Inviare un messaggio

In risposta a:

G8 L’AQUILA. UN APPELLO alle FIRST LADIES: NON VENITE all’APPUNTAMENTO ITALIANO.

lunedì 22 giugno 2009
APPELLO alle FIRST LADIES
dei PAESI PRESENTI al PROSSIMO G8 dell’AQUILA
NON VENITE all’APPUNTAMENTO ITALIANO *
Siamo profondamente indignate, come donne impegnate nel mondo dell’università e della cultura, per il modo in cui il presidente del Consiglio italiano, Silvio Berlusconi, tratta le (...)

In risposta a:

> G8 L’AQUILA. UN APPELLO alle FIRST LADIES --- Care first lady disertate il G8 di Berlusconi (di Angelica Mucchi Faina).

giovedì 25 giugno 2009

Il maschilismo del premier

Care first lady disertate il G8 di Berlusconi

di Angelica Mucchi Faina (l’Unità, 25.06.2009)

In un articolo che scrissi per l’Unità nel 2004 mi lamentavo per l’uso di uno sgangherato linguaggio sessista da parte dell’allora presidente del Consiglio Berlusconi e dei suoi “uomini” (la presenza di donne, ora come allora, era considerata irrilevante). Forse ricorderete le battutacce sul Primo Ministro finlandese, una donna, che Berlusconi disse di voler benevolmente corteggiare allo scopo di trarne vantaggi economici per il nostro Paese.

Non immaginavo, allora, che cinque anni dopo mi sarei trovata a promuovere, insieme ad altre due psicologhe sociali che insegnano all’università, un appello alle First Lady dei Paesi del G8 perché disertino l’appuntamento italiano. Quest’atto vuole essere una provocazione e dimostrare con forza che noi donne italiane siamo state molto (forse troppo) pazienti e fino ad oggi abbastanza (forse troppo) silenziose, ma che adesso non ne possiamo davvero più.

Ora si tratta di fatti, non più solo di parole, e veramente i comportamenti che Berlusconi e la sua degna compagine ci indignano profondamente come donne, come docenti, come italiane. Si è passato ogni limite, la situazione è scaduta sempre più e con effetti devastanti.

E non mi riferisco solo all’immagine dell’Italia che questa delegittimazione costante e sistematica delle donne trasmette all’estero (basta un’occhiata ai più importanti quotidiani europei per rendersene conto), né solo ai criteri da Tv show con i quali sono state selezionate le candidate alle scorse elezioni.

Mi riferisco alle ricadute che questi comportamenti possono produrre sulle nuove generazioni, le quali crescono assistendo ad un simile spettacolo di arroganza del potere e di sopraffazione maschile. Ecco i modelli che sono proposti ai giovani dell’era Berlusconi: prepotenza e maschilismo ai ragazzi, disponibilità, ammiccamenti e intrighi alle ragazze. E noi psicologhe sappiamo bene quale deleterio impatto possano avere gli esempi negativi, soprattutto se circondati da un’aura di celebrità.

Abbiamo così raccolto, in maniera del tutto informale e in pochissimi giorni, più di cinquecento firme, duecento adesioni di docenti e ricercatrici universitarie a cui si sono subito aggiunti donne e uomini esterni all’università. Altre continuano ad arrivare al sito http://www.firmiamo.it/appellofirstladies. Invitiamo chiunque condivida le nostre idee, donna o uomo che sia, a visitare il sito per leggere l’appello e per firmare.

Infine, come reagiranno le First Lady? Siamo abbastanza sicure che in cuor loro appoggeranno la nostra protesta, ma sappiamo anche che protocolli e ufficialità renderanno problematico per loro prendere una posizione drastica come quella che chiediamo. Ma chissà mai che qualche parola di appoggio e solidarietà, anche velata, compaia in qualche intervista o discorso ufficiale.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: