Poster un message

En réponse à :
Costituzione !!!

L’ITALIA, LA CHIESA CATTOLICA, I "TESTICOLI" DELLE DONNE E LA "COGLIONERIA" DEGLI UOMINI OVVERO ANCHE LE DONNE HANNO LE "PALLE". L’ammissione di Giovanni Valverde, del 1560 !!! E CHE COSA SIGNIFICA ESSERE CITTADINI E CITTADINE D’ITALIA !!!

samedi 16 juin 2007 par Federico La Sala
COSTITUZIONE, art. 3 : Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E’ compito della Repubblica, rimuovere gli ostacoli [...].
DONNE, UOMINI E VIOLENZA : "Parliamo di FEMMINICIDIO". L’importanza della lezione dei "PROMESSI SPOSI", oggi

La COSTITUZIONE, le differenze, e (...)

En réponse à :

> ANCHE LE DONNE HANNO LE ’PALLE’ (Giovanni Valverde, 1560) !!!

lundi 19 juin 2006

Caro Federico, ho risposto al tuo bell’articolo sulle donne con il testo di una canzone famosa e di successo (e quindi ampiamente condiviso anche dalle donne, nel quale probabilmente si sono riconosciute) di Zucchero. Non chiudo gli occhi e non immagino nulla. Forse sei tu che pensi, o meglio, ti illudi che la condizione della donna sia migliorata grazie a quella "rivoluzione sessuale" datata 1968. I fatti dimostrano il contrario. Le teste e i comportamenti degli italiani e delle italiane non sono poi così cambiati. Non si vive di solo pane ma anche di valori e giudizi. Volenti o nolenti, in Italia, è la Famiglia il Valore Supremo ! Bisogna prenderne atto ; la donna è innanzitutto sinonimo di madre, sorella, moglie, figlia e quindi FAMIGLIA.

I racconti dei protagonisti di quella rivoluzione sessuale che aveva promesso la "liberazione della donna" sono storie di fallimenti, di contraddizioni, di dolore. Le figlie e le nipoti di quella generazione che credeva di vivere "al di là del bene e del male", oggi hanno la possibilità di interrompere una gravidanza non voluta, o di deglutire "la pillola del giorno dopo", di divorziare da un uomo senza sentire il dovere di "provare a ricominciare" (perchè ricominciare è sempre più faticoso che abbandonare), ma ci siamo chiesti che cosa ne hanno guadagnato con questa riforma di mentalità e di comportamento ? Riconoscersi in quella canzone, forse, è un segnale allarmante, è un messaggio sottointeso che dovrebbe coinvolgere tutti noi e renderci conto che il coraggio vero è dire che l’Eros (la sessualità) deve essere sempre al servizio della Charitas (dell’amore), come il nostro Papa Bene-detto afferma ; è questa la vera rivoluzione sessuale !

Ti lascio con un messaggio molto inquietante di una figlia della tua mentalità : Melissa Panarello (http://www.melissap.org), che spero conosci.

"nemmeno per un attimo. non saprei nemmeno come ammazzarmi. quando al liceo leggevo seneca, avvertivo sempre un dolore fortissimo ai polsi. sentivo il suo dolore. mai, quindi, i polsi tagliati. impiccarmi ? naaa...non mi vedo penzolare dal tetto : prospettive troppo diverse da quelle a cui sono abituata, sarei costretta a vedere casa mia da angolazioni assolutamente sconosciute. e, a quel punto, mi dispiacerebbe abbandonarla. i barbiturici ? sono troppo incostante per vedermi morire lentamente. cos’altro abbiamo ? i lanci dalle finestre ? una pugnalata al cuore ? prendere un cacciavite e ficcarmelo nella pellaccia ? ho pensato, è vero, tante volte all’omicidio. a quello sanguinoso, terribile, premeditato.

perchè quando scrivo tengo le gambe contro il petto come se fossi una rana ? perchè devo sempre fumare, mentre scrivo ? perchè devo sgranocchiare cipster o salatini ? perchè, mentre scrivo, sento sempre il bisogno di avere qualcuno davanti che muore, agonizzando ? portatemi un morto. portatemelo e ne farò un capolavoro.

Morte morte morte...sto parlando di morte. quando ancora balbettavo e le mie parole non erano altro che suoni storpi dicevo a mia madre "mamma, ci vuole più coraggio a vivere che a morire" e mia madre mi guardava perplessa e mi diceva che ero troppo piccola per fottermi il cervello a quel modo. dovevo pensare ad altro. a giocare, per esempio. io credo di avere troppo coraggio. questo coraggio mi ammezzerà, un giorno. ne sono certa. io sono troppo curiosa, come i gatti. ieri la mia gattina è salita fino all’ultimo piano del palazzo e ha cominciato a miagolare perchè si era persa. io finirò come lei. all’ultimo piano, troppo lontana dalla realtà e dagli altri. urlerò ma nessuno mi sentirà, perchè sarò altrove. sono proprio curiosa di sapere come andrà a finire questa faccenda della vita. questa vita. è la curiosità che mi alimenta, che mi tiene in vita, che mi da e mi toglie passione, che mi scopa come un demonio. ragazzi, la curiosità : non abbandonatela mai. "

Cari saluti. Biasi


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :