Poster un message

En réponse à :

GESÙ E IL CATTOLICESIMO-ROMANO. UNA LEZIONE DI JOYCE (da "FINNEGANS WAKE").

vendredi 16 octobre 2020
Gesù - nel messaggio evangelico ...
Marco 7,31-37 :
Di ritorno dalla regione di Tiro, passò per Sidone, dirigendosi verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli.
E gli condussero un sordomuto, pregandolo di imporgli la mano.
E portandolo in disparte lontano dalla folla, gli pose (...)

En réponse à :

> GESÙ E IL CATTOLICESIMO-ROMANO. UNA LEZIONE DI JOYCE (da "FINNEGANS WAKE"). --- Il mio regno non è di qui (di PieroStefani).

mercredi 28 novembre 2018

Il mio regno non è di qui

di Piero Stefani ("Il Regno", 22/11/2018)

      • Solennità di Cristo re dell’universo

      • Dn 7,13-14 ; Sal 93 (92) ; Ap 1,5-8 ; Gv 18,33-37

« Universo » è parola sconosciuta alla Bibbia. Per dire « il tutto », il primo versetto della Scrittura impiega l’espressione « il cielo e la terra » (Gen 1,1 ; cf. Ef 1,10). Il posto privilegiato che questo modo di dire riserva a ciò che noi definiamo « nostro pianeta » indica una distanza incolmabile tra l’immagine biblica del cosmo e quella attuale. Non ha senso logico definire un campo come fosse costituito da 100 ettari di terreno e da un granello di polvere. I tentativi di intrecciare teologicamente tra loro la visione cosmica biblica con quella odierna non portano da nessuna parte.

Meglio domandarsi allora perché il Nuovo Testamento, e in particolare Giovanni, precludono l’eventualità di qualificare la solennità odierna ricorrendo all’espressione « re del mondo ».

« Il mio regno non è di questo mondo » (Gv 18,36), risponde Gesù a Pilato. Subito dopo Gesù aggiunge : « Il mio regno non è di qui (enteuthen) » (Gv 18,36). Le due espressioni kosmos (« mondo ») ed enteuthen (« qui ») gravitano dalla stessa parte.

Kosmos è una parola frequente nel quarto Vangelo. Essa è contraddistinta da una forte ambiguità. Il mondo rappresenta la scena sulla quale si svolge il dramma della redenzione : « Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui » (Gv 3,17 ; cf. Gv 10,36 ; 11,27). Il mondo è amato da Dio (cf. Gv 1,29 ; 4,42) eppure odia Gesù, « perché di esso io attesto che le sue opere sono cattive » (Gv 7,7 ; cf. Gv 15,18-19 ; 17,14).

Il Vangelo di Giovanni è caratterizzato da un lessico fortemente duale (luce-tenebre ; vita-morte ; amore-odio ; verità-menzogna...) ; tuttavia alcuni termini, come appunto « mondo », più che colti in contrapposizione al loro opposto, vanno intesi in relazione a una tensione che sussiste tra vari significati attribuiti alla stessa parola : il mondo è amato e salvato, eppure odia Gesù. « Il mio regno non è di questo mondo » ma io sono venuto a salvare il mondo.

La contraddizione sembra insuperabile. Per cercare di scioglierla è di qualche aiuto seguire l’altro, e assai meno importante, termine : « qui ». In effetti esso ricorre poche volte in Giovanni e nella maggior parte dei casi ha un semplice valore spaziale, secondo il senso comune del termine (cf. Gv 2,16 ; 7,3 ; 14,31).

Nella risposta a Pilato le cose stanno diversamente. Non ha significato alcuno affermare che « il mio regno non è di qui » perché è « altrove », come se si estendesse su un altro territorio. Tuttavia, guardando all’ultima occasione nella quale Giovanni fa ricorso al termine, si apre all’improvviso uno squarcio. Ciò avviene se nella traduzione, a differenza del solito, si ricorre all’avverbio « qui » : « Lo crocifissero e con lui altri due, uno da una parte e uno dall’altra (enteuthen kai enteuthen, una specie di « uno di qui e uno di qua »), e Gesù in mezzo » (Gv 19,18).

È solo un cenno, non più di una spia ; tuttavia appare calzante pensare a un richiamo tra le due scene ; come se si volesse far dire a Gesù : il mio regno non è « qui », ma è sulla croce. Non ci si muove nella logica dei poteri mondani, il tal caso qualcuno avrebbe combattuto (cf. Gv 18,36) ; il regno si trova invece nella forza attrattiva e salvifica della croce : « “E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me”. Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire » (Gv 12,32-33).

Gesù afferma che il suo regno non è di qui, egli però rivendica pienamente la propria condizione regale : « Tu lo dici, io sono re » (Gv 18,37). Si tratta di una regalità diversa da quella mondana. « Gesù il Nazareno, il re dei Giudei » sarebbe stata la frase scritta sulla croce in ebraico, latino e greco, e che Pilato non volle mutare. « Quel che ho scritto ho scritto » (Gv 19,22) è una specie di definitivo sigillo posto al « Tu lo dici » (Gv 18,37) rivolto da Gesù a Pilato. È sulla croce che si dispiega la regalità « altra » e salvifica di Gesù.


*Sul tema, nel sito, si cfr. :

SAN PAOLO, COSTANTINO, E LA NASCITA DEL CATTOLICESIMO.

EUROPA ED EVANGELO. LA ’CROCE’ DI CRISTO ("X" = lettera alfabeto greco) NON HA NIENTE A CHE FARE CON IL "CROCIFISSO" DELLA TRADIZIONE COSTANTINIANA E CATTOLICO-ROMANA.

GUARIRE LA NOSTRA TERRA : VERITÀ E RICONCILIAZIONE.

Federico La Sala


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :