Inviare un messaggio

In risposta a:

PRESIDENTE NAPOLITANO, MA NON TROVA NIENTE DI ILLEGALE E DI OFFENSIVO NELL’ESISTENZA, TRA I PARTITI DI * ITALIA*, DI UN PARTITO CON IL NOME "FORZA ITALIA" E CON IL NOME "POPOLO DELLA LIBERTA’"’!?! Una domanda - di Federico La Sala

lunedì 22 marzo 2010
PER L’ITALIA E PER LA COSTITUZIONE. CARO PRESIDENTE NAPOLITANO, CREDO CHE SIA ORA DI FARE CHIAREZZA. PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI ...
di Federico La Sala
CRISI COSTITUZIONALE (1994-2009). DUE PRESIDENTI GRIDANO: FORZA ITALIA!!! LA DOMANDA E’: CHI E’ "PULCINELLA"?
AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA (...)

In risposta a:

> PRESIDENTE NAPOLITANO ---- "Noi dobbiamo onorare la Costituzione anche rispettando tutte le istituzioni dello Stato democratico", ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, lasciando le Fosse Ardeatine dove ha presenziato la cerimonia di commemorazione delle 335 vittime dell’eccidio nazista del 24 marzo 1944 di cui ricorre oggi il 66esimo anniversario.

mercoledì 24 marzo 2010


-  Il presidente della Repubblica alla cerimonia di commemorazione delle 335 vittime delle Fosse Ardeatine
-  "Dalla tragedia della guerra e barbarie nazista Ŕ scaturita la fondazione dello Stato democratico"

-  Napolitano: "Rispettare e onorare
-  la Costituzione e tutte le istituzioni"
*

ROMA - "Noi dobbiamo onorare la Costituzione anche rispettando tutte le istituzioni dello Stato democratico", ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, lasciando le Fosse Ardeatine dove ha presenziato la cerimonia di commemorazione delle 335 vittime dell’eccidio nazista del 24 marzo 1944 di cui ricorre oggi il 66esimo anniversario.

Dopo aver visitato il sacrario, il presidente della Repubblica si Ŕ soffermato un attimo riflettendo ad alta voce: "Ho il dovere, come si sa e come Ŕ scritto nella Costituzione, di rappresentare l’unitÓ nazionale", e quindi "sono qui per ribadire cosa abbia rappresentato il superamento della guerra e della tragica esperienza della barbarie nazista". Tragedia dalla quale Ŕ scaturita "la fondazione dello Stato democratico e la Costituzione, che noi dobbiamo onorare anche rispettando tutte le istituzioni dello Stato democratico". "Tenere unito il Paese, non penso ad altro che a questo: a come influire su questo per la mia parte", ha aggiunto Napolitano, spiegando come intende la sua funzione costituzionale di rappresentante dell’unitÓ nazionale.

Napolitano ha partecipato alla cerimonia insieme al ministro della Difesa, Ignazio La Russa, e al vicepresidente del Senato, Vannino Chiti. All’iniziativa hanno preso parte anche il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il presidente della Corte Costituzionale Francesco Amirante, il presidente della Provincia Nicola Zingaretti, il vice governatore del Lazio, Esterino Montino, la candidata del centrodestra alle Presidenza della Regione Renata Polverini, il capo di stato maggiore della difesa Vincenzo Camporini, il presidente dell’Unione delle comunitÓ ebraiche italiane Renzo Gattegna, il presidente della ComunitÓ ebraica di Roma Riccardo Pacifici e Armando Cossutta.

Il presidente Napolitano, affiancato dal ministro La Russa, ha deposto una corona d’alloro all’ingresso delle Fosse Ardeatine, osservando un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime. Quindi, dopo il "Silenzio" suonato dal picchetto dei Lancieri di Montebello, Ŕ iniziato il mesto appello della 335 vittime della strage nazista. Al termine il capo dello Stato Ŕ stato salutato da alcune scolaresche presenti alla cerimonia e ha osservato che "i giovani partecipano come mai avvenuto prima".

* la Repubblica, 24 marzo 2010


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: