Inviare un messaggio

In risposta a:

CONTRO IPAZIA, IERI E OGGI: NON SOLO IL VESCOVO CIRILLO, MA ANCHE IL VESCOVO COL PALLIO, PAPA BENEDETTO XVI. Materiali sul tema - a c. di Federico La Sala

lunedì 26 aprile 2010
BENEDETTO XVI (2005) E IPAZIA DI ALESSANDRIA(370-415 d. C.), OGGI: L’ELEZIONE DI RATZINGER A PAPA E "AGORA’", IL FILM SU IPAZIA. Una ’lettera al Cardinale Martini’ di Federico La Sala (2005) e una nota su Ipazia di Giovanni Ghiselli (2010)
(...) Il primo segno è il Pallio, tessuto in pura (...)

In risposta a:

> CONTRO IPAZIA, IERI E OGGI: NON SOLO IL VESCOVO CIRILLO, MA ANCHE IL VESCOVO COL PALLIO ---- UNA PIAZZA PER IPAZIA (di ANPI Trullo - Roma).

sabato 7 febbraio 2015

PETIZIONE*

Diretta a Roma Capitale

Questa petizione sarà consegnata a:

Roma Capitale

UNA PIAZZA PER IPAZIA

ANPI Trullo-Magliana Franco Bartolini *

Italia

Ipazia era una donna libera ed una libera pensatrice, simbolo della laicità, del sapere trasmesso per insegnamento e della libera ricerca scientifica, vittima dell’integralismo religioso, dell’opportunismo politico e della violenza dell’uomo sulla donna. Ipazia è stata una figura poliedrica la cui attualità risiede nel fatto che l’essere umano ha da sempre dovuto lottare per la propria libertà e identità.

Ipazia è stata filosofa neo-platonica, astronoma, matematica, nata ad Alessandria d’Egitto intorno al 360 d.C. Fu l’ultima discepola alessandrina dopo la distruzione della biblioteca e della scuola filosofica di Alessandria voluta dall’imperatore Teodosio nel 391. Ipazia continuò a insegnare e studiare sino al marzo del 415, quando su istigazione del vescovo Cirillo fu catturata dai monaci Parabolani, sue guardie personali e guidate dal vicevescovo Pietro il Lettore, accecata, lapidata, fatta a pezzi e bruciata.

Nel 2015 cade il sedicesimo centenario della sua morte e a Roma manca un luogo, un toponimo che la ricordi è per questo che i seguenti firmatari chiedono che venga intitolata a suo nome una piazza, o in alternativa una strada o altro luogo pubblico.

* PER FIRMARE: vai su -> change.org


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: