Poster un message

En réponse à :
Chiesa e politica

Casi di inaccettabile intromissione

mercredi 24 mai 2006 par Mauro Diana
Che la chiesa si intrometta in tematiche strettamente politiche non è una novità. Anzi, sembra ormai diventata una consuetudine.
Comprendo chiaramente la posizione dei prelati per i quali non ci deve essere aborto, non si debbano usare anticoncezionali, non si debbano accettare i PACS e via discorrendo.
Ma sono anche tematiche per le quali la Chiesa non può permettersi di andare oltre, superare quel limite invalicabile che è la libertà di pensiero individuale.
Libertà di pensiero che ha (...)

En réponse à :

> Casi di inaccettabile intromissione

mardi 23 mai 2006

Gentile Biasi,

la ringrazio per la sua riflessione molto interessante, come ringrazio il vicedirettore Tiani per il suo intervento davvero lucido.

Forse il guaio, se così lo si può definire, sta proprio nel fatto che il prete ha parlato dei PACS e dell’aborto in chiesa in una occasione, il matrimonio, che nulla ha che vedere con queste tematiche strettamente politiche.

In Chiesa si va ad ascoltare la parola di Dio, non la parola della Chiesa. Attenzione : la distinzione è grande.

Il prete, poi, durante la predica legge la Parola e la interpreta anche a suo modo, ma non può non leggere la Parola di Gesù e parlare di questi temi e, solo dopo, proporre una lettura e celebrare il rito. E, come afferma anche il vicedirettore, non ci devono essere colori. Questi miei due amici hanno fatto benissimo a scegliere la via cattolica per il matrimonio. Ci mancherebbe altro. E faranno il loro dovere accettando senza riserve quello che l’insegnamento del matrimonio educa : la tolleranza, l’amore, l’educazione dei figli che verranno, la fedeltà, il rispetto reciproco nella buona e nella cattiva sorte. Rispetto che, dunque, va manifestato verso tutti.

E mi piacerebbe sottolineare che la Chiesa deve educare alla fede, non deve educare le coscienze. Alle coscienze ci pensa la società, gli individui stessi, mediante un insegnamento laico su concetti razionali e non sul misticismo. Chi crede lo fa per fede e, come la Bibbia insegna, tutti sono figli di Dio, e non del demonio, e tutti vengono accettati per quello che sono.

Chi uccide va all’inferno (ma anche chi uccide la libertà di pensiero indivuale) e sono sicuro che accettando tutti non si possa correre il rischio di finirci !

Con sincera stima,

Mauro Diana.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :