Poster un message

En réponse à :
Visita pastorale del Papa a Napoli ....

ALLARME : "CAMORRA" !!!, "MAMMASANTISSIMA" !!! CAMBIARE ROTTA !!! PER L’ITALIA, PER NAPOLI, RIPARTIRE DALLE RADICI MODERNE, EU-ANGELICHE E FRANCESCANE - dal "presepe" !!! A tutta NAPOLI e al coraggioso Cardinale SEPE un augurio e una sollecitazione, a camminare insieme sulla strada della civiltà del dialogo e dell’amore. W o ITALY !!!

mardi 23 octobre 2007 par Federico La Sala
TUTTO A "CARO-PREZZO" : QUESTO "IL VANGELO CHE ABBIAMO RICEVUTO". IL VANGELO DI RATZINGER, BERTONE, RUINI, BAGNASCO E DI TUTTI I VESCOVI.
PER L’ITALIA E PER LA CHIESA : LA MEMORIA DA RITROVARE. L’"URLO" DI DON PEPPINO DIANA. « La camorra ha assassinato il nostro paese, noi lo si deve far risorgere, bisogna risalire sui tetti e riannunciare la "Parola di Vita" ».


L’Italia ripudia la guerra ! Ed è per lo (...)

En réponse à :

> ALLARME : "CAMORRA" !!!, "MAMMASANTISSIMA" !!! CAMBIARE ROTTA !!! ---Contro la « povertà che si espande a macchia d’olio », l’iniziativa « Aiutami a crescere » promossa dal cardinale Crescenzio Sepe (di Giacomo Galeazzi - “Adotta un bimbo napoletano”).

mardi 29 décembre 2009

“Adotta un bimbo napoletano”

di Giacomo Galeazzi (La Stampa, 29 dicembre 2009)

La Chiesa si mobilita per i « ninos de rua » della porta accanto. « Con trenta euro al mese i bambini poveri di Napoli potranno avere cibo e andare a scuola », afferma il cardinale Crescenzio Sepe, promotore dell’iniziativa « Aiutami a crescere ». Contro la « povertà che si espande a macchia d’olio » l’arcidiocesi partenopea sperimenta la solidarietà « glocal », adattando alla realtà locale una formula che da anni sta dando ottimi risultati nei paesi in via di sviluppo. Grazie a questo nuovo modello di volontariato la Chiesa napoletana sostituisce le adozioni a distanza con quelle di vicinanza. In pratica ai fedeli viene proposto di adottare un bambino della propria città per non lasciarlo in strada.

Attraverso la fondazione Onlus « In nome della vita », presieduta da Sepe, saranno subito sostenuti un centinaio di minori disagiati che vivono nei « quartieri a rischio. Si potrà adottare un baby concittadino con un solo euro al giorno, garantirgli un regolare percorso scolastico e, se necessario, un aiuto alimentare. I soldi raccolti serviranno anche ad aprire un « banco alimentare per l’infanzia » che consentirà alle parrocchie di distribuire cibo per i neonati. « La povertà è un fenomeno in crescita anche a causa della crisi mondiale- spiega Sepe, organizzatore anche dell’asta di beneficenza in Curia con il cantante Massimo Ranieri.

« La Chiesa, da sempre, ha fatto della lotta alla povertà uno degli impegni principali- evidenzia l’ex « Papa rosso (cioè ministro vaticano delle Missioni) destinato da Benedetto XVI a ridare slancio a una delle diocesi più difficili d’Italia-. Anche qui a Napoli, considerando la situazione particolarmente complicata, realizziamo progetti chiari e precisi. La priorità è combattere il disagio ». Una battaglia combattuta in prima linea, in un tradizionale « avamposto » della dottrina sociale.

« Non c’è pace senza giustizia e non c’è giustizia senza lotta alla povertà », evidenzia Sepe, reclamando « una più equa distribuzione delle ricchezze che pochi uomini e nazioni pretendono di controllare e governare in nome di una superiorità e di un diritto che spesso si traduce in sfruttamento e violenza ». La carità, quindi, come risposta ad una « realtà triste e drammatica, di dimensioni enormi che non si può affrontare da soli, senza la solidarietà ».

L’arcidiocesi ha creato la « banca dei poveri » alla quale Sepe ha donato lo stipendio di un anno. « Serve ai giovani e ai padri di famiglia senza un lavoro per darsi un’occupazione e procurarsi un reddito- evidenzia il cardinale-. Aiutiamo chi ha idee e progetti ma non ha risorse economiche per realizzarli ». Il fondo « Spes », speranza, eroga in Curia prestiti fino 20mila euro a tasso zero.

E contro « egoismi e posizioni di privilegio », Sepe mette in guardia da « misure accentuano che le disuguaglianze : guai a sentirsi un nuovo dio ma senza anima né futuro ».

A Natale la basilica dei Santi Severino e Sossio ha accolto 400 poveri per il pranzo e venerdì la Marcia della pace attraverserà le periferie.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :