Poster un message

En réponse à :
SCIENZE ED EREDITA’ CULTURALE ...

L’EPOCA D’ORO DELLA SCIENZA ARABA. Prima di Galileo e Newton la rivoluzione dimenticata. Intervista al prof. Jimal­ Khalili di Gabriele Beccaria

Mentre l’Occidente languiva nella povertà, oltre che in una tremenda ignoranza, la civiltà scintillava in Medio Oriente e in Asia. Merito degli Omayyadi e degli Abbasidi e della fetta di mondo che plasmarono. Un melting pot che avrebbe unito popoli e culture dalla Spagna all’India.
mercredi 2 octobre 2013 par Federico La Sala
“Prima di Galileo e Newton la rivoluzione dimenticata”
Non solo matematica ma astronomia e geografia :
“La scienza araba cambiò il mondo”
di Gabriele Beccaria (La Stampa/TuttoScienze, 02.10.13)
Jimal­ Khalili : È PROFESSORE DI FISICA TEORICA ALL’UNIVERSITÀ DEL SURREY (GRAN BRETAGNA)
IL LIBRO : « LA CASA DELLA SAGGEZZA. L’EPOCA D’ORO DELLA SCIENZA ARABA », BOLLATI BORINGHIERI
Molti manoscritti sono perduti, così come gli imperi che li custodivano si sono sbriciolati. (...)

En réponse à :

> L’EPOCA D’ORO DELLA SCIENZA ARABA. -- Yahya ibn Adi. Una ventina di opere sconosciute di un grande filosofo cristiano della Baghdad del decimo secolo sono tornate alla luce a Teheran (di Giorgio Bernardelli)

vendredi 8 juillet 2016

La scoperta

In una madrasa l’inedito del filosofo cristiano

di Giorgio Bernardelli (Avvenire, 7 luglio 2016) ​

Una ventina di opere sconosciute di un grande filosofo cristiano della Baghdad del decimo secolo sono tornate alla luce a Teheran grazie a un codice manoscritto custodito nella biblioteca di una madrasa - una scuola islamica. Ad annunciare la scoperta è stato qualche giorno fa il blog dell’American Philosopical Association : un articolo apparso sul sito ha dato conto di alcune nuove ricerche condotte da Rob Wisnovsky, uno studioso della McGill University, sulla figura di Yahya ibn Adi, filosofo siriaco considerato tra i protagonisti in quella catena di filosofi che nel mondo arabo ha tramandato il pensiero di Aristotele, giunto poi nell’Europa medievale attraverso i commentari di Averroè e Avicenna.

Yahya ibn Adi era nato nel 893 a Tikrit, nel nord dell’Iraq, a quel tempo ancora il cuore culturale del cristianesimo siriaco. Da lì si era poi trasferito a Baghdad, la capitale del califfato, dove aveva studiato la logica aristotelica alla scuola di al Farabi, il più grande filosofo musulmano dell’epoca. In questo ambiente aveva portato un nuovo contributo attraverso traduzioni dal siriaco all’arabo di ulteriori opere filosofiche greche.
-  E aveva poi costituito una sua scuola filosofica, frequentata da allievi tanto cristiani quanto musulmani. Yahya ibn Adi visse a Baghdad fino alla sua morte, avvenuta nell’anno 974, divenendo uno dei punti di riferimento culturali della città. Fu un grande maestro di logica ; ma il dato più interessante è che alcune delle sue opere più famose sono dedicate alla spiegazione del dogma della Trinità a partire dalle categorie aristoteliche. Un fatto, questo, che rivela come - nel contesto della Baghdad del X secolo - i filosofi cristiani e musulmani discutessero tra loro in maniera aperta anche su questioni teologiche, con il metodo tipico del confronto intellettuale.

Pur essendo un nome pressoché ignoto al di fuori del circolo ristretto degli studiosi, tutto questo di Yahya ibn Adi in realtà lo si sapeva già. La vera novità sta nel fatto che adesso sarà possibile studiare più a fondo il suo pensiero grazie alla mole notevole di nuove opere ritrovate. Una scoperta resa possibile dalle nuove frontiere della digitalizzazione : come racconta infatti Wisnovsky, del codice manoscritto custodito nella madrasa si sapeva solo genericamente che conteneva - insieme a scritti di filosofi islamici - anche opere di Yahya ibn Adi.
-  Grazie però all’aiuto di un collega iraniano, che ne ha effettuato una digitalizzazione completa, lo studioso americano ha potuto scoprire con sorpresa che almeno una ventina di testi non era contenuto negli inventari delle opere attualmente esistenti. Così è iniziato lo studio dei nuovi scritti del filosofo siriaco che proprio sulla questione del rapporto tra pensiero teologico e pensiero religioso ha dato già risultati interessanti.

La riflessione sulla Trinità a partire dalle categorie aristoteliche - infatti - nei nuovi scritti appare ancora più accurata. Inoltre Yahya ibn Adi affronta anche temi specifici del pensiero teologico musulmano ; ad esempio c’è una critica da un punto di vista logico a una prova islamica dell’esistenza di Dio che non riteneva sufficientemente fondata. In generale sembra emergere in maniera evidente quanto la sua autorevolezza sull’esegesi del pensiero di Aristotele fosse riconosciuta da tutti.
-  « Quando questi trattati saranno resi disponibili, tradotti e studiati - conclude il professor Peter Adamson sul blog dell’American Philosopical Association -, avremo un quadro più accurato della recezione del pensiero di Aristotele tra gli arabi. Ma già ora appare chiaro che, quanto a livello degli studi su Aristotele, grazie a Ibn Adi e ai suoi colleghi, la Baghdad del decimo secolo non aveva nulla da invidiare all’Alessandria del quinto, alla Parigi del tredicesimo e all’Oxford del ventesimo secolo ». E soprattutto - aggiungiamo noi - conferma quanto quel cristianesimo di matrice siriaca, che la guerra di oggi sta brutalmente spazzando via dall’Iraq, sia invece un tassello fondamentale della storia e della cultura del Paese. Che non può finire semidimenticato sulla polvere di qualche scaffale.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :