Poster un message

En réponse à :
ITALIA

Dico e dico : pace...pace, e rispetto della dignità umana e dei diritti di tutti e di tutte !!! Per solidarietà G. Vattimo, lettera aperta di Federico La Sala a Prodi

GESU’ !!! "JE SUiS ... CHRETIEN" !!! Non ... "CRETIN" !!! NE’ "CATTOLICO-ROMANO" !!!
samedi 10 février 2007 par Vincenzo Tiano
[...] Caro Prodi
Proceda !!! Tutto il mio sostegno e il mio invito a continuare sulla strada di essere umani adulti, sia della ragione sia della fede !
Buon lavoro e VIVA L’ITALIA !!! [...]

Per solidarietà a Gianni Vattimo* ... una lettera a Prodi !!!
PACS... PACE, E RISPETTO DELLA DIGNITA’ E DEI DIRITTI DI TUTTI E DI TUTTE !!!
Lettera aperta a ROMANO PRODI
di Federico La Sala
 (...)

En réponse à :

> Lettera aperta di Federico La Sala a Romano Prodi

jeudi 14 décembre 2006

« Eutanasia e aborto minano la pace »

Benedetto XVI a tutto campo sui temi della guerra e dei diritti. Legando a un unico filo della vita da difendere l’atomica e gli embrioni di Mimmo de Cillis*

Papa Ratzinger è un fiume in piena. Nel messaggio annuale per la Giornata mondiale della pace, che la chiesa celebra il primo gennaio, Benedetto XVI spazia a 360° fra argomenti come pace, guerra, terrorismo, uguaglianza, ecologia, diritti umani, e ancora persona, aborto, eutanasia, visione dell’uomo e concezione di Dio. Negli ultimi tempi il papa ha proposto discorsi densi, che toccano temi di attualità e finiscono per catalizzare l’attenzione dei mass media. Ratzinger non ha timore di intervenire su temi che stanno monopolizzando l’attenzione dei governi e dell’opinione pubblica. Il messaggio per la Giornata mondiale della pace rappresenta la magna charta per l’impegno della Santa sede, e della chiesa tutta, sulle questioni della pace e della giustizia.

E’ un documento che offre le linee direttrici per un anno intero. In quello per il 2007, presentato ieri, Ratzinger ribadisce che pace e giustizia hanno l’origine primaria in una sana visione della persona (« un pensiero forte ») ; nel tenere ferma la sua centralità e il suo valore assoluto, fondato su una dignità di matrice trascendente, cioè sull’immagine del creatore. Per questo il messaggio titolato « Persona umana, cuore della pace » tocca temi come il diritto alla vita, l’aborto e l’eutanasia, questioni che, a prima vista, sembrerebbero avere poco a che vedere con la pace.

La pace, scandisce Ratzinger, è « dono e compito », cioè dipende un po’ da Dio e un po’ dall’uomo. Dio l’ha scritta nella natura attraverso una « grammatica trascendente », cioè un insieme di regole che, se rispettate, portano il genere umano all’armonia ; oppure, se violate, al caos e alla prevaricazione. Questa grammatica è la « legge naturale », la teoria dei « diritti naturali », cavallo di battaglia su cui gioca l’intero impianto filosofico-antropologico cristiano, e in particolar modo quello proposto dal Ratzinger filosofo e teologo. Una legge, a detta del papa, « iscritta nelle coscienze » (dunque per riconoscerla non bisogna essere necessariamente credenti), che nel contempo « rispecchia il progetto sapiente di Dio ». Questo insieme di norme, riconoscibili con la pura razionalità, non devono dunque apparire una coartazione, ammonisce il papa, rivolgendosi, in qualche modo, anche ai non cristiani : è questo infatti il « terreno fecondo » su cui impostare un dialogo fra cristiani, fedeli di altre religioni e non credenti.

Il primo diritto, argomenta Ratzinger, è quello alla vita, « un dono di cui il soggetto non ha la completa disponibilità ». La pace presuppone, infatti, il riconoscimento di valori e realtà « non disponibili », cioè su cui l’uomo stesso non ha completo potere. Ecco l’aggancio con « lo scempio che si fa nella nostra società : accanto alle vittime dei conflitti armati, del terrorismo e di svariate forme di violenza, ci sono le morti silenziose provocate dalla fame, dall’aborto, dalla sperimentazione sugli embrioni e dall’eutanasia ». Il pontefice sembra strabuzzare gli occhi quando si chiede : « Come non vedere in tutto questo un attentato alla pace ? L’aborto e la sperimentazione sugli embrioni costituiscono la diretta negazione dell’atteggiamento di accoglienza verso l’altro, indispensabile per instaurare durevoli rapporti di pace ».

Il discorso si sofferma poi sulla necessaria uguaglianza fra persone (e sulle disuguaglianze come sorgenti di conflitto), sull’ecologia, che non è solo « della natura », ma anche « umana » e « sociale », nel senso che se l’umanità violenta la creazione si autodistrugge. Anche questa violenza è frutto di una « idea disumana di sviluppo », e quindi il circolo si chiude : Ratzinger torna a indicare una corretta visione dell’uomo e anche una giusta concezione di Dio, che esclude ogni possibile ricorso alla violenza.

Ma la pace non « è messa in questione solo dal conflitto tra le ideologie », bensì anche « dall’indifferenza per ciò che costituisce la vera natura dell’uomo ». Una concezione « debole » della persona, sottolinea il papa, indebolisce tutto l’impianto dei diritti umani, rende cioè più facile esporre l’uomo all’arbitrio della violenza e della sopraffazione. Anche i diritti umani, dunque - che pongono alcuni valori assoluti, come la dignità inalienabile dell’individuo - dovrebbero avere un fondamento assoluto (« nella natura stessa dell’uomo ») e non relativo (il pericolo del relativismo è sempre dietro l’angolo).

Dai diritti umani al « diritto umanitario internazionale » il passo è breve : qui Ratzinger indica l’urgenza di applicarlo sempre, in tutti i contesti belligeranti (ricordando il Libano), e cita il pericolo di una nuova corsa al nucleare, foriera di una catastrofe, parlando di « ombre minacciose che continuano ad addensarsi all’orizzonte dell’umanità », chiedendo l’immediato smantellamento degli ordigni. Un messaggio a tutto tondo, insomma, dall’embrione alla guerra nucleare. Papa Ratzinger non lascia passar nulla.

*Lettera22

* il manifesto, 13.12.2006


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :