Inviare un messaggio

In risposta a:

ALLA DOTTA BOLOGNA, NELLA CATTEDRALE DI SAN PIETRO, LA "DEUS CARITAS EST" (UN FALSO FILOLOGICO E TEOLOGICO).

mercoledì 5 giugno 2013
"CHARISSIMI" .... DIO e’ AMORE ("CHARITAS") non MAMMONA ("CARITAS" - "CARO-PREZZO")!!! Il teologo Ratzinger scrive da papa l’enciclica "Deus caritas est" (2006) e, ancora oggi, nessuno ne sollecita la correzione del titolo...
"ECCLESIA DE EUCHARISTIA" (Giovanni Paolo II, 2003) (...)

In risposta a:

> ALLA DOTTA BOLOGNA, NELLA CATTEDRALE DI SAN PIETRO, LA "DEUS CARITAS EST" (UN FALSO FILOLOGICO E TEOLOGICO). ---- Nello "spirito" della "caritas" ratzingeriana, la «Nota dottrinale» dell’arcivescovo Caffarra.

domenica 14 febbraio 2010

Matrimoni tra gay, la rivolta dei vescovi

di Paolo Griseri (la Repubblica, 14 febbraio 2010)

Vescovi contro la legge sui matrimoni gay. Con due distinte prese di posizione il cardinale di Bologna, Carlo Caffarra, e quello di Torino, Severino Poletto, hanno polemizzato con quei politici che vogliono regolamentare la materia in Parlamento.

L’intervento più duro è quello dell’arcivescovo di Bologna che ha scelto la forma solenne della «Nota dottrinale» per il suo altolà. Secondo Caffarra, l’equiparazione tra unioni civili e matrimonio avrebbe «una conseguenza devastante». Il politico che si dichiara favorevole a una legge simile compie un atto «gravemente immorale» poiché «se l’unione omosessuale fosse equiparata al matrimonio, significherebbe che il compito procreativo ed educativo non interessa allo Stato». Dunque «è impossibile ritenersi cattolici se si riconosce il diritto al matrimonio tra persone dello stesso sesso». L’Arcigay ha replicato subito con durezza: «Quello del cardinale è un gesto grave e provocatorio».

Che per la Chiesa il matrimonio sia finalizzato alla procreazione non è una novità. Il punto è piuttosto quanta libertà di coscienza le gerarchie intendano lasciare ai politici cattolici che si trovano a legiferare a nome di tutti gli italiani. Seguendo una strada più prudente di quella di Caffarra, il cardinale di Torino, Severino Poletto, ha ricordato ieri la dottrina della chiesa senza lanciare anatemi: «I diritti dei singoli vanno tutelati ma le unioni di fatto non devono essere equiparate al matrimonio tra uomo e donna». E al sindaco di Torino, che il 27 febbraio parteciperà all’unione tra due donne, Poletto ha risposto: «Chiamparino mi ha detto che in questo modo vuole dare un segnale al Parlamento. Non credo che sia il modo per farlo».


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: