Poster un message

En réponse à :
Wojtyla-Fidel

Anno Domini Janni 2006, VALENCIA : VIVA ZAPATERO !!!

dimanche 9 juillet 2006 par Federico La Sala
[...]La laicità di Zapatero è un virus insidioso. Ha già attecchito nella fedele Spagna, modificando il senso di una cittadinanza che dà a Dio quel che è di Dio e a Cesare quel che è di Cesare.
Ma potrebbe diffondersi altrove. E allora perfino Fidel Castro potrebbe mancare alla prossima messa.
VALENCIA 2006 - SCANDALO AL SOLE
di Ida Dominijanni*
Non è un obbligo, per un capo di stato andare a messa. Il serafico commento di Vladimir Luxuria all’ annunciata assenza del premier (...)

En réponse à :

> Anno Domini Janni 2006, VALENCIA : VIVA ZAPATERO !!!

lundi 10 juillet 2006

EFFETTO ZAPATERO

Lidia Menapace - in un articolo su Liberazione - plaude al primo ministro spagnolo, Zapatero, che ha ricevuto il Papa « come capo di Stato », ma non è andato alla messa.

« Un gesto molto giusto - scrive - (...) che eventualmente serve a rendere più netta la differenza fra i due poteri ». Plaudo anch’io alla decisione di Zapatero di non andare alla messa, ma non le attribuisco il significato della Menapace. Se la fede appartiene alla sfera della coscienza individuale, come sostiene la cultura liberale, e se Zapatero non è credente, come lascerebbe supporre la sua decisione, egli, non andando a messa, ha semplicemente riaffermato la validità del principio liberale ed esercitato, di conseguenza, la propria libertà di scelta. Se, al contrario, Zapatero è credente e ha deciso di non andare a messa per « rendere più netta la differenza fra i due poteri », egli è caduto - per eccesso di laicismo - in una doppia contraddizione. Ha contraddetto se stesso, come credente, abdicando contemporaneamente alla propria libertà di scelta. Ha contraddetto anche il principio liberale, come laico, ricollocando la fede nella sfera pubblica. Quel che si dice trasformare il laicismo in « religione di Stato ».

La Menapace prosegue scrivendo che, in occasione di funerali di Stato, le « sembrerebbe giusto che i famigliari vengano richiesti se desiderano o no funerali religiosi e non vengano comunque obbligati alla sola presenza dei sacerdoti ». Sottoscrivo anch’io, sempre in nome del principio liberale che relega la fede nella sfera della coscienza individuale e sancisce la conseguente libertà di scelta di ciascuno in materia religiosa. Ma, poi, la giornalista di Liberazione va oltre. « I semplici cittadini possono sempre prendere parte a funerali e matrimoni o altre cerimonie religiose per rispetto ai loro amici (...) Ma le autorità pubbliche sarebbe bene che mantenessero una più rigorosa distinzione tra le due sfere, specialmente quando si tratta di una messa, cioè di un evento solennissimo e intrinsecamente di fede ».

Qui, da liberale, non la seguo più. Innanzi tutto, per la ragione che ho spiegato più sopra, a seconda che la cosiddetta « autorità pubblica » sia o non sia credente. In secondo luogo, per una ragione, diciamo così, più politica. Anche l’uomo politico, che partecipa a una cerimonia religiosa come i funerali di Stato perché credente, non tradisce ugualmente la « distinzione tra le due sfere » - e tanto meno la tradisce se non credente - in quanto egli, in quella circostanza, continua a rappresentare lo Stato, non la propria fede (e tantomeno la Chiesa). E ciò in ossequio alla formula classica liberale e cavouriana « libera Chiesa in libero Stato ». Non a caso, infatti, Civiltà cattolica, la rivista dei gesuiti, ha messo in discussione proprio quell’« in » che inserisce la Chiesa nello Stato, negandole un’estensione anche civile che lo trascenda, secondo la concezione illuministica della Rivoluzione francese e dello stesso Primo emendamento del Bill of Rights americano. Che non ha certo impedito la diffusione di un forte spirito religioso, e la sua associazione a un non meno forte senso civico, nella società statunitense.

In conclusione. Non mi pare sia laicismo quello della Menapace, che fa una terribile confusione fra sfera della coscienza individuale, libertà di scelta, ruolo dell’uomo politico, credente o no che esso sia, in materia religiosa. A me pare, piuttosto, una bella manifestazione di bigottismo e di clericalismo politici.

Funerali e religione : quei laici confusi di Piero Ostellino, Corriere della Sera, 10 luglio 2006


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :