Inviare un messaggio

In risposta a:

CARMELITANI SCALZI ED ECUMENISMO: STORIA E MEMORIA. Ritrovato nel salernitano "file" perduto del tardo Rinascimento

martedì 28 settembre 2021
UOMINI E DONNE, PROFETI E SIBILLE, OGGI: STORIA DELLE IDEE E DELLE IMMAGINI.
A CONTURSI TERME (SALERNO), IN EREDITA’, L’ULTIMO MESSAGGIO DELL’ECUMENISMO RINASCIMENTALE .....
RINASCIMENTO ITALIANO, OGGI: LA SCOPERTA DI UNA CAPPELLA SISTINA CON 12 SIBILLE. Sul tema, la prefazione di Fulvio Papi (...)

In risposta a:

> CARMELITANI SCALZI ED ECUMENISMO: STORIA E MEMORIA. --- MODICA/CATANIA/ENNA. L’inquietudine di Teresa d’Avila raccontata in una piéce musicale in Sicilia, a cura della carmelitana suor Chiara Zacchi).

venerdì 30 luglio 2021

Proposta.

L’inquietudine di Teresa d’Avila raccontata in una piéce musicale in Sicilia

Oggi il debutto a Modica dello spettacolo che racconta la vita della grande mistica spagnola vissuta nel XVI secolo. A curare la realizzazione della rappresentazione la carmelitana suor Chiara Zacchi

di Redazione Catholica (Avvenire, giovedì 29 luglio 2021)

La vita dall’infanzia alla maturità, la sua impronta profusa nella riforma del Carmelo, i suoi viaggi nella Spagna del XVI secolo per fondare monasteri e infine le sue vette mistiche. È in sintesi la vita della carmelitana scalza santa Teresa d’Avila, vissuta tra il 1515 e il 1582, proclamata dottore della Chiesa da Paolo VI nel 1970. E uno spettacolo musicale dal titolo eloquente “Inquieta. La più santa fra le donne, la donna fra le sante” ripercorre la grandezza spirituale non solo della mistica spagnola che fu anche amica e confidente del re di Spagna Filippo II d’Asburgo.

A curare e a mettere in piedi questo evento musicale con la selezioni di alcuni testi della santa di Avila sono la carmelitana suor Chiara Zacchi, la poetessa Egizia Malatesta e il compositore Roberto Martinelli. A declamare e ad intonare le parole della mistica carmelitana saranno il coro polifonico e la soprano Magdalena Gallo.

Tra le caratteristiche della piéce ci sarà la contrapposizione tra improvvisazione di note jazz, canto Gregoriano e polifonie di sapore arcaico e musiche barocche. Il debutto dello spettacolo sarà questa sera alle 21 in Sicilia a Modica presso la scalinata della chiesa di san Giovanni Evangelista. Domani lo spettacolo alle 21 verrà replicato all’anfiteatro “Le Ciminiere” di Catania (viale Africa).

E sabato-nella memoria liturgica di sant’Ignazio di Loyola e fondatore della Compagnia di Gesù - si terrà l’ultima rappresentazione di “Inquieta”, sempre alle 21, al Castello di Lombardia di Enna. «La parola di Teresa ci coinvolge nella sua esperienza, tra certezze e turbamenti, in un perdersi e ritrovarsi che sono il frutto di una vita mistica intensa, estatica, ma allo stesso tempo ricca di realismo e quotidianità. - spiega la carmelitana scalza suor Manuela Romano del monastero “Regina Carmeli” di Lucca e tra le promotrici dell’evento. Ella Fu definita dall’autorità ecclesiastica dell’epoca come “inquieta e vagabonda”. Fu veramente una monaca sui generis del suo tempo».

Che annota infine: «La rappresentazione di questo spettacolo così “teresiano” è frutto soprattutto del lavoro e della creatività di un artista come Roberto Martinelli e del contributo molto femminile apportato dalla carmelitana suor Chiara Zacchi».


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: