Poster un message

En réponse à :
Per "il dialogo, quello vero"(B. Spinelli)

"Forza" ITALIA !!! Democrazia e "paradosso del politico mentitore" : IL PARLAMENTO CHE MUORE di Andrea Manzella.

Confucio : Rettificare i Nomi !!!
samedi 28 octobre 2006 par Federico La Sala
[...] la decisione dell’attuale presidente del consiglio di andare in parlamento, bongré malgré, è una positiva originalità rispetto alla prassi dell’ultima legislatura. Per capirlo in fretta, basta rileggere il resoconto parlamentare del 24 marzo 2004 e far parlare il presidente della Camera di allora, Casini : « La questione riguarda l’esistenza di una norma del regolamento che prevede la presenza del presidente del consiglio allo svolgimento del question time un determinato numero di (...)

En réponse à :

> "Forza" ITALIA !!! Democrazia e "paradosso del politico mentitore" : IL PARLAMENTO CHE MUORE ---- Il paradosso dell’anti corruzione (di Lietta Tornabuoni).

jeudi 25 février 2010

Il paradosso dell’anti corruzione

di LIETTA TORNABUONI (La Stampa, 25/2/2010)

Lasciamo per una volta da parte la vecchia raccomandazione che suggeriva di non parlare di corda in casa dell’impiccato, e vediamo quante possibilità di successo potrebbe avere quel decreto anti-corruzione che il governo annuncia.

Troppi violano la legge, e come rimedio si fa un’altra legge ? Contro l’illegalità, si fa ricorso alla legalità ? Se le violazioni di legge sono così numerose da rappresentare una caratteristica o una piaga italiana, se le azioni giudiziarie relative sono enormemente aumentate in un anno come ha indicato la Corte dei Conti, vuol dire che non si tratta di « casi personali isolati », secondo l’assicurazione d’una autorità politica che se ne intende quale Berlusconi, ma di una questione sociale : e si pensa di ovviare a un problema simile con un decreto legge ? Oppure l’eventuale decreto legge è una toppa messa lì tanto per mostrare che si ha una qualche reazione, che si fa qualcosa ?

Se non si riesce a frenare l’illegalità, sarà per diversi motivi. Perché non ci sono mezzi, uomini, motivazioni e slancio sufficienti a esercitare i controlli necessari. Perché si tratta d’una battaglia che molti considerano inutile, perduta in partenza, e che nessuno vuole quindi combattere. Perché cane non mangia cane. Perché mancano al vertice esempi positivi. Perché non si può, sempre al vertice, insolentire e accusare per anni la magistratura, anche auspicandone la reclusione in manicomi inesistenti, senza delegittimarla insieme con il rispetto della legge che è chiamata a tutelare. Perché non ci sono soldi, e la gente li piglia dove riesce a trovarli. Perché a tutti piacciono le belle cose, la bella vita : e se nel Paese l’atmosfera è lassista e la cultura quattrinaia, difficile evitare il malaffare. Il decreto legge anti-illegalità serve a poco : se i ladri fossero così morali e intelligenti da pensare che rubare non paga, da temere le conseguenze delle proprie malefatte, non ci sarebbe bisogno di nulla. Altri rimedi non se ne conoscono, almeno nella situazione presente : ma noi non siamo il governo, per fortuna.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :