Poster un message

En réponse à :
GRECIA : EU-ROPA !!!

Cyber-terra e democrazia. Quale governo per Internet ? A Vouliagmeni (Atene), il Forum mondiale. Linee politiche (economiche e ’teologiche’) a confronto : il regno di un "Grande Fratello" o il regno del "Padre Nostro" ?

mercredi 1er novembre 2006 par Federico La Sala
[...] un appuntamento storico per la rete sia per ampiezza di partecipanti che di tematiche in discussione. Patrocinato dalle Nazioni unite, il Forum riunisce infatti i rappresentanti di 90 paesi, di aziende che operano nella Rete (Yahoo !, Google, Microsoft ecc), di istituti internazionali (Ue, Consiglio d’Europa, Ocse), di organizzazioni in difesa dei diritti umani (Amnesty International) [...]
AL VIA AD ATENE IL FORUM MONDIALE SU INTERNET *
ATENE - E’ iniziato stamane a Vouliagmeni, una (...)

En réponse à :

> GRECIA. A Vouliagmeni (Atene), il Forum mondiale sul governo di Internet

mardi 31 octobre 2006

Internet Governance Forum : Cortiana nostro corrispondente da Atene *

Visto che non sono andata ad Atene, ho chiesto a Fiorello Cortiana di aggiornarci sull’Igf in corso in questi giorni. Ricevo e volentieri pubblico.

ATENE. La seduta plenaria odierna dell’Internet Governance Forum sul tema dell’Openness (gli altri temi riguardano la Security, la Multiculturality e l’Access), ha costituito la migliore spiegazione del significato e del senso del Forum che l’ONU ha promosso annualmente e per cinque anni, il prossimo sara’ in Brasile, a Rio nel 2007.

Dopo i summit mondiali di Ginevra e Tunisi, con le loro tribolate risoluzioni finali dopo infinite mediazioni governative, l’Internet Governance Forum, prevede la partecipazione a pari dignita’ di tutti i portatori di interessi che hanno a che fare con la rete, i cosidetti multistakeholders, non ci sono state conferenze preparatorie e non sono previsti documenti ufficiali, che pur sono auspicati.

La discussione dei temi legati all’Openness, in particolare ai diritti in rete, con un panel composto da rappresentanti dei governi, delle imprese e delle ONG e di associazioni come Creative Commons, cui potevano rivolgere domande tutti gli accreditati in platea filtrati da Nik Gowing, giornalista della BBC, moderatore rigoroso e plurale, ha consentito di mettere a fuoco questioni essenziali chiamando direttamente in causa le parti interessate.

Cosi’ e’ finita rapidamente al centro della discussione la vicenda che ha visto alcune delle principali corporations del digitale, come Microsoft, Yahoo, Cisco, Aol, Google, collaborare con il Governo della Cina all’individuazione di navigatori e bloggers che usavano parole quali "liberta’, partecipazione, democrazia".

Lo stesso Ministro Greco ha dovuto rispondere con goffo imbarazzo alla domanda relativa all’arresto di un blogger greco effettuato in questi giorni.

Vint Cerf, uno dei padri di Internet, a nome di Google, ha precisato che Google ha preferito autocensurarsi rispetto alla richiesta di alcune parole/tematiche rispondendo sullo schermo che in quel caso il Governo cinese vietava, piuttosto che collaborare all’identificazione di coloro che digitavano quelle richieste.

Cerf ha altresi’ precisato che Google ha rifiutato la stessa richiesta di identificazione avanzata dal Governo Bush.

Mentre anche Richard Sambrook, direttore delle Global News della BBC, denunciava l’oscuramento del proprio sito in China a causa della rifiutata collaborazione con il Governo, Art Reilly di Cisco e Fred Tipson di Microsoft, giustificavano il loro comportamento con la necessita’ di rispettare le regole del paese in cui volevano fare affari.

Ricordo che la Cina in pochi anni e’ passata da 80.000 utenti internet a 130 milioni alimentando appetiti disposti a tutto.

Mentre la parlamentare europea Catherine Trautmann, gia’ Ministro della Cultura Francese, ha sostenuto il diritto alla liberta’ di espressione che lo stesso Parlamento Europeo ha sancito con una Dichiarazione lo scorso Luglio, Il Rappresentante della Repubblica Popolare Cinese ha negato qualsivoglia restrizione da parte del suo Governo, preoccupato della tutela dei bambini dalla pornografia e della tutela dei turisti, dimenticando che un anno fa ha chiuso 12.500 blog perche’ non conformi alla morale socialista (sic !) mettendo poi in carcere i giornalisti chelo avevano denunciato.

Suo malgrado ricordava cosi’ Martin Feldmann in Frankestein Junior che rispondeva all’indicazione di Gene Wilder " Gobba ? Quale Gobba ?".

Joy Hito di Creative Commons ha richiamato la platea a tener conto della situazione contraddittoria nella quale si trovano ad operare le imprese, e’ qui che alcuni interventi hanno posto la questione di una cornice di regole cui riferirsi.

Un puntuale intervento dalla platea ha ricordato che oltre alla Cina e all’Iran, anche il nord del mondo conosce restrizioni significative della liberta’ attraverso la rete come nel caso del Patriot Act Statunitense.

Come non ricordare l’uso estensivo del Patriot Act, fuori dalla giurisdizione nordamericana, con il sequestro del server di Indymedia in Inghilterra nel nome della lotta al terrorismo.

Si e’ messo cosi’ in evidenza il rischio di una miopia e di uno strabismo da parte occidentale, mentre la "rete delle reti" tutto connette e tutto mette in discussione.

E’ cascata a fagiolo la proposta della Sottosegretaria all’Innovazione Beatrice Magnolfi di promuovere ed ospitare in Italia nella prossima primavera, una Conferenza Internazionale sull’"Internet Bill of Rights" su una Carta dei Diritti per la Rete.

Proprio a questo tema e’ dedicato uno dei trenta Workshop selezionati dall’ONU per il Forum di Atene.

E’ il tema che insieme a Stefano Rodota’, e a migliaia di firmatari nel mondo, avevamo lanciato prima del summit di Tunisi con il manifesto "Tunisi mon amour", e pone la questione dei diritti individuali come questione universale, quindi non relativizzabile.

E’ proprio a partire dalle liberta’ individuali che gli organismi internazionali e le realta’ governative che concorrono alla definizione della governance di Internet possono definire delle modalita’ ufficiali di coordinamento al fine di armonizzare e rendere coerenti le risoluzioni ONU sui diritti dell’uomo, piuttosto che dell’Unesco sulla condivisione della conoscenza.

Come vedete e’ in atto un processo complesso e contraddittorio, probabilmente non breve, che vede ormai coinvolte e compromesse le esperienze pubbliche insieme a quelle private e della sussidiarieta’, l’esatto contrario di ogni unilateralismo.

Un saluto da Atene Fiorello Cortiana

(MEMBRO DELLA DELEGAZIONE ITALIANA)

* WEB NOTES di Anna Masera : www.lastampa.it/masera, /31/10/2006


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :