Poster un message

En réponse à :
Appello

SCIOPERO DEI GIORNALISTI ...LIBERTA’ DI STAMPA E DEMOCRAZIA IN PERICOLO. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano : “Il rinnovo del contratto dei giornalisti è un diritto primario”. Serventi Longhi : "Parole come pietre". Siddi : "Viva gratitudine al Capo dello Stato". E il grido d’allarme di Furio Colombo.

jeudi 16 novembre 2006 par Federico La Sala
[...] Se i titolari dell’imprese editoriali continueranno a negare non solo il diritto alla contrattazione ma anche il diritto al confronto tra parti sociali, anche a fronte dell’alto messaggio del Presidente della Repubblica, vorrà dire che occorrerà aprire una seria e severa riflessione nel Paese sul venir meno di una funzione fondamentale degli editori che, in tal caso sarebbero avviati verso la via, pubblicamente insostenibile, dell’irresponsabilità sociale.
La tutela di un bene (...)

En réponse à :

> SCIOPERO GIORNALISTI. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano : “Il rinnovo del contratto dei giornalisti è un diritto primario”. Serventi Longhi : "Parole come pietre". Siddi : "Viva gratitudine al Capo dello Stato"

jeudi 26 octobre 2006

Giornalisti contro editori : 6 giorni di sciopero in vista *

Continua, sempre più duro, il braccio di ferro tra giornalisti e editori. È appena finita la protesta che per due giorni ha bloccato i servizi d’infomazione televisivi, che già si annunciano altri pesantissimi scioperi. « La Giunta della Federazione della Stampa ha deciso all’unanimità di proporre ai giornalisti della carta stampata e delle agenzie di informazione e del web una settimana di sciopero consecutivo prima delle festività natalizie e senza alcun preavviso » spiega una nota della Fnsi.

« La decisione definitiva su questa durissima azione di lotta, la prima del genere nella storia del Sindacato dei giornalisti - aggiunge la nota - sarà presa nel corso di una grande assemblea nazionale di tutte le strutture del sindacato, dei comitati e fiduciari di redazione, del Consiglio Nazionale e della Commissione Contratto, che si svolgerà a Roma nella prima quindicina di novembre ed alla quale sono invitati tutti gli organismi della Associazioni Regionali di Stampa, dell’Inpgi, della Casagit, del Fondo di Previdenza Complementare e il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti ».

« Martedì prossimo 31 ottobre si riunirà nuovamente la Giunta Federale e, per la prima volta, un gruppo di lavoro allargato della Giunta stessa e delle Associazioni Regionali, insieme a tutte le componenti del Sindacato, per decidere altre forme di mobilitazione e di lotta, a livello territoriale e aziendale, in aggiunta alla settimana di scioperi consecutivi, che rendano difficile la normale produttività delle redazioni nei prossimi mesi. Il gruppo di lavoro - sostiene la Fnsi - ha anche il compito di discutere l’organizzazione di una manifestazione nazionale dei giornalisti a Roma finanziata con il Fondo di solidarietà e di resistenza della categoria.

Assemblee di gruppo o di testata saranno organizzate, anche a livello regionale e interregionale, d’intesa con le Associazioni Regionali di Stampa. Nei prossimi giorni la Giunta della Federazione deciderà se estendere la dura protesta alle colleghe e ai colleghi che lavorano negli uffici stampa della pubblica amministrazione se non sarà aperto nei prossimi giorni l’annunciato, e sempre rinviato, tavolo ministeriale ».

Spiega il sindacato che « il profondo disagio e la protesta dei giornalisti italiani costringe la Fnsi a proporre alle giornaliste e ai giornalisti, che hanno già attuato dodici giorni si sciopero, un eccezionale sacrificio per difendere il diritto all’autonomia, alle tutele ed a uno stipendio dignitoso sia per i giornalisti dipendenti sia per le migliaia di collaboratori sfruttati e mal pagati. Gli editori, inoltre, stanno conducendo una sempre più esplicita campagna contro l’autonomia e la solidità finanziaria dell’Istituto di Previdenza di categoria, l’Inpgi, cercando di ottenerne il controllo per bloccare l’attività di ispezione e di vigilanza sulle violazioni contributive di molte aziende editoriali.

* www.unita.it, Pubblicato il : 26.10.06 Modificato il : 26.10.06 alle ore 11.34


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :