Poster un message

En réponse à :
ITALIA

Dico e dico : pace...pace, e rispetto della dignità umana e dei diritti di tutti e di tutte !!! Per solidarietà G. Vattimo, lettera aperta di Federico La Sala a Prodi

GESU’ !!! "JE SUiS ... CHRETIEN" !!! Non ... "CRETIN" !!! NE’ "CATTOLICO-ROMANO" !!!
samedi 10 février 2007 par Vincenzo Tiano
[...] Caro Prodi
Proceda !!! Tutto il mio sostegno e il mio invito a continuare sulla strada di essere umani adulti, sia della ragione sia della fede !
Buon lavoro e VIVA L’ITALIA !!! [...]

Per solidarietà a Gianni Vattimo* ... una lettera a Prodi !!!
PACS... PACE, E RISPETTO DELLA DIGNITA’ E DEI DIRITTI DI TUTTI E DI TUTTE !!!
Lettera aperta a ROMANO PRODI
di Federico La Sala
 (...)

En réponse à :

> "DICO" e DICO : PACE... PACE, E RISPETTO DELLA DIGNITA’ E DEI DIRITTI DI TUTTI E DI TUTTE !!! Per solidarietà a Gianni Vattimo, lettera (2005) aperta di Federico La Sala a Romano Prodi

lundi 26 mars 2007

La Cei attacca i Dico : « Sono pericolosi e inaccettabili » *

Ci mancava l’attacco ai Dico di giornata. La Chiesa se ne era dimenticata e recupera subito. Ci pensa il nuovo presidente della Cei, Angelo Bagnasco. L’arcivescovo di Genova ha tenuto la sua prima prolusione al consiglio permanente della Conferenza episcopale italiana, una sorta di parlamentino dei vescovi italiani a cui prendono parte 31 presuli su un totale di circa 250. C’era grande attesa per quanto avrebbe detto : le sue prime parole sono state una riaffermazione della fedeltà dei vescovi italiani al Papa e della continuità con la linea del suo predecessore, il cardinal Camillo Ruini.

Proprio in esplicita continuità con « l’amato Ruini », Bagnasco ha ricordato la battaglia a favore del matrimonio e delle famiglie, che in soldoni vuol dire contro i Dico. Il neo presidente dei vescovi italiani ha ribadito infatti che l’episcopato italiano giudica il ddl sui diritti dei conviventi (i "Dico", appunto), l

Bagnasco ha messo poi le mani avanti cercando di difendersi dalle critiche : « Il dovere di parlare del matrimonio come invalicabile bene dato agli uomini per la loro felicità e per il loro futuro » e il suo Magistero al riguardo « non può essere interpretato come un sopruso, o come un’invadenza di campo, o come un gesto indelicato se non spropositato, o addirittura come una ricerca di potere temporale ». « Se la Chiesa cercasse il potere, basterebbe imboccare la via facile dell’accondiscendenza », ha osservato Bagnasco sostenendo con le parole del Papa che invece « merita essere solleciti affinché le famiglie più esposte non cedano sotto le pressioni di lobbies capaci di incidere negativamente sui processi legislativi ». « Proprio l’intenzione spirituale e pastorale - ha sottolineato - ci porta ad evidenziare il tema della famiglia. E a farlo con la serenità e la chiarezza che sono indispensabili ». Grazie a questa serenità e chiarezza, i vescovi italiani metteranno a punto una nota contro il ddl sui "Dico", che sarà diffusa giovedì prossimo.

* l’Unità, Pubblicato il : 26.03.07, Modificato il : 26.03.07 alle ore 17.57


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :