Poster un message

En réponse à :
Per "il dialogo, quello vero"(B. Spinelli)

"Forza" ITALIA !!! Democrazia e "paradosso del politico mentitore" : IL PARLAMENTO CHE MUORE di Andrea Manzella.

Confucio : Rettificare i Nomi !!!
samedi 28 octobre 2006 par Federico La Sala
[...] la decisione dell’attuale presidente del consiglio di andare in parlamento, bongré malgré, è una positiva originalità rispetto alla prassi dell’ultima legislatura. Per capirlo in fretta, basta rileggere il resoconto parlamentare del 24 marzo 2004 e far parlare il presidente della Camera di allora, Casini : « La questione riguarda l’esistenza di una norma del regolamento che prevede la presenza del presidente del consiglio allo svolgimento del question time un determinato numero di (...)

En réponse à :

> "Forza" ITALIA !!! Democrazia e "paradosso del politico mentitore" : IL PARLAMENTO CHE MUORE di Andrea Manzella.

jeudi 5 juillet 2007

Previti, l’incapacità di decidere

di CARLO FEDERICO GROSSO (La Stampa, 05.07.2007)

Ieri La Stampa ha pubblicato, in un breve trafiletto, una notizia di cronaca apparentemente marginale, sulla quale è invece opportuno riflettere con attenzione. Qualche giorno fa il comico Beppe Grillo aveva accusato (sul suo blog) il presidente della Camera di non fare nulla per espellere dalla Camera l’on. Previti, nei cui confronti è stata pronunciata una sentenza definitiva di condanna penale che comporta, per la sua tipologia e la sua gravità, l’interdizione dai pubblici uffici e pertanto la decadenza dal mandato parlamentare.

Bertinotti ha risposto che « la Camera dei Deputati non è organizzata come una monarchia assoluta ma secondo il modello dello stato di diritto » e che « la questione dell’ineleggibilità e della decadenza è regolata dalla legge, e non è il presidente a decidere », ed ha soggiunto che « nei confronti di Previti è, comunque, aperto un procedimento, e sarà l’aula a decidere ».

Questa risposta, formalmente, è ineccepibile. Peccato, però, che eluda i termini reali della questione che Grillo intendeva, evidentemente, sollevare con la sua accusa un po’ provocatoria di inerzia presidenziale. Perché è vero che il presidente della Camera poco o nulla può fare, specificamente, contro le lungaggini della Commissione parlamentare che sta occupandosi del caso Previti. Ma è altrettanto vero che, stato di diritto alla mano, se le regole devono essere rispettate, devono essere rispettate a trecentosessanta gradi.

Non si comprende infatti per quale ragione, ad oltre un anno di distanza dalla pronuncia giudiziale che ha sancito l’interdizione dalla funzione pubblica, il Parlamento non si sia ancora pronunciato sulla decadenza. Consentendo che un parlamentare, che secondo le regole stabilite dalla legge penale avrebbe già dovuto abbandonare da tempo il suo incarico, continui invece, imperterrito, a ricoprirlo. Capisco quanto il caso Previti sia complesso, quanto le garanzie difensive debbano essere salvaguardate e quanto la competente Commissione parlamentare, presieduta da un deputato di Forza Italia, possa avere trovato intoppi nel procedere con speditezza nel suo lavoro. Sono d’altronde convinto che più d’un parlamentare, regolamenti alla mano, a questo punto mi spiegherà che la trattazione della pratica è comunque proceduta nel rispetto della legalità e dell’efficienza. Per carità, avrà senz’altro ragione. Ciò non toglie che a noi cittadini comuni riesca un po’ difficile apprezzare che una questione così delicata, ma nello stesso tempo così urgente, come la decadenza di un parlamentare condannato, impieghi tanto tempo ad essere risolta. Se esiste una norma penale che stabilisce l’interdizione dai pubblici uffici per chi è condannato per determinati reati, logica vorrebbe che si decidesse in fretta, evitando la protrazione abnorme di una situazione d’incertezza sulla condizione soggettiva del parlamentare sottoposto a procedura di decadenza.

E’ pertanto comprensibile che Grillo non sia stato soddisfatto dalla risposta un po’ pilatesca di Bertinotti ed abbia reagito a muso duro, scrivendo nel suo blog che, se nessuna autorità è in grado d’impedire che chi non ne ha più diritto continui ad essere deputato, « allora, caro Fausto, le istituzioni hanno fallito ». Si potrebbe soggiungere : ma allora, caro presidente, perché, per il rispetto sostanziale di quel principio di legalità al quale lei stesso fa riferimento nella sua risposta a Grillo, invece di limitarsi a menzionare le regole esistenti non si attiva per modificare i regolamenti e le prassi che consentono indebite lungaggini nell’istruttoria di pratiche come quella che concerne il condannato Previti ? Se lo facesse, rafforzerebbe lo stato di diritto ed eviterebbe incomprensioni della gente nei confronti del lavoro del Parlamento e del funzionamento delle istituzioni.

Nella storia repubblicana del nostro Paese vi sono stati, sicuramente, periodi più difficili di quello che stiamo vivendo. Guerra fredda, terrorismo, servizi deviati, depistaggi, stragi, spionaggi, corruzione. Oggi c’è tuttavia un tarlo che corrode. La perdita di fiducia diffusa della gente nei confronti della politica e delle istituzioni. Il rifiuto. Il distacco. La noia per le solite facce, i soliti riti, i soliti discorsi. La rabbia nei confronti della casta e dei suoi privilegi veri o presunti. L’irrisione per l’incapacità di decidere. L’antipolitica che avanza. Se non si disinnesca la rabbia, se non si supera il rifiuto, se non si colma il distacco, le conseguenze potrebbero essere a loro volta esiziali.

Ecco perché, nel piccolo episodio di cronaca dal quale si è tratto spunto per queste brevi riflessioni, la politica, ancora una volta, sembra mostrare di non essersi accorta di ciò che sta accadendo. Grillo, ideologicamente impegnato, intelligente e giustamente irridente come si conviene ai comici, facendo riferimento ad un’ipotesi emblematica di ritardo peloso nell’espletamento di un’incombenza parlamentare chiede al presidente della Camera : ma che cosa aspetti ad intervenire ? Il presidente, eludendo il problema, risponde : rispetto le regole date dello stato di diritto. Molta gente, ho l’impressione, a questo punto continuerà a pensare che la politica costituisce davvero una casa separata e avrà un po’ di fiducia in meno nell’istituzione parlamentare.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :