Poster un message

En réponse à :
IL VANGELO DI PAPA RATZINGER E DI TUTTI I VESCOVI E IL "PANE QUOTIDIANO" DEL "PADRE NOSTRO", VENDUTO A "CARO PREZZO", MOLTO CARO (= "CARITAS") !

ULTIMA CENA ED ECONOMIA VATICANA : LA CARESTIA AVANZA !!! Benedetto XVI "cambia la formula dell’Eucarestia" ! « Il calice fu versato per molti », non « per tutti » !!! Note di Gian Guido Vecchi e di Armando Torno - a c. di Federico La Sala

EUCHARISTIA EVANGELICA E TRADIZIONE CATTOLICO-ROMANA. "Le parole della tradizione liturgica, comunque, riprendono il greco perì pollòn e il latino pro multis, che sono un calco del semitico la-rabbîm : il quale significa « per le moltitudini » o anche « per tutti ». Tradurre con « molti » ci sembra improprio rispetto all’originale ebraico" (Armando Torno).
dimanche 6 mai 2012 par Federico La Sala
L’EU-CHARISTIA. "La parola « Eucaristia » deriva dal verbo greco « eu-charistèō/rendo grazie » che a sua volta proviene dall’avverbio augurale « eu-...-bene » e « chàirō-rallegrarsi/essere contento »" (Paolo Farinella, prete).
IL NOME DI DIO, SENZA GRAZIA ("CHARIS") ! L’ERRORE FILOLOGICO E TEOLOGICO DI PAPA BENEDETTO XVI, NEL TITOLO DELLA SUA PRIMA ENCICLICA. Nel nome della "Tradizione"
FILOLOGIA E TEOLOGIA. UN CHIARIMENTO DI GIOVANNI PAOLO II SULLA "PORTA DELLA FEDE" : LA PIENA DI GRAZIA, (...)

En réponse à :

> ULTIMA CENA ED ECONOMIA VATICANA : LA CARESTIA AVANZA !!! ---- Enzo Bianchi e Massimo Cacciari rilanciano la sfida evangelica : ama il prossimo tuo (di Giuseppe Cantarano)

jeudi 17 mai 2012

Bianchi e Cacciari rilanciano la sfida evangelica : ama il prossimo tuo

di Giuseppe Cantarano (l’Unità, 17.05.2012)

MA PERCHÉ DOVREMMO AMARE IL NOSTRO PROSSIMO ? NON HA FORSE CESSATO DI ESISTERE - COME CI HA SPIEGATO LO PSICANALISTA LUIGI ZOJA ( LA MORTE DEL PROSSIMO, EINAUDI, PP. 128, EURO 10,00 ) dopo la novecentesca « morte di Dio » ? E poi, chi mai sarebbe il prossimo che dovremmo amare ? Nostro fratello ? L’Abele di cui Caino si rifiutò di essere il custode ? Oppure lo straniero ? Quello che si presenta con il volto scavato del povero ? O con i vestiti sudici del migrante che ci chiede ospitalità ?

Il priore di Bose, Enzo Bianchi, e Massimo Cacciari hanno provato a rispondere a questi interrogativi. Commentando il mandatum novum ( Ama il prossimo tuo, il Mulino, pagine 141, euro 12,00 ). Che recita : « Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e tutta la tua anima e tutte le tue forze e tutta la tua mente, e amerai il prossimo tuo come te stesso » (Lc 10,27 ). Un comandamento la cui effettiva applicabilità risulta da sempre molto difficile.

Ebbene, il prossimo che dovremmo amare - ci ricordano Bianchi e Cacciari - non è solo colui che ci sta vicino. Il nostro fratello, l’amico. Ma l’altro, chi è lontano, lo straniero. È questo l’inaudito insegnamento evangelico. Ma c’è di più. Perché le « scandalose » parole di Gesù non ci invitano soltanto ad amare chi ci è vicino e lo straniero. Ma addirittura chi ci è ostile. Cioè il nostro nemico : « Ma io vi dico : amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il sole sopra i malvagi e sopra i buoni » (Mt 5,44 ).

LA PARABOLA DEL SAMARITANO

Nel prossimo, insomma, dobbiamo sempre vedere anche il nemico. Non solo perché l’inimicizia abita dentro ciascuno di noi. Ma perché ciascuno di noi pur nella comune Paternità celeste è inassimilabile all’altro. Come nella parabola del samaritano. Che soccorre l’uomo che trova mezzo morto ai bordi della strada. Facendosi lui stesso prossimo a quel sofferente. Ma poi se ne va. Torna sui suoi passi. Procede verso la sua strada.

Enzo Bianchi e Massimo Cacciari proponendoci questa forma di prossimità che deve mantenersi sempre straniera ci rilanciano la « rivoluzionaria » sfida evangelica. La sola in grado di liberarci da ogni egoistico possesso. Anche dal possesso più geloso, quello della nostra psyché. Per diventare - come San Francesco - davvero poveri. Poiché la povertà francescana - l’Altissima pauperitas - non è soltanto svuotarsi di qualche bene materiale. Il vero povero - scrive Cacciari ( Doppio ritratto. San Francesco in Dante e Giotto, Adelphi, pp. 86, euro 7,00 ) non si svuota solo per accogliere il Signore. Ma per accogliere l’altro, in tutti i suoi volti : « Farsi poveri significa liberarsi per poter perfettamente amare ».

AMA IL PROSSIMO TUO, Enzo Bianchi e Massimo Cacciari pagine 141 euro 12,00 Il Mulino


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :