Poster un message

En réponse à :
Esclusivo

Le tracce degli esami di maturità 2012, eccole in anteprima

mercredi 20 juin 2012
Esame di maturità 2012. L’anteprima esclusiva di tre delle tracce della prova di italiano di domani, 20 giugno.
1) L’Unione europea affronta un momento difficile, che chiede unità, responsabilità e sacrifici. Il candidato sviluppi l’argomento a partire dall’attualità, dalla necessità di consolidare la fiducia nelle istituzioni comunitarie e, soprattutto, nel processo di unione politica del continente.
2) "Ognuno sta solo sul cuor della terra trafitto da un raggio di sole : ed è subito sera". (...)

En réponse à :

> Le tracce degli esami di maturità --- La forza della resilienza non ci fa soccombere.

lundi 1er juin 2015

La forza della resilienza non ci fa soccombere di Rosario Sorrentino Neurologo (Corriere della Sera, 01.06.2015)

Combattere, resistere o lasciarsi andare, scivolando sempre più giù. Come una canna che, spinta con forza dal vento, si piega per poi ritornare dov’era. Una canna che oscilla, ma che difficilmente si spezza perché è resiliente. Ecco, noi siamo in un certo senso così di fronte agli eventi più sconvolgenti che irrompono all’improvviso in una vita fino ad allora tranquilla. Poi, come un lampo, accade qualcosa di terribile e tutto cambia : una malattia, un lutto, un attentato, una calamità naturale, una povertà assoluta, un abbandono. Questo ci impone un lacerante dolore, ma ci consente anche di reagire, dando fondo alle nostre risorse nascoste. Il denominatore comune di queste vicende è sempre lo stesso : il trovarsi a tu per tu con la morte o vicini ad essa.

La resilienza è un po’ il « piano B » del cervello per non soccombere e neutralizzare gli effetti dannosi di uno stress prolungato, riportandoci gradualmente alla condizione di equilibrio grazie a strategie di tipo genetico, neurobiologico, comportamentale e a una rete sociale, la solidarietà, che operano e agiscono in sinergia tra loro. Il tutto fa parte di quello straordinario repertorio evolutivo che ha conferito alla nostra specie la capacità di adattarsi fronteggiando ambienti sempre più competitivi e ostili. È il tentativo estremo e drammatico di un corpo di ribadire l’atavico istinto di sopravvivenza : il desiderio di vivere. Anche se quello che stiamo vivendo o abbiamo vissuto ci tramortisce, e ci fa sentire come esseri umani mutilati. Perché azzera in un istante ogni certezza, facendo crollare la nostra tenuta nervosa, rendendoci più vulnerabili.

La resilienza si avvale anche di una « pianificazione del dopo », un flusso positivo di idee e pensieri che pian piano riaffiorano anticipando il ritorno alla vita, rendendoci più consapevoli e forse migliori ; una spinta decisiva per risalire la china e garantirci un riscatto. Lottare per vincere, quindi, anche quando tutto ci dà per spacciati .


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :