Poster un message

En réponse à :

LA CHIESA DEL SILENZIO E DEL "LATINORUM". Il teologo Ratzinger scrive da papa l’enciclica "Deus caritas est" (2006) e, ancora oggi, nessuno - nemmeno papa Francesco - ne sollecita la correzione del titolo. Che lapsus !!! O, meglio, che progetto !!!

jeudi 24 septembre 2020
Caro BENEDETTO XVI ...
Corra, corra ai ripari (... invece di pensare ai soldi) ! Faccia come insegna CONFUCIO : provveda a RETTIFICARE I NOMI. L’Eu-angélo dell’AMORE (“charitas”) è diventato il Van-gélo del ’caro (prezzo)’ e della preziosi-tà (“caritas”), e la Parola (“Logos”) è diventato il (...)

En réponse à :

> LA CHIESA DEL SILENZIO E DEL "LATINORUM". --- "L’amore è l’unico estremismo cristiano". Papa Francesco a Bari (di Mimmo Muolo).

dimanche 23 février 2020

Papa a Bari. "L’amore è l’unico estremismo cristiano"

Francesco nell’omelia della Messa, celebrata davanti a 40mila fedeli, richiama il cuore del Vangelo : "Sull’amore verso tutti non accettiamo scuse" L’appello per la Siria

di Mimmo Muolo, inviato a Bari (Avvenire, domenica 23 febbraio 2020)

"Amate i vostri nemici". Ecco la rivoluzione di Gesù. "Dal nemico da odiare al nemico da amare". E’ la sottolineatura forte di papa Francesco nell’omelia della Messa che il Pontefice celebra al centro di Bari, davanti a circa 40mila fedeli, presente anche il capo dello Stato Sergio Mattarella, calorosamente applaudito quando l’arcivescovo di Bari-Bitonto, Francesco Cacucci, lo saluta a nome di tutti. "Il Signore - dice il Vescovo di Roma - ci ha chiesto l’estremismo della carità. E’ l’unico estremismo cristiano : quello dell’amore".

"Amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano", ha ripetuto più volte il Pontefice. "È la novità cristiana. È la differenza cristiana. Pregare e amare : ecco quello che dobbiamo fare ; e non solo verso chi ci vuol bene, non solo verso gli amici, non solo verso il nostro popolo. Perché l’amore di Gesù non conosce confini e barriere. Il Signore ci chiede il coraggio di un amore senza calcoli. Perché la misura di Gesù è l’amore senza misura".

Il Papa ha invitato a non preoccuparsi "della cattiveria altrui, di chi pensa male di te". "Inizia invece - ha esortato - a disarmare il tuo cuore per amore di Gesù. Perché chi ama Dio non ha nemici nel cuore. Il culto a Dio è il contrario della cultura dell’odio. E la cultura dell’odio si combatte contrastando il culto del lamento. Quante volte ci lamentiamo per quello che non riceviamo, per quello che non va ! Gesù sa che tante cose non vanno, che ci sarà sempre qualcuno che ci vorrà male, anche qualcuno che ci perseguiterà. Ma ci chiede solo di pregare e amare. Ecco la rivoluzione di Gesù, la più grande della storia : dal nemico da odiare al nemico da amare, dal culto del lamento alla cultura del dono. Se siamo di Gesù, questo è il cammino".

Sono parole perfettamente complementari al discorso fatto poco prima nella Basilica di San Nicola e di cui riferiamo a parte. Se lì il Papa aveva messo l’accento sulla follia della guerra e sull’inevitabilità della pace, qui indica la strada per disarmare ogni violenza e arrivare alla vera riconciliazione del cuore. Ecco perché Francesco ricorda : "Dio sa che il male si vince solo col bene. Ci ha salvati così : non con la spada, ma con la croce. Amare e perdonare è vivere da vincitori. Perderemo se difenderemo la fede con la forza. Il Signore ripeterebbe anche a noi le parole che disse a Pietro nel Getsemani : ’Rimetti la spada nel fodero’. Nei Getsemani di oggi, nel nostro mondo indifferente e ingiusto, dove sembra di assistere all’agonia della speranza, il cristiano non può fare come quei discepoli, che prima impugnarono la spada e poi fuggirono. No, la soluzione non è sfoderare la spada contro qualcuno e nemmeno fuggire dai tempi che viviamo. La soluzione è la via di Gesù : l’amore attivo, l’amore umile, l’amore fino alla fine". Il Papa così conclude la sua omelia : "Oggi Gesù, col suo amore senza limiti, alza l’asticella della nostra umanità". Dunque "va chiesta anche la grazia di vedere gli altri non come ostacoli e complicazioni, ma come fratelli e sorelle da amare". Infattti "alla sera della vita, saremo giudicati sull’amore". Scegliamo oggi l’amore, anche se costa, anche se va controcorrente. Non lasciamoci condizionare dal pensiero comune, non accontentiamoci di mezze misure".

All’Angelus l’appello per la Siria

All’Angelus, poi, il Papa ha rivolto un appello per la pace "nel nord-ovest della Siria, dove si consuma un’immane tragedia". "Dai nostri cuori di pastori - ha sottolineato - si eleva un forte appello agli attori coinvolti e alla comunità internazionale, perché taccia il frastuono delle armi e si ascolti il pianto dei piccoli e degli indifesi ; perché si mettano da parte i calcoli e gli interessi per salvaguardare levite dei civili e dei tanti bambini innocenti che ne pagano le conseguenze. Preghiamo il Signore affinché muova i cuori e tutti possano superare la logica dello scontro, dell’odio e della vendetta per riscoprirsi fratelli, figli di un solo Padre".

Il grazie di Cacucci

Nel ringraziamento al Papa monsignor Cacucci ha ricordato il librarsi della colomba della pace, nella precedente visita di Francesco a Bari. UNa colomba che idealmente torna a volare anche oggi, ha detto il presule. "Benvenuti voi tutti, fratelli e sorelle, nella città di San Nicola - ha concluso -, confermata in questi giorni « cantiere di pace ». Le ossa di San Nicola, giunte da Myra a Bari, solcando il Mediterraneo, hanno innalzato un ponte che né il temponé le divisioni hanno mai demolito".

Lungo il Corso Vittorio Emanuele II, chiuso dal palco papale sul cui sfondo giganteggia la riproduzione di un rosone romanico con il colore azzurro del Mare Mediterraneo, la folla dei fedeli ha assistito con grande raccoglimento alla Messa, riservando al Pontefice, all’arrivo e alla partenza, particolare calore. Tra le autorità anche i ministri Francesco Boccia e Teresa Bellanova. Mentre il premier Giuseppe Conte, con una telefonata al cardinale presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, ha annunciato di dover rinunciare alla trasferta barese per continuare a gestire da Roma l’emergenza Coronavirus.

Con il Papa hanno concelebrato, oltre ai 58 membri dell’Incontro, 18 cardinali, tutti i vescovi pugliesi, un centinaio di altri vescovi italiani, 4 patriarchi orientali, 500 sacerdoti, 100 diaconi e 600 religiosi. Molto belli e ben eseguiti i canti di don Antonio Parisi, alla guida del coro diocesano (80 persone), e dell’orchestra del Conservatorio di Bari, formata da 25 elementi.

Quasi mille i volontari hanno supporteranno le forze dell’ordine per garantire l’ordinato svolgimento dell’evento. Circa 500 provenivano dalle parrocchie della diocesi, altri 300 dalla Protezione civile regionale, un centinaio dal sistema sanitario e ci saranno anche circa 60 addetti alla sicurezza della Polizia locale. Treni speciali dalla provincia e servizi navetta da e per i parcheggi allestiti nella periferia barese hanno agevolato il flusso e il deflusso dei pellegrini, che nella zona della celebrazione hanno potuto seguire la liturgia, anche grazie a una decina di maxischermi

Il Papa è ripartito poi alla volta di Roma subito dopo la fine della celebrazione, mentre i vescovi hanno partecipato al pranzo con i poveri, gli ex tossicodipendenti, alcune donne vittime di violenza e un gruppo di ex detenuti organizzato nei padiglioni della Fiera del Levante.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :