Inviare un messaggio

In risposta a:

CARMELITANI SCALZI ED ECUMENISMO: STORIA E MEMORIA. Ritrovato nel salernitano "file" perduto del tardo Rinascimento

martedì 28 settembre 2021
UOMINI E DONNE, PROFETI E SIBILLE, OGGI: STORIA DELLE IDEE E DELLE IMMAGINI.
A CONTURSI TERME (SALERNO), IN EREDITA’, L’ULTIMO MESSAGGIO DELL’ECUMENISMO RINASCIMENTALE .....
RINASCIMENTO ITALIANO, OGGI: LA SCOPERTA DI UNA CAPPELLA SISTINA CON 12 SIBILLE. Sul tema, la prefazione di Fulvio Papi (...)

In risposta a:

> CARMELITANI SCALZI ED ECUMENISMO --- PER TERESA D’AVILA, E PER IL CONGRESSO "DONNA ECCEZIONALE", IL TESTO DELLA LETTERA DI PAPA FRANCESCO AL VESCOVO DI AVILA José María GIL TAMAYO (di Carmelitani Scalzi della Prov. Veneta).

mercoledì 14 aprile 2021

La lettera.

Francesco: Teresa d’Avila esempio per le donne nella Chiesa e nella società

Reso pubblico il testo scritto nel 2020 da papa Bergoglio a cinquant’anni dell’assegnazione del titolo di dottore della Chiesa, da parte di Paolo VI, nel 1970 alla mistica spagnola carmelitana

di Filippo Rizzi (Avvenire, mercoledì 14 aprile 2021)

      • [Foto] Santa Teresa d’Avila

«La fiamma che Gesù ha acceso in Teresa continua a brillare in questo mondo sempre bisognoso di testimoni coraggiosi, capaci di abbattere qualsiasi muro, sia esso fisico, esistenziale o culturale». È uno dei passaggi chiave con cui papa Francesco tratteggia la grandezza della mistica spagnola Teresa d’Avila (1515-1582).
-  La lettera di papa Bergoglio indirizzata all’attuale vescovo di Avila, Gil Tamayo, è stata scritta nel 2020 in occasione dei 50 anni (1970-2020) dal conferimento del dottorato a Santa Teresa d’Avila da parte di Paolo VI.

A riportare la novità di questo testo “inedito” del Pontefice dedicato alla riformatrice del Carmelo è stato il 13 aprile scorso il sito Vatican News. Il Papa nel testo sottolinea che «il suo coraggio, la sua intelligenza, la sua tenacia, a cui ha unito una sensibilità per la bellezza e una maternità spirituale verso tutti coloro che si sono avvicinati al suo lavoro, sono un esempio esemplare del ruolo straordinario che le donne hanno svolto nel corso della storia nella Chiesa e nella società».

Nella missiva Francesco ricorda l’importanza della religiosa divenuta famosa per il suo capolavoro spirituale, il libro “Castello Interiore” (1577), che è stato anche modello per la mistica degli Esercizi Spirituali di Ignazio di Loyola. «Averla come amica, compagna e guida nel nostro pellegrinaggio terreno - è l’indicazione del Papa - conferisce sicurezza e tranquillità». A questa importante figura l’Università Cattolica di Avila dedica un congresso internazionale dal titolo “Donna eccezionale”, come la definì papa Montini, in corso fino a al 15 aprile.


Lettera di Papa Francesco per il 50° di Dottorato di Santa Teresa

      • CARMELITANI SCALZI DELLA PROVINCIA VENETA. Pubblichiamo in anteprima la traduzione in italiano della lettera scritta dal Santo Padre Francesco in occasione del Congresso indetto dalla Diocesi di Avila per il 50° anniversario del conferimento del titolo del Dottorato alla Santa Madre. *

Al caro fratello vescovo José María GIL TAMAYO

Vescovo di Avila

Sono già passati cinquant’anni da quando, il 27 settembre 1970, il mio predecessore san Paolo VI conferì il titolo di Dottore della Chiesa a santa Teresa di Gesù. È stata la prima donna a ricevere questo titolo che riconosce il prezioso magistero che Dio ci ha dato nei suoi scritti e nella testimonianza della sua vita. Dopo di lei, altre donne hanno ricevuto questa onorificenza.

Nonostante i cinque secoli che ci separano dalla sua esistenza terrena, la fiamma che Gesù ha acceso in Teresa continua a brillare in questo mondo sempre bisognoso di testimoni coraggiosi, capaci di abbattere qualsiasi muro, sia esso fisico, esistenziale o culturale. Era "una donna eccezionale", come la definì San Paolo VI. Il suo coraggio, la sua intelligenza, la sua tenacia, a cui univa una sensibilità per la bellezza e una maternità spirituale verso tutti coloro che si avvicinavano alla sua opera, sono un esempio esimio del ruolo straordinario che le donne hanno svolto nel corso della storia nella Chiesa e nella società.

La Santa di Avila continua a parlarci oggi attraverso i suoi scritti e il suo messaggio è aperto a tutti, affinché nel conoscerlo e contemplarlo ci lasciamo sedurre dalla bellezza dello stile e dalla verità del contenuto, e facciamo nascere in noi il desiderio di avanzare sulla via della perfezione. Averla come amica, compagna e guida nel nostro pellegrinaggio terreno conferisce all’anima sicurezza e serenità. Il suo esempio non è solo per i nostri fratelli e sorelle che sentono la chiamata alla vita religiosa, ma per tutti coloro che desiderano progredire sulla via della purificazione da ogni mondanità che conduce allo sposalizio con Dio, alle alte dimore del castello interiore.

Caro fratello, desidero incoraggiare tutti i membri di questa Chiesa particolare, sacerdoti, religiosi e laici, così come tutti gli organizzatori e i partecipanti al Congresso Internazionale che si terrà presso l’Università Cattolica Santa Teresa, a continuare ad approfondire il messaggio della Santa di Avila e a diffondere il suo insegnamento. È bello ricordare che tutte le grazie mistiche che ha ricevuto l’hanno portata in cielo, ma lei ha saputo trasportare il cielo sulla terra, facendo della sua vita una dimora di Dio, dove tutti avevano un posto. Affinché la nostra società sia sempre più umana, e perché tutti viviamo nella fraternità che viene dallo stesso Padre, è un bel progetto ascoltare il suo invito ad "entrare in noi stessi" per incontrare il Signore (Castello Interiore 2,1,1), e così testimoniare che "Dio solo basta".

In questo anno giubilare che la Chiesa dedica a San Giuseppe, il beato Patrono, non posso terminare questo messaggio senza ricordare la grande devozione nei suoi confronti della Santa "vagabonda". Lo prese come maestro, avvocato e intercessore; a lui si affidò, certa che avrebbe ricevuto le grazie che chiedeva. Dalla propria esperienza ha incoraggiato altri a fare lo stesso (cfr. Libro della vita, 6, 6-8; Lettera apostolica Patris corde, 8 dicembre 2020). Tale era la sua devozione che, in occasione delle sue fondazioni, percorse le terre di Castiglia e Andalusia accompagnata dall’immagine di San Giuseppe. I santi vanno sempre tenendosi per mano e ci sostengono per la fiducia riposta nella loro intercessione. Che possano intercedere per voi.

Che il Signore vi benedica e che la Santa Vergine vegli su di voi. E per favore non dimenticate di pregare per me.

Fraternamente,

Francesco

Roma, San Giovanni in Laterano, 19 marzo 2021,

Solennità di San Giuseppe, Patrono della Chiesa Universale

(traduzione di P. Iacopo Iadarola ocd)

*FONTE: CARMELITANI SCALZI DELLA PROVINCIA VENETA.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: