Inviare un messaggio

In risposta a:
TERRA!!! TERRA!!! PIANETA TERRA: FILOLOGIA E ’DENDROLOGIA’ (gr.: "déndron" - albero e "lògos" - studio/scienza). L’ALBERO DELLA VITA ...

RIPENSARE L’EUROPA!!! CHE COSA SIGNIFICA ESSERE "EU-ROPEUO". Per la rinascita dell’EUROPA, e dell’ITALIA. La buona-esortazione del BRASILE. Una "memoria" - di Federico La Sala.

(...) il “nuovo mondo” che abbiamo costruito dimostra quanto presto abbiamo dimenticato la ‘lezione’ delle foreste, dei mari, dei deserti, e dei fiumi e delle montagne!!!
martedì 16 aprile 2019
Secondo quanto suggerisce Vitruvio (De architectura, 2,1,3) la struttura del tempio greco trasse la sua origine da primitivi edifici in argilla e travi di legno (Wikipedia)
IL SEGRETO DI ULISSE: "[...] v’è un grande segreto /nel letto lavorato con arte; lo costruii io stesso, non altri./ Nel recinto cresceva un ulivo dalle foglie sottili,/rigoglioso, fiorente: come una colonna era grosso./Intorno ad esso feci il mio talamo [...]"
(Odissea, Libro XXIII, vv. 188-192).
EUROPA. PER IL (...)

In risposta a:

>PARLAMENTO EUROPEO. Approvata la relazione Sargentini -- Ridiamo speranza al progetto Europa. Finalmente l’Europa sembra essersi svegliata (di Dacia Maraini)

mercoledì 19 settembre 2018

Ridiamo speranza al progetto Europa

Se l’Europa riprende la coscienza del suo prezioso stare insieme costruendo pace e benessere, saprà affrontare anche la difficile e dolorosa questione della migrazione che non è una catastrofe naturale

di Dacia Maraini (Corriere della Sera, 18 settembre 2018)

Finalmente l’Europa sembra essersi svegliata. Grazie a una giovane italo olandese che per la prima volta, con chiarezza, a voce alta, senza timore di offendere, di configgere, di fare perdere quell’equilibrio instabile in cui sopravviveva, ha avuto il coraggio di ricordare che l’Europa non è solo una entità economica, ma una unità ideale, che si riconosce in alcuni valori e ha l’intenzione di difenderli. Parlo della condanna alla Turchia di Erdogan e della decisione di affrontare i grandi evasori della rete. -Naturalmente i soliti «realisti» hanno accusato Judith Sargentini di ingenuo ottimismo. Lei ha risposto: bisogna essere ottimisti, altrimenti si soccombe. E ha perfettamente ragione.

Siamo tutti buoni a criticare, rumoreggiare, tagliare il capello in quattro dicendo male dell’Europa, male della politica, male di chi fa progetti per il futuro. È passata, soprattutto a sinistra, la linea del mugugno e dell’autodenigrazione: tanto va tutto a rotoli, tanto non ce la faremo mai, ecc. In questo clima di sfiducia e rassegnazione amareggiata che coinvolge sia i politici che i politologi, la gente dà retta ai suoi istinti più bassi: quello che mio è mio, tornatene al tuo Paese, qui comando io, ecc.

Per cambiare qualcosa ci vuole fiducia e orgoglio. Oltre a distruggere bisogna avere voglia di costruire. Il suicidio ha un fascino sottile che fa girare la testa a molti. Il padre che uccide il suo bambino dopo avere litigato con la moglie, simboleggia nel suo orrore, questo periodo di massacro di affetti e speranze.

Io spero, lo spero con tutto il cuore, che la scossa data dalla giovane Sargentini stimoli il risveglio di un popolo spento e drogato, che risvegli la voglia di difendere conquiste che sono costate sudore sangue e non possiamo buttare nella spazzatura.

L’Europa è quello che pensa ed esprime con parole semplici la coraggiosa Judith Sargentini: un progetto ambizioso, se vogliamo, difficile da tenere in piedi, ma per cui vale la pena di darsi da fare.

Se l’Europa riprende la coscienza del suo prezioso stare insieme costruendo pace e benessere, saprà affrontare anche la difficile e dolorosa questione della migrazione che non è una catastrofe naturale, ma una umanissima fuga dalla fame che va regolata e affrontata con razionale fermezza, senza strapparsi i capelli e chiudere porte e finestre in un impeto di cieco egoismo.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: