Poster un message

En réponse à :
Nell’ anniversario dell’assassinio del generale Dalla Chiesa...

CHIESA, POLITICA, E ... "MAMMASANTISSIMA". INTERVISTA AL CARDINALE PAPPALARDO di Ariel Levi di Gualdo

dimanche 3 septembre 2006 par Federico La Sala
[...] « Non basta osservare la legalità, se il
senso del dovere morale e della giustizia
non forma prima le coscienze.
Tutto passa per la rottura d’equilibri
di collusione tra politica e Cosa Nostra,
ma purtroppo è sempre diffusa
un’ idea letale : "Se le cose non possono
esser cambiate vanno lasciate
come sono". Così si accetta che la
politica sia stata scissa dall’etica, se
non peggio fusa talora al malaffare.
Per i cristiani, la rottura d’equilibri
perversi, è in mano all’uomo sin da (...)

En réponse à :

> CHIESA, POLITICA, E ... "MAMMASANTISSIMA". INTERVISTA AL CARDINALE PAPPALARDO di Ariel Levi di Gualdo

dimanche 10 décembre 2006

CARD. PAPPALARDO, UNA VITA IN TRINCEA

PALERMO - Accanto a Papa Giovanni Paolo II nella valle dei templi quando il pontefice lanciò l’anatema ai mafiosi, "Convertitevi, convertitevi, un giorno verrà il giudizio di Dio !", chino sulla salma del parroco padre Pino Puglisi ucciso con un colpo di pistola alla testa dai mafiosi di Brancaccio, promotore dell’evento che vide nel capoluogo i delegati di tutte le chiese italiane, nel ’95.

Sempre in prima linea il cardinale Salvatore Pappalardo, arcivescovo di Palermo dal ’70 al ’96 (3 anni dopo la scadenza naturale per anzianita’) morto nella casa diocesana di Baida, afflitto, a 88 anni, da un male incurabile, e scomparso in silenzio com’ era suo stile. Il card. Pappalardo ha lavorato per tutta la sua vita per la chiesa, per migliorarla a Palermo e in Sicilia, per avvicinarla di più alla gente.

Sarà comunque ricordato per quel dito alzato il 9 settembre 1982, nel pantheon di San Domenico davanti alle bare del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa e della moglie, quando rivolto alla classe politica condannò un "sistema" che della mafia parlava tanto, ma nulla riusciva a fare per estirparla : così "mentre Roma discute... Sagunto è espugnata", disse citando Tito Livio ma attribuendo la frase a Sallustio, sbagliando come lui stesso poi disse sorridendo.

A Palermo, proveniente dalla direzione della Pontificia Accademia Ecclesiastica di Roma, Pappalardo era giunto come arcivescovo il 17 ottobre 1970. Siciliano dell’ agrigentino orientò la sua attività pastorale al riscatto di Palermo e della Sicilia.

E’ stato a volte accusato di non denunciare tutto ciò che non andava per il bene della gente ma non si può non ricordare che in realtà ha sempre sferzato, con toni pacati, sfuggendo ai riflettori, la classe politica come ogni 4 settembre, ricorrenza della patrona di Palermo, Santa Rosalia. L’ arcivescovo di Palermo ha invitato a superare "contrapposizioni e divisioni" spronando gli amministratori pubblici a dare risposte coerenti ai mali della Sicilia.

Anche durante il "riposo" dalla sua attività il card. Pappalardo è sempre stato presente sui fatti di attualità, sia che si trattasse dell’ arresto di Provenzano che dell’ occupazione della cattedrale da parte di cento ex detenuti che chiedevano lavoro, ha sempre espresso il suo parere lucido e forte di esperienza. E oggi la classe politica, da Destra a Sinistra, riconosce il possente lavoro pastorale da lui svolto tributandogli il giusto riconoscimento e abbracciandolo un’ ultima volta come la marea di palermitani che già in serata, appresa la triste notizia, è andata nella sala Filangieri del palazzo arcivescovile dov’é stata allestita la camera ardente.

E tra la gente in fila per un ultimo sguardo alla salma non è stato dimenticato il saluto di congedo del cardinale siciliano quando in Cattedrale disse rivolto ai suoi fedeli : "Mi rendo conto che di più e meglio avrei potuto fare per voi e spero che delle mie deficienze, così come mi avete sopportato, ora mi perdonerete".

ANSA » 2006-12-10 13:59


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :