Inviare un messaggio

In risposta a:
Una catastrofe sociale e culturale senza fine ... "Piet per il mondo, venga il nuovo sapere"(M. Serres, Distacco, 1986).

IL CASO DI RIGNANO FLAMINIO. I BAMBINI DELLA SCUOLA MATERNA DROGATI DALLE MAESTRE E LA NUOVA PEDOFILIA. Una legge da cambiare e una rete estesa all’intera Italia da smantellare. Un articolo e una riflessione denuncia di Flavia Amabile - a cura di pfls

mercoledì 25 aprile 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] ho chiesto un aiuto a Massimiliano Frassi presidente di Prometeo, l’associazione che da anni lotta contro la pedofilia (andate a dare uno sguardo al suo blog). Massimiliano sostiene che la vicenda di Rignano legata a una rete nazionale di pedofili che da Nord si sta estendendo al sud. Mi ha citato casi molto simili di pedofilia da Brescia a Vallo della Lucania in provincia di Salerno. La rete prende di mira le scuole materne dove c’ abbondanza di bambini troppo piccoli per essere (...)

In risposta a:

Cultura e Pedofilia: Freud e Foucault "la colpa del bambino che seduce l’adulto"

domenica 6 maggio 2007
Agi 26,4.07 Asilo Rignano: lo psichiatra, un pedofilo lede la bellezza del bambino Roma, 26 apr. - Chi e’ il pedofilo, un orco, un sadico o un violentatore e perche’ prima ricopre di attenzione un minore indifeso, non pronto alla sessualita’ e poi lo violenta? "Ma quale orco o mostro che dir si voglia! Il pedofilo e’ un perverso, un malato mentale che con lucidita’ e freddezza lede la bellezza e la vitalita’ di un bambino, il divenire del bambino". A parlare della tremenda vicenda di Rignano Flaminio e’ lo psichiatra Francesco Riggio, esperto di ’esordi psicotici’, che rigetta l’idea, "di stampo freudiano", osserva, del bambino che inventa e dice bugie. "Il bambino non sa mentire diversamente da un adulto come ad esempio il Padre della Psicoanalisi che - spiega lo psichiatra - nonostante avesse assistito all’esame autoptico di bambini prima violentati e poi uccisi, disse che il trauma non c’era stato e la seduzione era stata una totale invenzione delle piccole vittime: da qui derivo’ la falsa tesi del bambino polimorfo e perverso che piu’ tardi fu ripresa da uno dei profeti del ’68, Michel Focault che sostenne la non punibilita’ dei pedofili in quanto i bambini sarebbero consenzienti e capaci di sedurre un adulto". Viceversa, "in queste persone che circuiscono per ingannare, non c’e’ amore e non c’e’ neanche odio ma c’e’ la tendenza lucida e fredda a distruggere le qualita’ umane di un bambino: il loro obiettivo appunto e’ distruggere, perche’ insopportabili, la bellezza, la vitalita’, pulizia, la fantasia di un bambino". La differenza con il sadico e’ quindi rilevante. "Si’, il sadico c’e’ in quanto c’e’ il masochista - risponde Riggio - in quanto, usando un potere, una posizione di forza, mira a far sta male, a far soffrire chi non sopporta e spesso e’ una donna". Il pedofilo, insomma, ha in se una patologia seria: "il bambino va amato non toccato". E a volte, "se e quando il pedofilo arriva ad uccidere la vittima - conclude Riggio - lo fa con una sorta di emotivita’, in verita’ fredda e lucida: sa bene quel che fa, ha la piena facolta’ d’intendere e di volere come prevede il codice penale, ma ha tolto con l’atto il senso e il significato alla vita dell’altro"

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: