Inviare un messaggio

In risposta a:
Italia

AFGHANISTAN: APPELLO PER IL RITIRO DEI SOLDATI ITALIANI. GUERRA, SEMPRE ASSURDA!!!

venerdì 16 febbraio 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] NÚ la guerra al terrorismo, nÚ la condizione dei diritti delle donne Afgane, nÚ la lotta al narco-traffico, hanno prodotto dei risultati apprezzabili, anzi assistiamo oggi sotto il governo dell’Alleanza del Nord, sostenuto dagli Usa, ad un forte peggioramento sia della sicurezza del paese, in mano ormai ai terribili signori della guerra, sia delle condizioni delle donne Afgane, prive di libertÓ come al tempo del regime Talebano, sia all’ aumento dei traffici illeciti di droga. (...)

In risposta a:

> AFGHANISTAN: APPELLO PER IL RITIRO DEI SOLDATI ITALIANI. ---- CESSINO LE UCCISIONI. CESSI LA PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLA GUERRA IN AFGHANISTAN ( Centro di ricerca per la pace di Viterbo)

domenica 25 marzo 2012

EDITORIALE.

CESSINO LE UCCISIONI. CESSI LA PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLA GUERRA IN AFGHANISTAN

Ancora vite umane annientate. Ancora lutti. Ancora orrore.

L’illegale e insensata partecipazione italiana alla guerra afgana ha provocato altre vittime.

Torni finalmente il governo italiano al rispetto della Costituzione della Repubblica Italiana che proibisce la partecipazione del nostro paese a quella scellerata carneficina.

Si facciano tornare immediamente i soldati italiani in Italia, cessi immediatamente la partecipazione italiana alla guerra terrorista e stragista in Afghanistan.

Si adoperi l’Italia per la pace con mezzi di pace, per il disarmo e la smilitarizzazione dei conflitti, e si impegni per interventi rigorosamente umanitari (e quindi rigorosamente non armati e rigorosamente nonviolenti) che riconoscano e promuovano la vita, la dignita’ e i diritti di tutti gli esseri umani e favoriscano la civile convivenza, il dialogo e la cooperazione, la solidarieta’ e il rispetto di ogni persona, la comune responsabilita’ per il bene di tutti.

Ogni vita umana e’ un valore infinito.

Troppe persone sono gia’ morte.

Cessino le uccisioni.

La guerra e’ nemica dell’umanita’.

Solo la pace salva le vite.

-  TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
-  Numero 871 del 25 marzo 2012
-  Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
-  Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac@tin.it


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: