Inviare un messaggio

In risposta a:
IL DRAMMA DEL MEZZOGIORNO. La crisi ha colpito il Sud con "effetti durissimi", servono "interventi robusti per amplificare i timidi segnali positivi", avverte Confindustria.

A SUD (NON SOLO) SEMPRE PIU’ NOTTE!!! Il "Check Up Mezzogiorno" di Confindustria e Srm (e la lezione di Carlo Levi) - a c. di Federico La Sala

Carlo Levi, “Cristo si fermato ad Eboli” (1945). Rileggere il ricco e complesso lavoro sociologico-politico (altro che "romanzo"!)
mercoledì 10 settembre 2014
[...] ALLA LUCE DI QUESTI CATASTROFICI DATI, mi permetto di invitare a rileggere il ricco e complesso lavoro sociologico-politico (altro che "romanzo"!) di Carlo Levi,
“Cristo si fermato ad Eboli”, e a soffermarsi - in particolare - sul passaggio relativo alla “Ditta Renzi - Torino”, alle tasse, e alle capre (pp. 40-41, ed. Einaudi: testo integrale disponibile al link [...]

Crisi, il dramma del Mezzogiorno: (...)

In risposta a:

> A SUD (NON SOLO) SEMPRE PIU’ NOTTE!!! --- Allarme Svimez: il Sud rischia "sottosviluppo permanente".

venerdì 31 luglio 2015

Allarme Svimez: il Sud rischia "sottosviluppo permanente" *

(AGI) - Roma, 30 lug. - Il Sud corre il rischio di non agganciare la ripresa e di vedersi condannato a un ’sottosviluppo permanente’. L’ennesimo allarme sul futuro del Mezzogiorno d’Italia arriva dal Rapporto Svimez 2015, che fotografa un Paese ’diviso e diseguale, dove il Sud scivola sempre piu’ nell’arretramento’. Un Paese dove ’dal 2000 al 2013 il Meridione e’ cresciuto la meta’ della Grecia’. I dati che il rapporto mette nero su bianco sono preoccupanti: nel 2014, per il settimo anno consecutivo, il Pil del Mezzogiorno e’ negativo (-1,3%), il divario del Pil pro capite tra Centro-Nord e Sud e’ tornato ai livelli di 15 anni fa, il 62% dei meridionali guadagna meno di 12 mila euro annui (contro il 28,5% del Centro-Nord) e ’una persona su tre’ e’ a rischio poverta’, a fronte di un rapporto di ’una su dieci al Nord’. Numeri allarmanti anche sul fronte dell’occupazione. ’Nel 2014 i posti di lavoro in Italia sono cresciuti di 88.400 unita’, tutti concentrati nel Centro-Nord (133 mila).

Il Sud, invece, ne ha persi 45 mila. Il numero degli occupati nel Mezzogiorno torna cosi’ a 5,8 milioni; il livello piu’ basso almeno dal 1977’. Per quanto riguarda l’occupazione femminile, secondo lo studio ’al Sud lavora solo una giovane su cinque’. Il capitolo ’giovani e lavoro’ mostra una ’frattura’ senza paragoni in Europa: continua, infatti, ’l’andamento contrapposto dell’occupazione tra i giovani e i meno giovani’.

Non vanno meglio le cose sul fronte della domanda di beni e servizi. ’I consumi delle famiglie meridionali sono ancora scesi, arrivando a ridursi nel 2014 dello 0,4%, a fronte di un aumento del +0,6% nelle regioni del Centro-Nord.

In generale nel 2014 i consumi pro capite delle famiglie del Mezzogiorno sono stati pari al 67% di quelli del Centro-Nord’. Continua la caduta degli investimenti. ’Anche nel 2014 gli investimenti fissi lordi hanno segnato una caduta maggiore al Sud rispetto al Centro-Nord: -4% rispetto a -3,1%. Dal 2008 al 2014 sono crollati del 38% nel Mezzogiorno e del 27% nel Centro-Nord’. Parlando della crisi economica, il centro studi osserva che tra il 2008 e il 2014 ’la riduzione del valore aggiunto e’ stata piu’ intensa al Sud in tutti i settori produttivi. Peggio di tutti l’industria: qui il valore aggiunto e’ crollato al Sud cumulativamente del -35%, a fronte del -17,2% nel resto del Paese’.

In questo scenario lo Svimez avverte che ’Il Sud e’ ormai a forte rischio di desertificazione industriale, con la conseguenza che l’assenza di risorse umane, imprenditoriali e finanziarie potrebbe impedire all’area meridionale di agganciare la possibile ripresa e trasformare la crisi ciclica in un sottosviluppo permanente’. Non stupisce che nel 2014 nel Meridione si siano registrate solo 174 mila nascite, un livello che ci riporta al minimo storico registrato oltre 150 anni fa’. .

* http://www.repubblica.it/ultimora/24ore/allarme-svimez-il-sud-rischia-sottosviluppo-permanente/news-dettaglio/4593778



Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: