Inviare un messaggio

In risposta a:

IL SONNO MORTIFERO DELL’ITALIA. In Parlamento (ancora!) il Partito al di sopra di tutti i partiti.

giovedì 23 maggio 2019
PER L’ITALIA E PER LA COSTITUZIONE. CARO PRESIDENTE NAPOLITANO, CREDO CHE SIA ORA DI FARE CHIAREZZA. PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI ...
Materiali sul tema (24.05.2012):
"PUBBLICITA’ PROGRESSO": L’ITALIA E LA FORZA DI UN MARCHIO REGISTRATO!!!
GLI APPRENDISTI STREGONI E L’EFFETTO "ITALIA". LA (...)

In risposta a:

> IL SONNO MORTIFERO DELL’ITALIA. In Parlamento (ancora!) il Partito al di sopra di tutti i partiti -- “Sindacati sale della democrazia. Così è nato l’asse con la Camusso”. Interv. a Renato Brunetta (di Ugo Magri)

giovedì 5 maggio 2016

“Sindacati sale della democrazia. Così è nato l’asse con la Camusso”

Brunetta (Forza Italia): altro che cani e gatti, difendiamo i lavoratori

intervista di Ugo Magri (La Stampa, 05.05.2016)

«I nemici dei miei nemici sono miei amici», mette subito in chiaro Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia, «sarà anche banale, ma in politica funziona così».

Quindi è per via del comune nemico a Palazzo Chigi che lei ha accolto a braccia aperte Susanna Camusso, leader Cgil?

«Nella battaglia di opposizione è giusto parlare con tutti, se occorre perfino con il diavolo. E la Camusso non è certo il diavolo. Tanto più quando viene a discutere un’idea intelligente, su come rinnovare lo Statuto dei lavoratori. Ma un laburista come me, che è nato socialista riformista, che è professore ordinario di Economia del lavoro, che considera i sindacati una risorsa collettiva, anzi una ricchezza della vita pubblica, figurarsi se può dire alla Cgil “no, con voi io non parlo”. A voler rottamare i sindacati, semmai, sarà qualcun altro...».

Chi, Renzi?

«Il presidente del Consiglio sta attuando un piano di distruzione del sindacato e di tutti i corpi intermedi che giudico pernicioso, inaccettabile. In quanto vuol azzerare il conflitto fisiologico, la complessità sociale. Perché significa meno democrazia, meno libertà, più autoritarismo e più egemonismo».

Però questi corpi intermedi che lei difende, Brunetta, sono un ostacolo a chi governa, un freno alle decisioni...

«Sono una seccatura, lo so bene io. Pensi che nei tre anni e mezzo in cui fui ministro, la Cgil mi proclamò contro ben 13 scioperi generali del pubblico impiego, tutti falliti perché gli statali davano retta a me anziché a loro. Però i sindacati, anche quando sbagliano, e sbagliano spesso, restano il sale della vita democratica. Discutere con loro è un dovere. Renzi invece vorrebbe interloquire direttamente con i cittadini elettori, cerca il loro voto in cambio di qualche mancia, aumentando il debito. Come faceva a Napoli Achille Lauro, come Peron in Argentina».

O come più di recente Berlusconi, non trova?

«Falso, sbagliatissimo. Berlusconi e i suoi governi hanno seguito come metodo il dialogo sociale, sempre. Cercando soluzioni di compromesso alto ai conflitti, a costo di fare passi indietro come sull’articolo 18 dopo la manifestazione sindacale al Circo Massimo. E sa perché lo facevamo, noi?».

Per debolezza.

«No, perché Forza Italia era in quella fase il più grande partito operaio italiano. Mica penserà che 15-16 milioni di voti fossero tutti dei super-ricchi, delle partite Iva e dei padroni. Non ne esistono così tanti di capitalisti in Italia, purtroppo. Se il Pdl arrivò al 37-38 per cento fu proprio perché inglobava la gran parte dei “colletti blu”. E le pare che Berlusconi non tenesse conto?».

Forza Italia non è più quella di allora.

«Ma la cultura di fondo rimane identica. Per cui non deve stupire se mettiamo in campo un nuovo protagonismo politico e sociale. E se, accanto ai giusti diritti dei cani e dei gatti, difendiamo con ben altra storia e ben altre motivazioni le ragioni dei lavoratori, tutti».


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: