Poster un message

En réponse à :
LIBERALIZZAZIONE

Farmaci da banco nei supermercati. Una scelta opinabile

lundi 3 juillet 2006 par Mauro Diana
Farmaci da banco nei supermercati. Una scelta opinabile.
Il centrosinistra sembra finalmente uscito da quel torpore che gli ronzava intorno dopo la vittoria al cardiopalma delle scorse politiche. Con un provvedimento firmato dal ministro Bersani, il governo Prodi ha dato il via libera ad una serie di liberalizzazioni che riguardano tutti i singoli cittadini : dalle licenze dei taxi, agli onorari dei liberi professionisti sino alla tanto discussa abolizione dell’ICI che la Chiesa non pagava (...)

En réponse à :

> Farmaci da banco nei supermercati. Una scelta opinabile

dimanche 30 juillet 2006
Cari colleghi credo che non dobbiamo gridare allo scandalo se i farmaci andranno nei supermecati, perchè quanti di noi hanno dispensato farmaci senza ricetta.... ?...anche psicofarmaci..... ?.....ci sentiamo degradati o poco professionali solo se stiamo vicino al salumiere che affetta mortadella, come qualcuno ha scritto, e invece non quando veniamo meno al nostro codice deontologico... ? Sono un farmacista come voi e non mi sentirei inferiore a lavorare in un supermercato perchè vi ricordo che si è farmacisti sempre ed in ogni luogo e non solo nella classica farmacia dove si entra e si avverte odore di spezie....la farmacia è solo il "luogo" dove si dispensa il farmaco....la professionalità la fà il Farmacista in quanto persona con le capacità acquisite nel corso degli studi. Forse qualcuno lo troverà massacrante fare i turni nei supermercati, ma in farmacia pensate che sia diverso ? Quanti di voi non sono potuti restatre a casa il giorno di Natale ?...Pasqua... e via dicendo ?Quindi non facciamoi gli ipocriti. La professionalità invece ci viene tolta nel momento in cui andiamo a riscuotere lo stipendio, perchè è assurdo che con i servizi che offriamo 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, esposti sempre a rischio di rapine o di tossici che ci minacciano con le siringhe veniamo pagati così poco ; al contrio di tutti i "ben pensanti" che percepiscono stipendi altissimi dicendo di lavorare per la collettività.

Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :