Poster un message

En réponse à :
SCUOLA E COSTITUZIONE. Il 12 ottobre in piazza in tutto il Paese. Gli studenti aspettano da anni risposte all’altezza dei loro bisogni, non forze dell’ordine schierate per le strade ...

LA SCUOLA IN ABBANDONO DI STATO, DA VENT’ANNI E PIU’. Il 12 ottobre, studenti in piazza per cambiare scuola e società. Una nota di Roberto Campanelli, coordinatore nazionale Unione degli studenti - a c. di Federico La Sala

"D-ISTRUZIONE" PROGRAMMATA. Una vera e propria trasformazione del paradigma della scuola pubblica, un’introduzione silente di un modello privatistico di scuola.
vendredi 12 octobre 2012 par Federico La Sala
[...] È necessario ragionare in prospettiva, è necessario guardare alle esperienze positive che in giro per l’Europa hanno riconosciuto agli studenti una sfera dei diritti a 360°, alle esperienze che hanno istituito il reddito per i soggetti in formazione, uno strumento che riconosce il valore sociale e ed economico di chi studia e garantisce a tutti di poterlo fare. Dovrebbe essere questo il paradigma nuovo con cui si esce dalla crisi, in contrapposizione all’esclusione e alla negazione (...)

En réponse à :

> LA SCUOLA IN ABBANDONO DI STATO, DA VENT’ANNI. --- Più ore di lezione per i docenti. L’aumento orario coprirà i tagli scuola. Più ferie, ma rischiano i precari

jeudi 11 octobre 2012


-  Legge stabilità, c’è anche la scuola : più ore di lezione per i docenti
-  L’aumento orario coprirà i tagli scuola. Più ferie, ma rischiano i precari
*

Nella legge di stabilità spunta l’articolo che non ti aspetti. In mezzo al novero di misure restrittive su pubblico impiego, aumento dell’Iva,adeguamento delle aliquote Irpef e via dicendo, figura anche una disposizione passata sottotraccia, che invece rappresenta una novità inattesa - e probabilmente poco gradita - per gli insegnanti.

Nel rush finale dell’approvazione del pacchetto stabilità, varato dal Consiglio dei ministri martedì all’una di notte dopo una riunione fiume, è stata infatti inserita anche la “leggina” che obbligherà i docenti di scuola secondaria di primo e secondo grado a 6 ore di lezione in più ogni settimana.

La misura è finalizzata ad adeguare il carico orario degli insegnanti delle scuole medie e superiori a quello dei loro colleghi operanti nelle aule della scuola primaria, cioè delle elementari.

Questi ultimi, infatti, svolgono di norma un totale di 24 ore, suddivise in 22 di lezione “pura” più 2 di programmazione dei moduli, contro le 18 svolte dai docenti di medie e superiori.

Secondo quanto previsto dalla legge di stabilità, allora, il tempo di lezione dei professori andrà armonizzato a quello delle maestre, un provvedimento che si traduce, appunto, nelle 6 ore settimanali in più di cui si diceva.

A essere coinvolti nella crescita dell’orario di lavoro, saranno anche gli insegnanti di sostegno. La notizia, per tutti i docenti, non è però essenzialmente negativa, perché l’incremento del carico introdurrà contestualmente un prolungamento delle vacanze estive di circa 15 giorni.

A cosa è dovuta questa linea di appesantimento orario del governo nei confronti degli insegnati ? Nessun atto pregiudiziale o di una non meglio precisata rivalsa, stando alle giustificazioni ufficiali : dalla riforma, infatti, potrebbero essere risparmiati 180 milioni di euro, una parte dei quali sarà destinata al fondo di funzionamento della scuola.

Scopo ultimo della riforma sarà quello di coprire una parte dei tagli previsti dalla spending review nel comparto scolastico, calcolati in circa 500 milioni da qui al 2015.

Tra gli effetti negativi, l’incremento delle ore di lezione potrebbe ridurre pesantemente le chiamate per i supplenti esterni. E qui, ecco che la novità inserita nella legge di stabilità rivela il suo “lato oscuro“, poiché restano ancora tutte da verificare le ricadute che un tale adeguamento produrrà nelle folte schiere dei precari.

Alcuni, come il segretario Pd Pierluigi Bersani, hanno parlato di oltre 6mila posti di lavoro a rischio. Altri, come la rappresentanza di Flc Cgil, allarga la platea a una forbice tra 30 e 70mila docenti non di ruolo interessati.

Cifre che stridono con l’impeto riformatore inaugurato dal Miur con l’indizione del concorso scolastico, concepito per l’inserimento di circa 24mila nuovi insegnanti nel corpo scolastico nazionale, metà dei quali provenienti proprio dalle infinite graduatorie. Un turnover in cattedra che, insieme alle misure appena varate a danno dei precari, promette di tenere la scuola al centro di continui stravolgimenti per lungo tempo.

* LEGGI-OGGI, 11 OTTOBRE 2012


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :