Poster un message

En réponse à :
Gioacchino da Fiore ... e Teilhard de Chardin

IL PATRONO DELLA "RETE" E IL TEORICO DEL "DISEGNO INTELLIGENTE" : Teilhard de Chardin (1881 - 1955). Un ’vecchio’ (1998) articolo di Carlo FORMENTI, e una nota di Annamaria TASSONE BERNARDI.

mercredi 4 octobre 2006 par Federico La Sala
San Teilhard de Chardin
Gesuita, paleontologo e patrono della rete
di Carlo Formenti*
Che io sappia, finora nessuno ha fatto nomi per eleggere un Santo Patrono della Rete. Ma, ammettendo che esistano candidature a me ignote, mi permetto ugualmente d’avanzare la mia proposta : suggerisco che l’onore spetti a Pierre Teilhard de Chardin (1881-1955) gesuita, paleontologo ed autore d’una imponente opera filosofica sul rapporto fra scienza e teologia. Sono sicuro che il suggerimento otterrebbe, (...)

En réponse à :

> IL PATRONO DELLA "RETE" E IL TEORICO DEL "DISEGNO INTELLIGENTE" : Teilhard de Chardin (1881 - 1955). Un ’vecchio’ (1998) articolo di Carlo FORMENTI, e una nota di Annamaria TASSONE BERNARDI.

vendredi 6 octobre 2006

Condividendo il contenuto della nota di Annamaria Tassone sulla necessità di approfondire gli studi e la diffusione del pensiero di Teilhard data la sua forte attualità, mi permetto di fare alcune considerazioni sull’articolo di Carlo Formenti. Esso, pur essendo del 1998, rivela purtroppo uno scarso aggiornamento per quanto riguarda lo svolgimento della suddetta attività in area italiana. Negli anni ’90 c’è stata infatti una ripresa di traduzioni delle opere di Teilhard (sia già presentate in Italia e soprattuotto inedite) da parte della casa editrice Queriniana e più recentemente dal Segno dei Gabrielli Editori, accompagnata dalla ripresa di una saggistica sull’autore da parte della Sei, Studium, Il Messaggero e altri. Attualmente tutte le opere di Teilhard sono state presentate al pubblico italiano. Da più di quindici anni si svolge poi un’intensa attività di conferenze e convegni in parecchie città italiane (Torino, Milano, Roma, Assisi, Lanciano, Parma, ecc.). Da qualche anno è pure attivo un sito internet che le fa conoscere di volta in volta e che vi suggeriamo di visitare WWW.teilhard.it L’aspetto new age che l’autore indica come particolarmente assunto da certe aree culturali o pseudo-culturali, è certamente quello meno considerato dagli studiosi di Teilhard che mirano piuttosto a trarne elementi di convergenza tra i due ambiti della fede e della ragione, o della scienza e della teologia che dir si voglia, allo scopo di intravedere grazie alla sua grandiosa visione olistica, un senso che illumini la vicenda umana, piste di azione utili a padroneggiare la globalizzazione ormai in atto, linguaggi nuovi per presentare all’uomo d’oggi l’eterno messaggio evangelico. Infine siamo ormai molto lontani, anche in ambito ecclesiale, dal considerare Teilhard "eretico" (cosa che peraltro non è mai avvenuta neanche nei momenti caldi del passato e su questo è meglio approfondire il significato non poi così pesante di quello che è stato il Monitum del 1964). Che poi lo si voglia fare Santo o meno non cambia la portata del suo fertile messaggio.

Argimiro Bernardi


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :