Inviare un messaggio

In risposta a:

ITALIA: LA SCUOLA DELLA REPUBBLICA AL VIA. LE PROF. E I PROF. IN AZIONE PERMANENTE PER LA DIGNITA’ PROFESSIONALE E PER PATRIOTTISMO COSTITUZIONALE!!! USCIAMO DAL SILENZIO: BASTA CON QUESTA "MINESTRA UNICA"!!!

lunedì 14 settembre 2009
Il ministro dell’Istruzione attacca la sinistra
"Ha terrorizzato per mesi le famiglie"
e annuncia un limite massimo del 30% per classe
di ragazzi non italiani
Gelmini, niente politica a scuola
Subito un tetto per alunni stranieri *
ROMA - E’ tesa l’atmosfera per l’apertura dell’anno (...)

In risposta a:

> ITALIA: LA SCUOLA DELLA REPUBBLICA AL VIA. ---- CON "I DOCENTI DI RELIGIONE" (di Aldo Capasso).

lunedì 14 settembre 2009

I docenti di religione

di Aldo Capasso (l’Unità, 14.09.2009)

-  L’accorpamento delle classi automaticamente riduce il numero degli insegnanti, e quindi anche i vari tipi di discipline.
-  Nel caso dell’insegnamento della religione: riducendosi le classi si dovrebbero ridurre i relativi docenti, invece questo non avviene perché, ormai non più precari, vengono, in forza della legge 186 (16/7/2003), spostati su altri insegnamenti e tolgono posti ai docenti che, seppure precari, hanno sostenuto un esame di abilitazione o altro.
-  Al tempo, quando furono assunti più di 25 mila insegnanti, con una semplice idoneità di competenza della Curia, la classe docente statale non si rese conto del danno che avrebbe subito, ma la «solidarietà» tra colleghi e la potenza della Chiesa presero il sopravvento, nonostante la palese ingiustizia che veniva perpetrata a chi regolarmente e con fatica ha rispettato le leggi dello Stato.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: