Inviare un messaggio

In risposta a:
SCIENZE ED EREDITA’ CULTURALE ...

L’EPOCA D’ORO DELLA SCIENZA ARABA. Prima di Galileo e Newton la rivoluzione dimenticata. Intervista al prof. Jimal­ Khalili di Gabriele Beccaria

Mentre l’Occidente languiva nella povertà, oltre che in una tremenda ignoranza, la civiltà scintillava in Medio Oriente e in Asia. Merito degli Omayyadi e degli Abbasidi e della fetta di mondo che plasmarono. Un melting pot che avrebbe unito popoli e culture dalla Spagna all’India.
mercoledì 2 ottobre 2013 di Federico La Sala
“Prima di Galileo e Newton la rivoluzione dimenticata”
Non solo matematica ma astronomia e geografia:
“La scienza araba cambiò il mondo”
di Gabriele Beccaria (La Stampa/TuttoScienze, 02.10.13)
Jimal­ Khalili: È PROFESSORE DI FISICA TEORICA ALL’UNIVERSITÀ DEL SURREY (GRAN BRETAGNA)
IL LIBRO : «LA CASA DELLA SAGGEZZA. L’EPOCA D’ORO DELLA SCIENZA ARABA», BOLLATI BORINGHIERI
Molti manoscritti sono perduti, così come gli imperi che li custodivano si sono sbriciolati. (...)

In risposta a:

>SCIENZA ARABA. - "Firenze e Bagdad" ---Tolomeo, le mappe e la prospettiva. L’arte è una questione geografica (di Franco Farinelli)

giovedì 12 novembre 2015

Intrecci

Tolomeo, le mappe e la prospettiva

L’arte è una questione geografica

di Franco Farinelli (Corriere della Sera, 12.11.2015)

Per Mark Rothko, alla metà del secolo scorso, il problema era «ricondurre lo spettatore dentro l’immagine» dipinta, il diavolo nella bottiglia. Ma quando ne era uscito?

La questione riguarda la storia dell’arte, certo, ma la risposta è letteralmente geografica. Senza la riscoperta della Geografia di Tolomeo, avvenuta a Firenze nei primissimi anni del Quattrocento, non vi sarebbe stata l’invenzione della prospettiva lineare moderna, che Erwin Panofsky chiamava «artificiale» per distinguerla da quella naturale degli antichi. E senza la prospettiva fiorentina non vi sarebbe stata l’intera modernità.

Non vi sarebbe stato lo spazio inteso come riduzione della faccia della Terra a complesso di parti l’un l’altra interscambiabili, primo «regno dell’equivalenza generale», come più tardi Marx dirà del mercato. Non vi sarebbe stato lo Stato, macchina spaziale che oggi mostra la sua ruggine.

Prima ancora, non vi sarebbe stata appunto la distanza tra spettatore e immagine da cui lo spazio trae origine, quel divario tra i terminali del processo cognitivo cui a metà del Seicento Cartesio darà veste canonica ma che nasce in forma esemplare e allo stesso tempo concretissima sotto il portico dell’Ospedale degli Innocenti, concepito da Brunelleschi qualche mese dopo la traduzione latina del testo tolemaico: il testo che, anche se finora quasi nessuno se ne è accorto, è proprio il libro che «facea tutta la guerra», il volume che nell’Orlando Furioso il mago Atlante tiene in mano per incantare il reale, sicché quest’ultimo «al falso più che al ver si rassomiglia».

La prospettiva moderna, la tecnica di ricondurre a misura l’intervallo spalancato tra il soggetto e l’oggetto, è insomma nient’altro che la traduzione orizzontale del verticale dispositivo geometrico che nell’opera di Tolomeo serve a trasformare la sfera terrestre in una mappa, dunque a sottrarre una dimensione al mondo: marchingegno che i traduttori moderni chiameranno proiezione, termine che deriva dall’alchimia e che segnala la precisa consapevolezza di avere a che fare con la più grande metamorfosi che si possa immaginare.

Nasceva in tal modo lo spazio della modernità, un ordine visivo generale in grado di informare nel corso del tempo non soltanto il pensiero plastico di tutto il pianeta ma, come codice dell’organizzazione territoriale, di soppiantare ovunque la vecchia logica dei luoghi. E in funzione di tale ricostituita genealogia, per cui il discorso artistico diventa un’estensione ed un’articolazione di quello geografico, molti problemi acquistano una veste inedita, e una nuova formulazione.

Un solo esempio: il celebre dibattito sul primato delle arti, la disputa se la suprema forma d’espressione fosse la pittura o la scultura, che tra Cinque e Seicento coinvolse in Italia i massimi artisti e fior di teorici.

A rileggere oggi i loro scritti appare evidente come i partigiani della pittura fossero tolemaici fino in fondo, perché difensori dell’unicità del punto di vista e di conseguenza dell’immobilità del soggetto: condizione essenziale per la riuscita del trucco prospettico come faceva notare Pavel Florenskij, stupito di come lo spettatore sembrasse paralizzato, quasi fosse stato avvelenato col curaro.

Rivendicando al contrario la pluralità dei punti di vista, Benvenuto Cellini e i pochissimi altri sostenitori del primato della scultura sulla pittura implicavano un registro della figurazione assolutamente opposto, non soltanto perché fondato sulla mobilità del soggetto, ma anche per una ragione inscritta ancor più nel profondo della cultura occidentale.

Nella geometria classica noi chiamiamo definizioni ciò che per Euclide sono veri e propri limiti, qualcosa cioè che il ragionamento non può oltrepassare, e cui egli dà letteralmente il nome di «montagne». Come dire che sotto tal profilo Cellini e compagni risultano non soltanto anti-tolemaici ma prima ancora anti-euclidei, sostenendo non soltanto la molteplicità delle visuali ma anche la necessità del loro raccordo: dunque un «sistema figurativo» (avrebbe detto Pierre Francastel) assolutamente anti-spaziale, riflesso non della pianura (di cui la superficie sulla quale si tracciano le linee è per Euclide e Tolomeo evidentemente la copia) ma della pratica dell’ambito montano, in cui a ogni passo la veduta può cambiare, e il soggetto deve continuamente connetterla alle precedenti. Nel segno dunque di un’altra possibile geografia, anch’essa sconfitta dalla storia.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: