Poster un message

En réponse à :

CITTADINANZA E "DIRITTO DEL SOLE" ("IUS SOLIS") : AL DI LA’ DEL DIRITTO DEL SANGUE ("IUS SANGUINIS") E DELLA TERRA ("IUS SOLI"). Una nota di Michele Ainis - a c. di Federico La Sala

dimanche 1er janvier 2012
“Ius soli” cade il tabù
di Michele Ainis (La Stampa, 11 gennaio 2010)
La prima riforma degli Anni Dieci non ha il timbro della legge, né tantomeno della legge
costituzionale. Viaggia su una vettura più dimessa, più modesta : la circolare ministeriale. Quella
con cui il ministro Gelmini ha (...)

En réponse à :

> CITTADINANZA E "DIRITTO DEL SOLE" ("IUS SOLIS") : AL DI LA’ DEL DIRITTO DEL SANGUE ("IUS SANGUINIS") E DELLA TERRA ("IUS SOLI"). - Una marcia “per dire no allo ius soli”.

mercredi 6 septembre 2017

Forza Nuova organizza una nuova “marcia su Roma”

La proposta su Facebook : “Contro lo Ius soli e per fermare le violenze degli immigrati”. Pd e Possibile : “Va vietata perché è anticostituzionale”

      • Una fotografia storica della marcia su Roma del 1922

Una nuova marcia su Roma il 28 ottobre, 95 anni dopo rispetto a quella delle camicie nere che portò al potere Mussolini. L’idea è di Forza Nuova, anche se il nome è diverso : si chiamerà “marcia dei patrioti”. Come riporta Repubblica, l’evento è stato lanciato il 3 settembre sulla pagina Facebook della formazione di estrema destra. Segno dei tempi che cambiano, c’è anche un conto PayPal, aperto per raccogliere le donazioni in sostegno della marcia.

Una marcia “per dire no allo ius soli”

Proprio sui social network di Forza Nuova le adesioni sono state entusiastiche : tanti “patrioti” hanno confermato la loro presenza, mossi dall’onda nostalgica. « Bandiere, striscioni, auto, pullman, benzina - si legge nell’annuncio su Facebook - Compatriota, la macchina organizzativa è in moto e ha bisogno del tuo sostegno concreto. Il 28 ottobre Roma ospiterà la grande marcia forzanovista contro un governo illegittimo, per dire definitivamente no allo ius soli e per fermare violenze e stupri da parte degli immigrati che hanno preso d’assalto la nostra Patria ».

Le reazioni politiche

Diversi gli appelli al Viminale affinché vieti la marcia. « Non si può tollerare l’ennesima provocazione da parte dei fascisti di Forza Nuova nei confronti della capitale e della storia di questo Paese », commenta Marco Miccoli, deputato romano del Pd. Pippo Civati e Andrea Maestri di Possible sostengono che la marcia viola la Costituzione, la legge Scelba e la legge Mancino. Giulio Marcon, capogruppo dei deputati di Sinistra Italiana-Possibile presenterà un’interrogazione al Ministro dell’Interno.

La marcia del 1922

La marcia su Roma nel 1922 venne organizzata dal Partito Nazionale Fascista e guidata da Benito Mussolini. Circa 25.000 fascisti si diressero nella capitale, rivendicando la guida politica del Regno d’Italia. La manifestazione eversiva si concluse il 30 ottobre, quando il re Vittorio Emanuele III incaricò Mussolini di formare un nuovo governo.

* La Stampa, 06/09/2017 (ripresa parziale - senza immagini).


SUL TEMA, NEL SITO, SI CFR. :

LA STORIA DEL FASCISMO E RENZO DE FELICE : LA NECESSITÀ DI RICOMINCIARE DA "CAPO" !
-  I. BENITO MUSSOLINI E MARGHERITA SARFATTI - II. ARNALDO MUSSOLINI E MADDALENA SANTORO.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :