Poster un message

En réponse à :

Metro di Roma, scontro tra treni. All’altezza della stazione di piazza Vittorio

mardi 17 octobre 2006 par Federico La Sala
L’incidente intorno alle 9.35 sulla linea A nella stazione di Piazza Vittorio Emanuele.
La vittima è una donna di Frosinone. Ha funzionato la macchina dei soccorsi
Roma, disastro nella metropolitana
Tamponamento fra treni : 1 morto, 110 feriti
Cinque dei ricoverati sono in gravi condizioni. Si è temuto l’attentato, poi escluso.
Le ipotesi : guasto tecnico o errore umano. Salvo il macchinista *
ROMA - Una donna è morta, ci sono cinque feriti gravi e circa 110 lievi, ma Roma oggi ha temuto il (...)

En réponse à :

> Metro di Roma, scontro tra treni. All’altezza della stazione di piazza Vittorio

jeudi 26 octobre 2006

Un guasto improvviso blocca il treno sulla linea B tra Cavour e Colosseo. I passeggeri terrorizzati forzano le porte e scendono sulla banchina.

Roma, metrò bloccato mezz’ora in galleria Panico a borbo, insulti al macchinista *

ROMA - Ritorna il terrore sulla metropolitana di Roma. Un treno della linea B è rimasto bloccato in galleria trenta minitui per un guasto all’impianto frenante. I passeggeri si sono sentiti male, il caldo era asfissiante e nelle carozze si era sparso un inquietante odore di bruciato. La paura si è impadronita dei passeggeri che temevano potesse ripetersi la tragedia di dieci giorni fa, il drammatico tamponamento che ha provocato un morto e centinaia di feriti.

"Non ne potevamo più di sentire l’altoparlante che ripeteva di stare calmi, che era solo un guasto : abbiamo forzato le porte - spiega un passeggero - e siamo scesi sulla banchina. Abbiamo percorso tutta la galleria a piedi, fino alla stazione Cavour". Ma il macchinista ha dovuto richiudere le porte per consentire ai colleghi di rimorchiare il treno e allora è scoppiata la rabbia tra i passeggeri rimasti ancora a bordo.

"Mi hanno insultato - ha detto il macchinista - ma era mio dovere richiedere le porte". Dopo mezz’ora, il treno è stato sbloccato e riportato lentamente verso la stazione. "Il servizio è ripreso regolamente alle 14.55", come spiega la direzione della metropolitana. Ma la paura, questo pomeriggio, è stata tanta.

"La metropolitana si è fermata improvvisamente", ricorda un passeggero. "Eravamo tra la stazione Cavoure quella del Colosseo, in galleria. Eravamo lì, non sapevamo cos’era successo. Dopo dieci minuti si sono abbassate le luci ; l’aria condizionata si è spenta e la gente ha iniziato a sentirsi male. Il caldo era insopportabile. Gli altoparlanti ripetevano che c’era un guasto e che dovevamo essere trainati, ma il treno stava ancora fermo e noi avevamo paura".

E’ stato allora che i passeggeri hanno forzato le porte e si sono incamminati lungo la banchina verso la stazione di piazza Cavour distante circa duecento metri. Ma per rimorchiare il treno e trascinarlo in stazione, le porte dovevano essere richiuse : "Ho provato a farlo - spiega il macchinista - però la gente mi ha aggredito". Sono volati insulti, qualcuno voleva addirittura sputargli addosso. "Erano passeggeri presi dal panico", li giustifica la società Me.tro, ma precisa : "L’intervento del personale aziendale è stato reso oltremodo difficile e ostacolato dall’azionamento indebito del comando di apertura di emergenza delle porte e dall’uscita, lungo le banchine in galleria, dei passeggeri". E conclude : "Poco prima delle 15 il servizioè ripreso regolarmente in direzione Rebibbia, mentre il treno è stato avviato all’officina di Magliana per le necessarie verifiche". (26 ottobre 2006)

* www.repubblica.it, 26.10.2006


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :