Poster un message

En réponse à :
Il "caso serio" della Chiesa (Card. Tettamanzi, Prolusione) ... o "comico" (Dante) ?!

Stato democratico e Chiesa ’cattolica’. A VERONA per il meeting della CEI, ad accogliere Papa Benedetto XVI, 100 mila fedeli, Romano Prodi, e una « frocessione » di gay e lesbiche.

mercredi 18 octobre 2006 par Federico La Sala
[...] Senza fare troppe anticipazioni - le sorprese saranno parte integrante della manifestazione - alla stazione dedicata all’intervento del Vaticano sulla fecondazione eterologa troveremo la madonna e la Maddalena in partenza per la Svizzera e la Spagna mentre a quella dedicata alle coppie di fatto si distribuiranno le partecipazioni di Joseph (Ratzinger) e Georg (Ganswein, il segretario) « oggi sposi ». Il giorno seguente sarà la volta del sit-in davanti alla Fiera per « salutare la nostra (...)

En réponse à :

> Stato democratico e Chiesa ’cattolica’. A VERONA per il meeting della CEI, ad accogliere Papa Benedetto XVI, 100 mila fedeli, Romano Prodi, e una « frocessione » di gay e lesbiche.

jeudi 19 octobre 2006

Novità clamorose in arrivo nella Chiesa Cattolica

“ite missa est, BMW, VOLVO, VOLKSWAGEN are the best”

di Sergio Grande *

Dal nostro inviato a Verona. La visita del Papa a Verona, al di la dei discorsi ufficiali, sarà foriera di importanti novità per la Chiesa Cattolica italiana e non solo italiana. La Chiesa Cattolica si appresta a fare importanti cambiamenti che la metteranno al passo con i tempi.

Archiviati oramai da tempo i mezzi di locomozione evangelici, quali asinelli o muli, si opterà decisamente per le berline di classe superiore, meglio se SUV e meglio ancora se corazzate e superaccessoriate. Al classico corteo di asini, muli o cammelli verrà sostituito quello di auto, ognuna delle quali con un dignitario di corte a bordo. A Verona è questo lo schieramento che è stato presentato al mondo : in testa l’auto papale per eccellenza, con targa CV1, con a bordo il papa in trono e i suoi due più stretti collaboratori. Dietro cinque auto tutte nere delle più note case automobilistiche. Infine un pullman dove prendono posto i supporters, pronti ad applaudire ogni discorso del papa. Tutti intorno quelli che indubitabilmente sono guardie del corpo pronte a qualsiasi bisogna. Schema simile dovranno assumere anche i vescovi ed i parroci.

Con tali novità il Vaticano intende contrastare il cosiddetto “vangelo della prosperità” di origine protestante. Le chiese e i “pastori” sostenitori di tale “vangelo” proveniente dal nordamerica, sono noti per le loro auto lunghe dieci metri per tre, per gli abiti extralusso che indossano, per le adunate oceaniche che riescono ad organizzare, per le donne patinate che li accompagnano e per i soldi che riescono a spremere dai loro “fedeli” ai quali elargiscono, in abbondanza, la promessa di “cospicue benedizioni dall’alto” che renderanno loro altrettanti soldi e successo. Campa cavallo !

Anche la Chiesa Cattolica intende perseguire tale strada per evitare lo svuotamento delle chiese e soprattutto delle casse vaticane. Ma la novità più interessante riguarderà la liturgia. Per realizzare il “vangelo della prosperità” la Chiesa Cattolica ha deciso di aprirsi agli sponsor, come fanno le squadre di calcio che, dopo gli evangelicali nordamericani, sono la religione concorrente più temibile oggi presente sul mercato. E quando si tratta di sponsor non si può andare troppo per il sottile, come è successo con la giornata mondiale dei giovani tenuta ultimamente in Germania dove gli sponsor furono alcune banche che pochi loschi individui accusano di essere finanziatrici di industrie belliche e sostenitrici di guerre in giro per il mondo. Largo dunque alle “Banche armate”, che sono le più ricche di soldi. Si sa sono i soldi che fanno la guerra e viceversa.

Ma largo anche alle industrie automobilistiche. Il Papa in persona ha dato l’esempio prestandosi a fare da testimonial per auto extralusso. E allora ecco che a qualcuno in vaticano è venuto in mente una innovazione “liturgica” che mette d’accordo tradizione e modernità.

Come è noto verrà reintrodotta la possibilità di dire la messa in lingua latina. Come i pochi superstiti di tali riti forse ricordano, le messe in latino finivano con la formula “ite missa est”. Ebbene questa formula sarà modificata con l’aggiunta del nome dello sponsor della specifica messa. Ogni parrocchia o diocesi avrà il suo sponsor e potrà esercitare il proprio “discernimento” nella selezione delle aziende. I parroci avranno la possibilità di sponsorizzare prodotti ed aziende locali. Le diocesi aziende e prodotti provinciali. Sarà emanato un rigido elenco di regole per evitare concorrenze illecite fra i vari livelli ecclesiali.

Così per le messe celebrate direttamente dal Papa, e vista la sua spiccata predilezione per le auto, verrà usata la formula “ite missa est, BMW, SAAB, VOLKSWAGEN are the best”, con un miscuglio di latino ed inglese che unisce passato e presente della chiesa. Formule simili potranno essere adottate dai vescovi o dai parroci. E così i nostalgici del Concilio Vaticano II e del Vangelo sono serviti.


*

www.ildialogo.org, Giovedì, 19 ottobre 2006


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :