Poster un message

En réponse à :
Politica

Berlusconi mette ancora in discussione il risultato delle elezioni e spera nel riconteggio dei voti

mercredi 17 mai 2006 par Emiliano Morrone
L’UNITA’ D’ITALIA E IL PARLAMENTO "CON LA COPPOLA", QUELLA DI "FORZA ITALIA" E DEL "POPOLO DELLA LIBERTA’".
TRE PRESIDENTI : OSCAR LUIGI SCALFARO (1992-1999), CARLO AZEGLIO CIAMPI (1999-2006), GIORGIO NAPOLITANO (2006-2014), E IL PARTITO DEL FALSO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DEL "POPOLO DELLA LIBERTA’" : "FORZA ITALIA" !!!
L’ITALIA (1994-2014), TRE PRESIDENTI DELLA REPUBBLICA SENZA "PAROLA", E I FURBASTRI CHE SANNO (COSA SIGNIFICA) GRIDARE "FORZA ITALIA". In memoria di Sandro Pertini e di (...)

En réponse à :

> Berlusconi mette ancora in discussione il risultato --- L’incognita di essere ancora legati al Cavaliere.

samedi 5 avril 2014

L’incognita di essere ancora legati al Cavaliere

di Marcello Sorgi (La Stampa, 05.04.2014)

Dopo i rispettivi incontri con Berlusconi al Quirinale e con Letta e Verdini a Palazzo Chigi, Napolitano e Renzi si sono ritrovati ieri mattina per fare il punto della situazione. Sulle scadenze più prossime, il Def e i provvedimenti economici che il governo deve portare all’attenzione dei severi controllori europei, la situazione è sotto controllo.

Bruxelles ha accettato l’impostazione renziana, secondo la quale il taglio delle tasse che consentirà di dare ottanta euro al mese in più a tutti quelli che guadagnano fino a mille e cinquecento euro sarà coperto quest’anno da un lieve peggioramento del rapporto tra deficit e pil (dal 2,6 al 2,8 per cento) e con i benefici del calo dello spread (ieri a quota 160) e degli interessi dei titoli di Stato. I conti veri occorrerà farli l’anno prossimo, quando la Ue pretenderà che le coperture nel bilancio diventino strutturali, cioè siano assicurate con tagli alla spesa.

Sul fronte riforme, invece, la prospettiva resta legata a Berlusconi. A Napolitano, che gli aveva parlato per quasi due ore mercoledì sera, Renzi è apparso fin troppo ottimista sulle effettive intenzioni del leader di Forza Italia, dopo le turbolenze che anche ieri sono venute dal centrodestra. Il consiglio del Presidente al premier è stato di affrontare il difficile percorso parlamentare al Senato con atteggiamento flessibile, cercando un’intesa che possa reggere anche nelle votazioni successive al primo passaggio in aula del nuovo testo costituzionale. Napolitano insomma è prudente, ma confida che questa sia la volta buona.

Lo scontro vero, ormai senza esclusione di colpi, è quello tra Renzi e Grillo. Ieri contro il leader del Movimento 5 stelle s’è mosso anche il vicesegretario del Pd, e stretto collaboratore del premier, Lorenzo Guerini, in pratica il reggente del Nazareno. Grillo ha risposto a stretto giro. La verità è che, come dimostrano ormai in modo inequivocabile i sondaggi, il muro contro muro quotidiano tra Palazzo Chigi e il maggior partito d’opposizione conviene a tutti e due. Ma se il 25 maggio l’ex-sindaco e l’ex-comico dovessero fare il pieno di voti a scapito di tutti gli altri, anche la stabilità del governo potrebbe risentirne.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :