Inviare un messaggio

In risposta a:

VATICANO: CEDIMENTO STRUTTURALE DEL CATTOLICESIMO-ROMANO. Benedetto XVI, il papa teologo, ha gettato via la "pietra" su cui posava l’intera Costruzione ... e anche la maschera!

giovedì 18 ottobre 2018
Per leggere i testi, cliccare sul rosso:
Introduzione:
"È significativo che l’espressione di Tertulliano: "Il cristiano è un altro Cristo", sia diventata: "Il prete è un altro Cristo"" (Albert Rouet, arcivescovo di Poitiers, 2010.)
FORZA "CRISTO RE"!!! (Paolo di Tarso): "vivendo secondo la (...)

In risposta a:

> VATICANO: CEDIMENTO STRUTTURALE ---- BOFFO, BERLUSCONI: CON CHIESA RAPPORTI ECCELLENTI. Sono rapporti che consolideremo nei prossimi mesi su questioni importanti come il testamento biologico.

lunedì 7 settembre 2009

BOFFO, BERLUSCONI: CON CHIESA RAPPORTI ECCELLENTI *

ROMA - I rapporti del governo, e miei personali, con la Chiesta e con chi la guida, con prestigio, sono "sempre eccellenti", sono rapporti che consolideremo nei prossimi mesi su questioni importanti come il testamento biologico. Lo ha affermato il premier Silvio Berlusconi parlando a ’Mattino5’. Il presidente del Consiglio ha quindi precisato che un incontro con il cardinal Bertone "non è in agenda". "Non ne vedo la necessità, non ho mai chiesto incontri. Il sottosegretario Gianni Letta mantiene questi rapporti quasi quotidianamente", ha aggiunto.

Il rapporto tra il governo e la Chiesa si "consoliderà nei prossimi mesi anche su questioni molto importanti, come il testamento biologico". "La difesa che il nostro governo ha compiuto di alcuni principi basilari di civiltà, che sono alla base della dottrina cattolica, principi come la difesa della vita umana e la difesa della famiglia - ha sottolineato il premier - sono lì a dimostrare questa eccellenza di rapporti tra il nostro governo e la Chiesa".

"Il 15 settembre consegnerò personalmente le prime villette ed i primi appartamenti ai cittadini", in Abruzzo. "E’ un miracolo assoluto internazionale ed epocale". Ha affermato il premier.

"Sono orgoglioso di questi primi 14 mesi di governo, di cui è già stato dato un bilancio dagli elettori con i loro voti". Ha detto il presidente del Consiglio. A conferma del giudizio positivo degli italiani Berlusconi ha fatto riferimento a sondaggi secondo i quali, ha detto, "veleggiamo verso il 70% dei consensi". Rispondendo a una domanda di Maurizio Belpietro sulle ragioni del consenso di cui gode, ha poi detto: "La maggior parte degli italiani vorrebbe essere come me e condivide i miei comportamenti". Poi ha aggiunto: gli italiani sanno "che Silvio Berlusconi non ruba", e che "li difendo da coloro che vorrebbero trasformare l’Italia in uno Stato di polizia tributaria". "Gli italiani non sono stupidi come pensa la sinistra e quindi privilegiano il mio governo", ha concluso il premier.

"Una barzelletta di questa minoranza comunista e cattocomunista, che detiene la proprietà del 90% dei giornali". Così il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha definito le proteste seguite alle sue azioni giudiziarie contro La Repubblica e L’Unità. A chi denuncia l’assenza di libertà di stampa Berlusconi ha risposto: "Loro intendono la libertà di stampa come libertà di mistificare, di insultare e di calunniare e quindi sono stato costretto a rivolgermi alla magistratura per difendere il principio importante della libertà di stampa". "Se c’é un pericolo - ha sottolineato il premier - è quello degli attacchi alla riservatezza delle persone".

E’ in atto "una campagna eversiva", una "feroce campagna" che punta alle dimissioni del governo e del presidente del Consiglio. Il premier ha auspicato che si interrompa "qualsiasi campagna che attacca chiunque su basi false e calunniose". "Per quanto mi riguarda - ha sottolineato Berlusconi - oltre alla feroce campagna per chiedere di fatto le mie dimissioni contro la volontà del popolo (e oggi ’feroce campagna’ lo scrive il Corriere della Sera in un articolo di fondo), mi vedo attribuire quotidianamente delle cose che non ho mai detto e neppure pensato. L’ho detto e lo ripeto con forza - ha aggiunto -: con questa informazione, povera Italia".

"Aumenteremo la difesa dei cittadini contro la criminalità singola e anche contro la criminalità organizzata, impiegando altri militari". E’ uno degli impegni assunti per il prosieguo dell’attività governativa dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Nel corso dell’intervista a Mattino Cinque, il premier ha enumerato le iniziative che saranno prese dall’esecutivo.

L’apertura di "molti cantieri per le opere pubbliche sia al Nord sia al Sud", che erano stati accantonati dalla sinistra; il tentativo di "ridurre le spese dello Stato per tagliare le imposte"; la "immediata" messa a punto in Parlamento della riforma del processo penale, "di cui c’é enorme bisogno"; la garanzia del "rispetto della privacy di tutti"; la messa a punto del piano per il Sud, "per il quale pensiamo a infrastrutture, alla fiscalità di vantaggio, a misure di sostegno al turismo e naturalmente alla sconfitta definitiva della criminalità organizzata". Il premier ha sottolineato "che nessun altro governo ha fatto quel che noi abbiamo fatto contro la mafia: abbiamo arrestato un numero impressionante di mafiosi, abbiamo sequestrato e confiscato ingenti quantità di denaro e ingenti quantità di beni". Berlusconi si è detto convinto che "mai nella storia italiana un governo possa pensare di iniziare a paragonarsi con tutto quello che abbiamo fatto noi". Un punto importante per il governo, ha sottolineato il premier, è "far sentire agli italiani di non vivere in uno Stato tiranno, che opprime i cittadini, come vorrebbero i comunisti e i catto-comunisti, ma in uno Stato non solo libero ma anche amico".

"Devo ancora fare una riunione con gli esponenti del Pdl per mettere a posto la strategia". Così il premier ha risposto al direttore di Libero, Maurizio Belpietro, che gli ha chiesto se stia già lavorando con l’alleato Umberto Bossi per definire le candidature alle regionali del 2010. "Cominceremo a discuterne", ha detto Berlusconi, che ha sottolineato di essere in contatto con Bossi "praticamente ogni giorno". Ma quanto alle candidature, il premier dice che è prematuro parlarne, almeno prima della fine di settembre, perché il Popolo della libertà deve ancora definire una strategia e decidere i nomi.

* Ansa» 2009-09-07 17:04


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: