto di una psicanalista.

« In gabbia, ma libero »

Il Papa, nei dialoghi con Wolton parla anche della sua vita di oggi. « Mi sento libero. Certo, sono in una gabbia qui al Vaticano, ma non spiritualmente. Non mi fa paura niente ». Si scaglia contro quei « preti rigidi, che hanno paura di comunicare. È una forma di fondamentalismo. Quando m’imbatto in una persona rigida, soprattutto giovane, mi dico che è malato. Sono persone che in realtà ricercano una loro sicurezza ». Inevitabile, poi, il riferimento all’immigrazione. « La nostra è una teologia di migranti, perché lo siamo tutti fin dall’appello di Abramo, con tutte le migrazioni del popolo d’Israele. E lo stesso Gesù è stato un rifugiato, un migrante. Esistenzialmente, attraverso la fede, siamo dei migranti. La dignità umana implica necessariamente di essere in cammino ». Si rammarica del fatto che « l’Europa in questo momento ha paura. Chiude, chiude, chiude... ». Il Papa rigetta anche la nozione di « guerra giusta », che pure ha un fondamento nella tradizione della Chiesa e nella legittima difesa dei popoli. Per Bergoglio, « la sola cosa giusta è la pace ».

La vera laicità

Francesco tocca anche il tema della laicità. « Lo Stato laico è una cosa sana - dice -. Gesù l’ha detto : bisogna dare a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio ». Ma « credo che in certi Paesi, come la Francia, la laicità abbia una colorazione ereditata dai Lumi davvero troppo forte, che costruisce un immaginario collettivo in cui le religioni sono viste come una sottocultura. Credo che la Francia dovrebbe « elevare un po’ il livello della sua laicità ». Sul dialogo con l’Islam, si dice ottimista e accenna al suo rapporto con l’imam di Al-Azhar. Ma afferma anche che « i musulmani non accettano il principio della reciprocità ».

Quanto al matrimonio gay, ritiene che « da sempre nell’umanità, non solo nella Chiesa cattolica, il matrimonio è fra un uomo e una donna ». Ma quelle tra omosessuali accetta di chiamarle « unioni civili ». Le piace essere chiamato « Papa dei poveri » ? « No, perché è un’ideologizzazione ». « Io sono il Papa di tutti, dei ricchi e dei poveri. Dei poveri peccatori, a cominciare da me ». A Francesco piace il contatto fisico con i fedeli. « La tenerezza - confida - è qualcosa che procura così tanta pace ».


Se il religioso va alla guerra con se stesso

di Ferdinando Camon (La Stampa, 01.09.2017)

La notizia che l’attuale papa Francesco, quando aveva 42 anni, andò in analisi, ti entra nel cervello e non ne esce più. È sconvolgente : un alto esponente della Chiesa Cattolica va in analisi ; va da una psicanalista-donna ; che è anche ebrea. Quelli che ragionano sull’analisi e sulla religione sono convinti che siano due contrari. Questo perché la fede parte dalla rivelazione : la verità è stata rivelata, una volta per tutte. Sappiamo che cosa è bene e che cosa è male.

Mentre l’analisi è ricerca incondizionata : se alla tua ricerca metti dei limiti (non parlerò di mia madre o della mia amante), l’analisi fallisce, anzi non comincia nemmeno. Cesare Musatti, presidente della Società Psicanalitica Italiana, esprimeva questo concetto ricorrendo alla metafora della guerra civile : l’analisi è una guerra civile, chi va in analisi è in guerra con se stesso, è come uno Stato in cui una parte dei cittadini si ribella e combatte contro gli altri.

Lo Stato non può dire : combatterò i ribelli a Torino e a Milano, ma non a Venezia e a Trieste, perché se parla così succede che tutti i ribelli si rifugiano a Venezia e a Trieste, e quelle città, che lo Stato voleva risparmiare, dovrà raderle al suolo. Pasolini andò in analisi da Musatti e dopo poche sedute disse : « Non parlerò della mia omosessualità, perché è natura ». Musatti rispose : « Ne parlerà comunque, anche senza volerlo ». Pasolini entrò in un’angoscia tremenda, e dopo sette-otto sedute non si presentò più. È mia opinione che lì sia accaduto un grave errore di Musatti. Perché tu, analista, non puoi dire al tuo paziente qualcosa che il tuo paziente in quel momento non è in grado di reggere. Aspetta, hai tutta l’eternità a disposizione. Se glielo dici in anticipo, e quello entra in crisi e si ritira, la colpa è tua. Musatti faceva l’analisi anche a preti e membri della gerarchia cattolica. Diceva che venivano a lui col permesso dei superiori.

L’analisi è l’esame delle potenti figure interiori che ti porti dentro, se sei cattolico la prima di queste potenti figure interiori è Cristo : non puoi iniziare una battaglia, nella quale puoi trovarti di fronte Cristo, senza dire ai tuoi che parti per il fronte. Un profondo e delicato psicanalista freudiano, Giovanni Gozzetti, allievo prediletto di Salomon Resnik, argentino (il quale è l’autore delle voci di psicanalisi dell’Enciclopedia Einaudi), aveva un paziente cattolico che a un certo punto gli annunciò : « Piuttosto di mettere in discussione Cristo, preferisco ritirarmi », e non si fece più vedere. Probabilmente era questo che temevano i cardinali del film « Habemus Papam » di Nanni Moretti, quando si presentò il problema se il papa (appena eletto, e in crisi col nuovo ruolo) poteva andare in analisi : in analisi ? E parlare dei sogni ? No no no. Se va in analisi, è la Curia che stabilisce di che cosa può parlare, e di che cosa no.

L’analisi è una discesa dentro te stesso, in una profondità che non conosci, là sotto troverai un te stesso che ignori, può incantarti ma anche spaventarti, puoi tornar su deciso a proseguire per la strada di prima oppure a fare una inversione a U. Non è affatto detto, come credono gli psicanalisti anti-cattolici, che analisi e fede siano due nemiche. Viktor Frankl lo dimostra. E ora anche l’analisi di Bergoglio. Perché ha avuto una conclusione stupefacente : è durata poco, sei mesi, e aveva un ritmo blando, una seduta per settimana, ma alla fine successe qualcosa di raro : in punto di morte, fu la psicanalista a chiamare l’ex-paziente, « per un dialogo spirituale ». In analisi le due forze che agiscono sono il transfert, che lega il paziente all’analista, e il controtransfert, che lega lo psicanalista al paziente. Se succede che il secondo sia più forte del primo, allora è lo psicanalista che è in analisi dal suo paziente. Andò così con Bergoglio ?


Il pontefice in cura da Moretti

in « Habemus Papam » (La Stampa, 01.09.2017)

Il Papa e uno psicanalista. Un incontro che il cinema aveva già raccontato. Nanni Moretti, nel suo « Habemus Papam » nel 2011, interpreta un analista che assiste il pontefice depresso e poi dimissionario Michel Piccoli (altra previsione azzeccata del regista romano). Per affrontare la crisi del Papa viene chiamato il professor Brezzi (Nanni Moretti), uno psicanalista, che prescrive al santo padre alcune sedute con la moglie, Margherita Buy, analista anche lei, al di fuori delle mura vaticane. L’intervento dei due specialisti non basterà : il Papa si troverà a vagare per Roma di notte su un autobus.


*

SUL TEMA, NEL SITO, SI CFR. :

A FREUD (Freiberg, 6 maggio 1856 - Londra, 23 settembre 1939), GLORIA ETERNA !!! IN DIFESA DELLA PSICOANALISI.

GUARIRE LA NOSTRA TERRA : VERITÀ E RICONCILIAZIONE. Lettera aperta a Israele (già inviata a Karol Wojtyla) sulla necessità di "pensare un altro Abramo"

PER IL "RISCHIARAMENTO" ("AUFKLARUNG") NECESSARIO. ANCORA NON SAPPIAMO DISTINGUERE L’UNO DI PLATONE DALL’UNO DI KANT, E L’IMPERATIVO CATEGORICO DI KANT DALL’IMPERATIVO DI HEIDEGGER E DI EICHMANN !!!
-  FREUD, KANT, E L’IDEOLOGIA DEL SUPERUOMO.

Federico La Sala


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :