Poster un message

En réponse à :
Al di lÓ della TrinitÓ "edipica" - e della terra e del sangue !!!

DONNE, UOMINI, E L’ALLEANZA "PREISTORICA" DELLA MADRE ("MARIA" - ELENA) CON IL FIGLIO ("GESU" - COSTANTINO) : "L’ORDINE SIMBOLICO DELLA MADRE". CANTA ANCORA LA MESSA, QUESTA IDEOLOGIA "TEBANA" DELLA GRECIA ANTICA ?!! Un commento di Lea Melandri, all’apertura "femminista" del Vaticano - a cura di Federico La Sala

samedi 21 juillet 2007 par Maria Paola Falchinelli
[...] l’attribuzione a un "ordine naturale" del potere insidioso e salvifico delle donne, legato alla loro capacitÓ procreativa, non Ŕ solo il pesante retaggio dei fondamentalismi religiosi, ma una convinzione radicata nel senso comune di entrambi i sessi, incorporata nelle istituzioni della vita pubblica, nei suoi saperi e nei suoi linguaggi.
E’ l’atto di nascita, sovrano e guerresco, della p˛lis, che, nonostante i grandi cambiamenti della storia, ancora accompagna la politica in tutte (...)

En réponse à :

> DONNE, UOMINI, E L’ALLEANZA "PREISTORICA" DELLA MADRE ("MARIA") CON IL FIGLIO ("GESU"). CANTA ANCORA LA MESSA, QUESTA IDEOLOGIA "TALEBANICA" !!! Un commento di Lea Melandri, all’apertura "femminista" del Vaticano - a cura di pfls

dimanche 8 avril 2007

La Passione femminile sotto l’incubo della tecnica

di Ida Dominijanni (il manifesto, 07.04.2007)

Alle origini fu l’homo erectus, poi l’homo faber, poi l’homo sapiens, infine l’homo sapiens-sapiens che abita oggi il pianeta della tecnica. Il quale, armato di saperi, poteri e strategie, di intelligenza naturale e artificiale, di libri e di calcolatori, sarÓ pure in grado di offrirci l’illusione di una second life, ma non cessa di essere « l’aiola che ci fa tanto feroci ». Di tanta ferocia, piace alla Chiesa di Benedetto XVI - gemella in questo del nichilismo novecentesco che tanto animosamente combatte - rintracciare la radice proprio nel potere della tecnica, e nella tecnica come destino, dell’Occidente declinante. Al posto di questo astro che danna, dice quest’anno il messaggio del venerdý di Passione, deve risplendere un astro che salva, e questo astro Ŕ l’amore.

Ma chi incarnerÓ questo amore, se l’homo erectus, faber, sapiens l’ha esiliato fin qui dalla Terra ? SarÓ colei che homo non Ŕ, che di quest’esilio non Ŕ responsabile, e che fin qui l’amore ha saputo custodirlo, rimetterlo al mondo, donarlo, dichiararlo. Dopo l’era faber e quella sapiens, dunque, dovrÓ aprirsi l’era della donna, ovvero dell’amore, del cuore e della compassione. E’ questa la speranza di salvezza dell’umanitÓ, ed Ŕ un futuro annunciato dal racconto della Croce, perchÚ ancora non sappiamo chi mand˛ a morte Ges¨, se i capi ebrei o Pilato o tutt’e due, ma « una cosa Ŕ certa in ogni caso : furono degli uomini, non delle donne, e storicamente esse possono dire ’siamo innocenti del sangue di costui’ ».

Cosý il « neo-femminismo cattolico », come giÓ lo battezzano le agenzie, fa sua e rilancia l’arma pi¨ classica del femminismo novecentesco da Virginia Woolf in poi, quella dell’estraneitÓ femminile dai misfatti dell’umanitÓ maschile, per benedire l’avvento salvifico dell’era della donna. I precedenti c’erano tutti, dalla Mulierim dignitatem di Giovanni Paolo II alla Lettera ai Vescovi sugli uomini e le donne del cardinal Ratzinger non ancora pontefice. Il venerdý di Passione accende i toni e riempie il discorso sulla Donna con i volti femminili della via Crucis (dando modo di rilanciare su Maria Maddalena oltre le polemiche su Dan Brown), ma la sostanza non cambia. Resta la capacitÓ della Chiesa di individuare nella differenza femminile la protagonista di un necessario cambio di civiltÓ ; resta la giusta presa di distanza della Chiesa da quel femminismo della paritÓ che milita a assimilare le donne agli uomini, e a metterle sulla strada della competizione con gli uomini per il potere ; e restano i limiti della Chiesa nel perimetrare il femminile perbene da quello per male, quello che salva da quello peccaminoso, quello « creato in natura » (la differenza sessuale secondo la Chiesa, appunto) da quello « prodotto dalla cultura » (la differenza sessuale secondo molta teoria femminista, in testa Simone De Beauvoir cui tocca stavolta la stessa bolla che Ratzinger aveva inviato a Judith Butler). Restano anche, della Chiesa di Giovanni Paolo II e di quella di Benedetto XVI, le contraddizioni e le interdizioni : nell’era che si apre, sarÓ concesso alle « pie donne » innocenti del sangue di Cristo di celebrare finalmente messa, e all’amore di esprimersi in linguaggio omosessuale ?


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :