Inviare un messaggio

In risposta a:
GIAMBATTISTA VICO, "PRINCIPI DI SCIENZA NUOVA". Al di lÓ dei "corsi e ricorsi", il filo della tradizione critica (e cristica - non ’cattolica’!). Contro la cecitÓ e la boria dei dotti e delle nazioni

IL FULMINE SUL VATICANO, LO STUPORE DEI ’BESTIONI’ ATEI E DEVOTI, E LA LEZIONE DI VICO. Una nota - di Federico La Sala

MEMORIA FILOLOGICA E TEOLOGICA. GESU’, IL FIGLIO DELLA GRAZIA DI DIO O IL "TESORO" DI "MAMMONA" E DI "MAMMASANTISSIMA" DEGLI AF- FARAONI ATEI E DEVOTI?!
martedì 19 febbraio 2013 di Federico La Sala
Premessa
"(...) spaventati ed attoniti dal grand’effetto di che non sapevano la cagione, alzarono gli occhi ed avvertirono il cielo" (G. Vico, Scienza Nuova)
IL FULMINE E LA "SCIENZA NUOVA":
La storia umana, secondo Vico, inizia con il diluvio universale, quando gli uomini, giganti simili a primitivi bestioni, vivevano vagando nelle foreste in uno stato di completa anarchia.
Questa condizione bestiale era conseguenza del peccato originale, attenuata dall’intervento benevolo della (...)

In risposta a:

> IL FULMINE SUL VATICANO --- La foto simbolo del fulmine su San Pietro scattata nel giorno dell’annuncio delle dimissioni di Benedetto XVI spiegata dall’Autore.

martedì 12 febbraio 2013

Papa: la foto simbolo della giornata spiegata dall’autore [Alessandro Di Meo] *

ANSA, 12 febbraio 2013

      • La foto simbolo del fulmine su San Pietro scattata nel giorno dell’annuncio delle dimissioni di Benedetto XVI
        -  Guarda le foto 1 di 9

Otto secondi, con la macchina fotografica appoggiata su una balaustra. Sembra banale la spiegazione tecnica della foto del fulmine sul cupolone della Basilica di San Pietro, eletta a simbolo dell’annuncio delle dimissioni di papa Benedetto XVI e che ieri ha spopolato su internet e oggi ha monopolizzato i principali quotidiani italiani e stranieri. L’inquadratura abbraccia il colonnato del Bernini, la facciata del Maderno e la cupola voluta da Bramante e da Michelangelo Buonarroti. Proprio sulla cupola cade un fulmine, che sembra colpire la basilica di San Pietro. E che probabilmente la colpisce, dato che proprio in quel punto e’ sistemato un parafulmine.

’Stava arrivando un temporale - racconta Alessandro Di Meo, il fotoreporter dell’ANSA autore dello scatto realizzato ieri -. Quando ho visto il primo fulmine ho avuto l’idea e mi sono subito spostato sotto il colonnato. Sono stato quasi quaranta minuti a combattere con la macchina fotografica e le intemperie per cercare di realizzare la foto che avevo pensato’’.

Una lotta contro il tempo, ma anche contro la sfortuna: ’’Mentre pulivo la lente dalle gocce di pioggia, un primo fulmine ha colpito la cupola. E io non ho potuto far altro che osservare impotente, oltre che decisamente arrabbiato’’. La sfortuna pero’ non e’ bastata a scoraggiare Di Meo, che ha perseverato nel tentativo di cercare di realizzare la foto cosi’ come la aveva immaginata.

’’Ho provato ancora diverse volte - aggiunge il fotoreporter - finche’ un fulmine ha colpito la cupola proprio mentre scattavo’’. Per gli amanti della tecnica fotografica, Di Meo ha rivelato anche i dati di scatto della foto: ’’La macchina fotografica era poggiata su una transenna, e non su un cavalletto. Il tempo di esposizione era di otto secondi, a 9 di diaframma e 50 iso di sensibilita’. Ovviamente la macchina era impostata in manuale e montavo un obiettivo grandangolare che mi permetteva di includere tutta la basilica nell’inquadratura’’.

La foto non ha mancato di scatenare accese discussioni, rimbalzate soprattutto sul web e sui social network. Molte voci della rete hanno messo in discussione la veridicita’ della foto, sospettando un fotomontaggio o qualche intervento di fotoritocco. La smentita di Di Meo e’ categorica: ’’Capisco che la foto possa sembrare incredibile. Ma foto di fulmini se ne sono sempre fatte - replica fermamente il reporter -. L’unica differenza, in questo caso, e’ che si tratta del fulmine giusto, nel posto giusto e al momento giusto. Io ci sono riuscito per caparbieta’, e, perche’ no, anche con un pizzico di fortuna’’.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: