Poster un message

En réponse à :
EGITTO, GERMANIA ... RIPENSARE L’EUROPA !!!

NEFERTITI. CHE LA REGINA POSSA TORNARE A CASA E RIVEDERE IL SUO SPOSO - AKHENATON !!!

Nefertiti non fa dormire sonni tranquilli alle autorità tedesche né al capo della commissione delle antichità egizie Zahi Hawass, pronto a reclamare un ritorno in patria della sposa di Amenofis IV.
mercredi 21 juin 2006 par Federico La Sala
[...] Fra le icone imprescindibili, Hawass ha inserito la Stele di Rosetta, che permise la decodifica dei geroglifici (oggi tesoro del British di Londra), lo zodiaco di Dendera (al Louvre) e il busto di Akhenaton (al Museum of Fine Arts in Boston) [...]
SCOPERTE. I monumenti egizi sarebbero posti in un grande cerchio ; ed esistono tracce di un’altra Sfinge. Parla l’egittologo Baratono
IL SOLE, LE PIRAMIDI, E IL CERCHIO DELLA DEA GIUSTIZIA. Un’intervista a Diego Baratono di Aristide (...)

En réponse à :

> NEFERTITI. CHE LA REGINA POSSA TORNARE A CASA --- Nella tomba di Tutankhamon a caccia della regina Nefertiti (di Vittorio Sabadin)

mardi 10 novembre 2015

Nella tomba di Tutankhamon a caccia della regina Nefertiti

di Vittorio Sabadin (La Stampa, 09.11.2015)

Ci sono prove sempre più evidenti che nella camera sepolcrale del faraone Tutankhamon si trovano passaggi segreti che portano a un’altra tomba, forse quella della più bella e famosa regina dell’antico Egitto, Nefertiti. Quando un paio di mesi fa l’archeologo inglese Nicholas Reeves aveva annunciato di avere individuato in alcune foto ad alta risoluzione delle pareti della tomba alcune linee ad angolo retto che facevano pensare ad una porta, nessuno nel mondo accademico gli aveva dato molta retta. Ma ora un’indagine con termografia a infrarossi, condotta dalla Facoltà di Ingegneria dell’Università del Cairo e dall’Heritage Institute di Parigi, ha confermato le sue ipotesi : nel punto in cui le foto mostrano i segni di un passaggio, la temperatura è diversa da quella delle altre pareti, cosa che in archeologia si considera come prova della presenza di una camera oltre una parete.

I ricercatori hanno passato 24 ore, compresa una intera notte, nella tomba del faraone che ancora contiene le sue spoglie, una delle esperienze più emozionanti della loro vita. Le misurazioni effettuate non lasciano dubbi e anche Mamdouh Eldamaty, il ministro delle Antichità egiziano, è convinto che il dottor Reeves abbia ragione e che ora « siano necessari nuovi e definitivi esami ».

L’archeologo, che lavora all’Università dell’Arizona, ha anche notato che una delle figure presenti negli affreschi è una donna le cui fattezze sono molto simili a quelle di altre rappresentazioni di Nefertiti. La regina, moglie del faraone « eretico » Akhenaton, morta nel 1340 a.C., era probabilmente la madre di Tutankhamon.

Il giovane faraone, scomparso improvvisamente all’età di 18 anni, sarebbe stato sepolto frettolosamente nella piccola anticamera della tomba della madre e il suo corredo funerario, la cui ricchezza ha stupito il mondo quando Howard Carter lo scoprì 93 anni fa, non sarebbe altro che una raccogliticcia collezione di pezzi presi all’ultimo momento da altre tombe. Reeves, a sostegno della sua affascinante tesi, porta anche il fatto che la tomba KV62 nella quale è stato trovato Tut si sviluppa a destra del corridoio d’ingresso, una caratteristica delle tombe femminili.

L’Egitto spera che Reeves abbia ragione. Se verrà davvero trovata la tomba di Nefertiti, risulterà quasi certamente inviolata e il suo corredo funerario eclisserà per magnificenza quello del figlio. Ce n’è un grande bisogno, per fare tornare i turisti nel Paese e salvarlo dal collasso al quale il terrorismo lo sta portando.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :