Poster un message

En réponse à :
Politica

I Lavoratori socialmente utili non possono firmare alcun documento prodotto. La decisione è del Comune di San Giovanni in Fiore. Decine di laureati e diplomati privati, così, della dignità. Emiliano Morrone riflette sugli ultimi atti, illuminati, dell’amministrazione comunale

samedi 20 mai 2006 par Emiliano Morrone
Con un disciplinare interno, il Comune di San Giovanni in Fiore ha stabilito che i Lavoratori socialmente utili non possono firmare relazioni o documenti prodotti nell’esercizio delle loro funzioni. Si dirà, credo, che esistono precise disposizioni ministeriali o norme regolamentari che sanciscono quanto il Comune ha semplicemente confermato accogliendole. Ci sono sempre motivazioni di carattere normativo, giuridico e teleologico che inducono l’ente a provvedere, assicurando trasparenza (...)

En réponse à :

> I Lavoratori socialmente utili non possono firmare alcun documento prodotto. La decisione è del Comune di San Giovanni in Fiore. Decine di laureati e diplomati privati, così, della dignità. Emiliano Morrone riflette sugli ultimi atti, illuminati, dell’amministrazione comunale

samedi 20 mai 2006

Caro Direttore e caro Tiano, bellissime parole quelle del giudice Borsellino : ...un movimento culturale e morale, anche religioso, che coinvolga tutti, che tutti abitui a sentire la bellezza del fresco profumo di libertà... Io mi chiedo : libertà e pane (posto di lavoro) a discrezione per tutti, potranno essere, un giorno, fra loro conciliabili, nel paese di Gioacchino ? Oppure saremo (saranno) sempre "schiavizzati" dalle necessità, dal "pane", e quindi sempre assoggettati al potere ? Cosìcchè chi amministra questo "pane", sarà sempre considerato quell’ipotetico "dittatore" o "mafioso" ? E chi "sfama" lo fa, ricordiamocelo, sempre in "nome di qualcuno" (partito politico) al quale dobbiamo eterna riconoscenza (voto elettorale). Mai e poi mai potremo (potranno) sfamarci (sfamarsi) senza di "loro" ?

Finchè resteremo liberi (fuori da questo sistema di cose) nessuno ci darà il "pane", caro Direttore ; saremo costretti a vivere lontani dal nostro paese natio. Un giorno che decidessimo di "deporre la nostra arma", la nostra libertà, allora cadremmo anche noi ai loro piedi per implorare il "panem nostrum cotidianum". Per conservare la propria dignità si richiede ai nostri giovani un prezzo molto, troppo elevato : la partenza, la lontananza, l’emigrazione. E non tutti, giustificatamente, sono disposti a pagarla !

Mit freundlichen Grüssen. Biasi


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :