Poster un message

En réponse à :
Poesia

PURGATORIO DE L’INFERNO, 10. "Questo è il gatto con gli stivali" - di Edoardo Sanguineti

Mentre con il figlio osserva un libro illustrato, il poeta gli insegna che dietro a ogni cosa in esso rappresentata e a ogni manifestazione della vita si nasconde l’onnipotenza del denaro.
dimanche 14 mai 2006 par Vincenzo Tiano

En réponse à :

> PURGATORIO DE L’INFERNO, 10 - --- Sanguineti, uno stile blob (di Gian Luigi Beccaria)

mercredi 19 mai 2010

Sanguineti, uno stile blob

di GIAN LUIGI BECCARIA (La Stampa, 19/5/2010)

Le prime poesie Sanguineti le aveva scritte nel ’51. Studente prodigio, cominciava giovanissimo a « sabotare » la letteratura con testi provocatori che volevano mettere in crisi le lettere come istituzione storica e come specificità di forme e significati tradizionali : i soliti temi, i generi fissati da tempo con tutto l’insieme di un « immaginario » prevedibile, scontato.

Nel ’56 uscirà Laborintus, seguiranno altri testi di dirompente novità, che gettavano reti dottissime su un profondo disagio esistenziale. Palus putredinis, sezione di Laborintus, alludeva a una palude mefitica come metafora del caos, della palude in cui s’era andato a infognare, a suo parere, l’universo poetico nostrano, tutto ordinato da uno stile troppo sublime. Dirompenti le novità sul piano della forma : sintassi totalmente disarticolata, frasi sospese, interrotte ossessivamente da parentesi, una punteggiatura esorbitante, e tanti incisi, uno scarto violento dall’ordine discorsivo.

Sanguineti era poi passato ad applicarsi ai piccoli fatti veri, « freschi di giornata », come ribadiva nelle Postkarten (1978), minicronache in versi di un reale visto teneramente a frammenti, per discontinuità, dati scrupolosamente nominati e definiti, un catalogo ilare di ciò che ci attornia, un « intorno » che pare privo di profondità e spessore, ma nella sostanza si muove vivo e parlante, in passi di danza. Con un inconfondibile stile blob sapeva tenere a braccetto il basso, il tecnico e l’alto lessico evocativo. Montava straordinarie messe in scena di linguaggi finti, frasi fatte, il tutto costruito come se il linguaggio della comunicazione media non esistesse, o esistesse solo per essere messo in rima, o alla berlina.

La « morale » però c’era (come dice nel Novissimum testamentum). Bisogna cavarla. Ed è restata, nei riguardi della società e nei confronti della storia, sempre lucida, rigorosa, implacabile, ostinatamente immutata.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :