Poster un message

En réponse à :
Gioacchino da Fiore

LA POLONIA E IL VESCOVO SPIA, LA CADUTA DEL MURO DI BERLINO, GORBACIOV, E WOJTYLA. UNIONE SOVIETICA E CHIESA CATTOLICA : UNA SOMIGLIANZA CATASTROFICA E UN NODO NON ANCORA SCIOLTO !!! TUTTA L’ "ANALISI" IN UNA VIGNETTA DI "LE MONDE", RIPRESA DA "CUORE", DEL 1989 !!!

jeudi 11 janvier 2007 par Maria Paola Falchinelli

En réponse à :

> LA POLONIA E IL VESCOVO SPIA ....

mercredi 10 janvier 2007

taglio basso


Preti-spia, il Vaticano teme reazione a catena

Dopo il vescovo Wielgus a Varsavia, si dimette a Cracovia Janusz Bielanski, il canonico della cattedrale Wawel, anch’egli accusato di aver collaborato coi servizi segreti comunisti

di Mimmo de Cillis* (il manifesto, 09.01.2007)

Il nuovo anno non inizia sotto i migliori auspici per il Vaticano, agitato dalla ambigua vicenda del vescovo Stanislaw Wielgus, dimessosi un minuto prima di insediarsi alla sede arcivescovile di Varsavia, dove il papa lo aveva nominato. Wielgus cade sotto l’accusa di essere stato negli anni della guerra fredda informatore e complice dei servizi segreti comunisti polacchi. Grave delitto, se si pensa che lo stesso Karol Wojtyla, come ha ricordato ieri il suo ex portavoce Navarro-Valls, prima di diventare papa aveva resistito alle lusinghe e alle minacce del regime. Il giorno dopo la chiusura (momentanea) della spinosa vicenda, in Vaticano l’aria è pesante e l’atteggiamento verso la chiesa polacca - fino a ieri modello, nuovo polmone cristiano in grado di ossigenare l’intera Europa - è di crescente scetticismo. Si dubita dell’affidabilità di preti e vescovi polacchi, mentre la strategia già avviata da Ratzinger, di bloccare l’ascesa di prelati polacchi all’interno della curia romana ( a favore del personale tedesco) trova conferme sempre più nette.

Sulle scrivanie vaticane campeggiano i giornali della stampa polacca, che indica il papa come « salvatore della chiesa in Polonia », o i commenti di quella tedesca che, come nel caso di Die Welt, si chiede se nella gestione della crisi non vi siano stati errori o negligenze. La Santa sede si è trovata coinvolta in un caso segnato da ambiguità, menzogne, superficialità. Tanto che si parla di « teste che cadranno » e di « tempi lunghi » per la nomina del nuovo vescovo di Varsavia, la cui sede vacante è stata affidata ora al primate Jozef Glemp, anch’egli nella bufera.

Il fatto grave è che la Santa sede si era esposta con chiarezza nella nota del 21 dicembre : « Nel decidere la nomina del nuovo arcivescovo metropolita di Varsavia - si diceva - il santo padre ha preso in considerazione tutte le circostanze della sua vita, tra cui anche quelle riguardanti il suo passato », « nutre verso monsignor Stanislaw Wielgus piena fiducia e, con piena consapevolezza, gli ha affidato la missione di pastore dell’arcidiocesi di Varsavia ». I documenti pubblicati nei giorni precedenti dall’Istituto della memoria nazionale, che provavano un coinvolgimento diretto dell’arcivescovo con i servizi segreti (sia pur non come spia ma come informatore), erano dunque noti. Ed erano stati vagliati nella procedura di elezione del vescovo, che prevede l’indicazione di un terna di nomi (proposta dalla Congregazione dei vescovi, su consulto con la chiesa locale e la nunziatura apostolica), fra i quali il pontefice sceglie. Ma le notizie avevano alimentato forti perplessità nel mondo politico e tra i fedeli polacchi. La richiesta pubblica di perdono, espressa da Wielgus pochi giorni prima dell’iinsediamento, non era bastata a placare le acque.

Poi, nella notte tra sabato e domenica, la svolta : dopo febbrili contatti tra il governo, la chiesa di Varsavia e il Vaticano, vista la presa di distanza di alcuni vescovi, il dissenso crescente e il pericolo di minare in modo irreparabile la credibilità della chiesa polacca, ecco arrivare le dimissioni, subito accettate dal papa e avvenute in base al comma 2 dell’art 401 del Codice di diritto canonico (« un vescovo che per grave causa risultasse non idoneo all’adempimento del suo ufficio »). Ma solo domenica mattina i fedeli , giunti alla cattedrale di Varsavia per assistere alla cerimonia, hanno saputo che Wielgus non sarebbe stato il loro pastore. Il portavoce vaticano padre a Federico Lombardi ha sottolineato che « il comportamento di mons. Wielgus negli anni passati del regime comunista in Polonia ha compromesso gravemente la sua autorevolezza, anche presso i fedeli. Perciò la rinuncia alla sede di Varsavia e la sua pronta accettazione da parte del Santo padre è apparsa come una soluzione adeguata ».

Dalla vicenda non esce bene la Santa sede, che si ritrova nell’ambiguità di aver prima avallato, difeso e poi scaricato Wielgus. Non esce bene la chiesa polacca, spaccata fra conservatori e progressisti e dilaniata dai sospetti di chissà quanti altri traditori, testimoni di un segmento di contiguità con il regime comunista. Non ne esce bene papa Ratzinger, ingannato dalla rete dei suoi collaboratori più stretti, e nemmeno il card Glemp, che ha difeso fino alla fine l’arcivescovo accusato.

Un bel pasticcio, insomma, mentre arriva la notizia che a Cracovia si è dimesso il canonico della cattedrale di Wawel, Janusz Bielanski, anch’egli accusato di aver collaborato con i servizi. Si potrebbe così innescare una reazione a catena, dato che il numero di preti-informatori negli anni del regime comunista, è altissimo : 10-15% del clero. Negli anni scorsi, alcuni dossier puntavano il dito anche contro il domenicano Konrad Heymo, organizzatore dei pellegrinaggi polacchi a Roma e conoscente personale di Wojtyla. Benedetto XVI, nel viaggio in Polonia nel maggio scorso aveva affrontato il problema, esortando a non giudicare con arroganza le generazioni precedenti, pur senza « negare i peccati del passato ». Mai si sarebbe aspettato, però, un ciclone così travolgente.

* Lettera22


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :