Poster un message

En réponse à :
Nell’ anniversario dell’assassinio del generale Dalla Chiesa...

CHIESA, POLITICA, E ... "MAMMASANTISSIMA". INTERVISTA AL CARDINALE PAPPALARDO di Ariel Levi di Gualdo

dimanche 3 septembre 2006 par Federico La Sala
[...] « Non basta osservare la legalità, se il
senso del dovere morale e della giustizia
non forma prima le coscienze.
Tutto passa per la rottura d’equilibri
di collusione tra politica e Cosa Nostra,
ma purtroppo è sempre diffusa
un’ idea letale : "Se le cose non possono
esser cambiate vanno lasciate
come sono". Così si accetta che la
politica sia stata scissa dall’etica, se
non peggio fusa talora al malaffare.
Per i cristiani, la rottura d’equilibri
perversi, è in mano all’uomo sin da (...)

En réponse à :

> CHIESA, POLITICA, E ... "MAMMASANTISSIMA". INTERVISTA AL CARDINALE PAPPALARDO ---- L’Unità nazionale in pericolo (di Giorgio Ruffolo).

mercredi 9 septembre 2009

L’Unità nazionale in pericolo

di Giorgio Ruffolo (la Repubblica, 09.09.2009)

Altri grandi paesi europei non celebrano la loro unità. Per alcuni è troppo remota per avere un significato attuale. Altri come la Francia preferiscono celebrare il loro più grande conflitto storico : la rivoluzione. Tutti considerano l’unità come un fatto acquisito che non ha bisogno di essere celebrato. Per noi non è così. Perciò finiremo per celebrarla controvoglia.

Il fatto è che l’unità italiana è scarsamente sentita dagli italiani. Lo testimonia la svogliatezza con la quale l’attuale governo, pur pressato dal Presidente della Repubblica, ha abbandonato le celebrazioni ormai prossime del centocinquantesimo anniversario alla fantasia burocratica e dissipatrice di Regioni e Comuni. Né maggiore interesse è dimostrato dall’opposizione.

Solo una minoranza politica, diciamo la verità, coltiva il mito del Risorgimento. Per la maggioranza Mazzini e Garibaldi fanno parte del folklore domestico, non certo di una salda coscienza patriottica. C’è anche chi, come un giovane e intelligente studente, addirittura se ne vergogna pubblicamente. E in effetti ragioni, se non di vergogna, di grande perplessità non mancano sul modo in cui quell’unità fu raggiunta : tra l’altro, in forme impreviste e persino indesiderate dai suoi protagonisti.

Tra questi il suo massimo artefice, Cavour, l’aveva fin quasi al suo compimento definita una "sciocchezza" restando all’ipotesi del "Belgio grasso" al Nord e di un Regno del Mezzogiorno al Sud, con una mediazione pontificia al centro : il tutto nell’ambito, al massimo, di una lasca confederazione.

È vero dunque che l’unificazione politica del Paese fu il risultato di una conquista sabauda, non di una patriottica intesa. Se poi si vuole infierire, fu anche il risultato di umilianti sconfitte militari. Ma due cose non sono vere.

La prima è che manchi all’unità del Paese la sua base storica. L’Italia si riconosce non solo nella pizza, nel gioco del pallone e nell’autocompiacenza amatoria, ma in una grande lingua e in una grandissima civiltà. La seconda è che il Risorgimento non fu soltanto conquista effimera e frutto di fortunose sconfitte. Fu anche movimento di popolo. Ci fu certamente il Risorgimento freddo, ma ci fu anche un Risorgimento caldo, fiammeggiante nelle giornate di Milano e di Brescia, nella repubblica romana, nella resistenza di Venezia, nell’avventura garibaldina.

Non soltanto. Contrapposto alla storia che inopinatamente si realizzò, il Risorgimento fu anche un grande disegno alternativo fallito ma ancora oggi carico di significato. Fu il progetto di una Federazione nella quale le realtà storiche del Paese, così ricche di irriducibile "personalità", costruissero, sulla base di una loro gelosa autonomia, una cangiante e meravigliosa unità.

Questo era il grande disegno di Cattaneo, di Salvemini, di Dorso. Un federalismo unitario, come tutti gli autentici federalismi vittoriosi, da quello americano a quello svizzero a quello tedesco. Unitario e patriottico. Niente da spartire con un leghismo protezionistico, tendenzialmente separatista e desolantemente, caro ragazzo, bigotto.

Questo grande disegno alternativo risultò sconfitto con grave danno dell’intero Paese al quale veniva a mancare la dorsale di sostegno : l’integrazione tra il Nord e il Sud d’Italia.

Ciò che ancora i "belgi" del Nord non hanno capito è la diversità sostanziale tra la questione meridionale e quella settentrionale. Quest’ultima è la sacrosanta espressione di interessi locali e di culture specifiche da tutelare. La prima invece è la colonna vertebrale dell’intero Paese.

Ecco perché i grandi meridionalisti hanno sempre mantenuto le distanze da un sudismo becero : hanno parlato non a nome di Palermo e di Napoli, ma dell’Italia e dell’Europa.

La prima vittima della soluzione unitaria-autoritaria è stato proprio il meridionalismo. All’ombra di quella la questione meridionale si è sbriciolata in una poltiglia di pretese locali ; la classe politica si è decomposta in una serie di consorterie clientelari ; il disegno dell’intervento straordinario, concepito inizialmente come grande progetto unitario di scala nazionale si è sminuzzato in una serie di interventi particolari esposti alle sollecitazioni e pressioni "private".

La tremenda minaccia che si addensa oggi sul Mezzogiorno non è più, come Gramsci denunciava, l’asservimento del Sud agli interessi dominanti del Nord. La depressione politica del Mezzogiorno non si identifica più nel potere della classe agraria e nella sua alleanza subalterna con la borghesia industriale del Nord, ma nel potere di una borghesia mafiosa e nello scambio elettorale tra la garanzia politica che essa assicura al governo centrale e le risorse finanziarie che ne riceve e che gestisce come un gigantesco "pizzo" attraverso i governi locali.

La "tremenda minaccia" è che il governo di quelle risorse sfugga anche a quella intermediazione e cada direttamente nelle mani delle grandi reti della criminalità internazionale.

Non accade già in certe regioni del Sud ?

Queste domande ripropongono a centocinquant’anni di distanza il problema dell’unità d’Italia. Non è mai troppo tardi.


-  CONVIVERE CON LA MAFIA, CON LA ’NDRANGHETA E CON LA CAMORRA... ??!! ROBERTO SAVIANO DENUNCIA LA RIMOZIONE "BIPARTISAN". Con un’intervista di Marco Imarisio


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :