Poster un message

En réponse à :
PACE O GUERRA ? IL DIO-AMORE DELL’EVANGELISTA GIOVANNI : "CHARISSIMI, NOLITE OMNI SPIRITUI CREDERE... DEUS CHARITAS EST" (1 Gv., 4. 1-8), O IL DIO-MAMMONA DEL VANGELO DI BENEDETTO XVI : "DEUS CARITAS EST"(2006) ?!

ANNO 2014 d. C. !? LA "XLVII GIORNATA MONDIALE DELLA PACE" E IL "DOPPIO REGISTRO" DELLA CHIESA DI PAPA FRANCESCO. Il testo del suo messaggio - a c. di Federico La Sala

In questo mio primo Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace, desidero rivolgere a tutti, singoli e popoli, l’augurio di un’esistenza colma di gioia e di speranza (...)
mercredi 1er janvier 2014
Una fraternità priva del riferimento ad un Padre comune, quale suo fondamento ultimo, non riesce a sussistere :
SE UN PAPA TEOLOGO SCRIVE LA SUA PRIMA ENCICLICA, TITOLANDOLA "DEUS CARITAS EST" ("CHARITAS", SENZA "H"), E’ ORA CHE TORNI A CASA, DA "MARIA E GIUSEPPE", PER IMPARARE UN PO’ DI CRISTIANESIMO.
NATALE, MA DI QUALE GESU’ ?! E’ NATO IL RE, IL "FIGLIO PRIMOGENITO" DELL’AMORE ("CHARITAS") DI MARIA E GIUSEPPE ("DUE GIOVANI COLOMBI") O DELL’AMORE ("CARITAS") DI PAPA RATZINGER E DELLA (...)

En réponse à :

> LA "XLVII GIORNATA MONDIALE DELLA PACE" E IL "DOPPIO REGISTRO" DELLA CHIESA ---- LAMPEDUSA. Bregantini : « Stato assente Vergogna » (di Roberto Monteforte)

jeudi 19 décembre 2013

Bregantini : « Stato assente Vergogna » di Roberto Monteforte in “l’Unità” del 19 dicembre 2013

« È vero che la violenza è stata fatta, ma non è meno tragica la violenza di uno Stato che non sa attrezzarsi dignitosamente, questa è la vergogna ». È il commento del presidente della Commissione Lavoro, Giustizia e Pace della Cei monsignor Giancarlo Bregantini, vescovo di Campobasso, alle immagini shoc del centro di prima accoglienza di Lampedusa.

Non vi è solo la responsabilità degli operatori e responsabili del Centro, vi anche quella dello Stato. Nel corso della presentazione della Marcia della Pace della notte del 31 dicembre, dedicato quest’anno alla « fraternità, fondamento e via della pace » che si terrà nella città del Molise, è quasi naturale che venga un giudizio del vescovo su quel video che ritrae i migranti nudi, all’aperto, « disinfettati ». Bregantini lo definisce « tristissimo » e si collega alle dichiarazioni del primo cittadino dell’isola siciliana, Giusy Nicolini. « Il sindaco dice che non c’è solo una violenza di chi ha compiuto quel gesto disumano, ma - osserva - c’è una struttura inadeguata che non può rispondere a un numero così alto d’immigrati ».

Un numero che - sottolinea - è di molto inferiore a quello sopportato da altri Paesi, come il Libano. « Da noi, al confronto, sono pochissimi e non siamo in grado di gestirli.. ». « Chi ha compiuto quel gesto - ha aggiunto monsignor Bregantini - è degno di una sconfessione netta, ma anche la realtà centrale dello Stato deve essere molto più efficace e propositiva ». Lo afferma con amarezza dopo alcuni mesi dalla tragedia che ha visto centinaia di migranti perdere la vita al largo di Lampedusa.

Certo è che il dramma di chi è costretto a lasciare il proprio Paese per fuggire dai drammi della guerra e della miseria è ben presente agli organizzatori della Marcia per la Pace, dalla Caritas e Pax Christi, alle diocesi del Molise, della Campania e della Puglia. In testa alla Marcia, infatti, ci sarà una croce realizzata con i legni delle imbarcazioni che sono naufragate a Lampedusa, così come lo era l’altare dal quale Papa Francesco celebrò la messa nell’isola « Porta d’Europa ». Ieri Bregantini ha rilanciato l’appello di Bergoglio rinnovato nel suo Messaggio per la Giornata Mondiale per la Pace 2014 : l’attenzione e l’accoglienza al fratello sono un dovere di civiltà, fondamentale per la pace nella giustizia.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :