Poster un message

En réponse à :
IL BUON MESSAGGIO (Eu-angelo, ev-angelo, non ... vangelo, il gelo dell’inferno !). In principio era la Parola del Dio Amore ("Deus Charitas") - non il "logo" di "Mammasantissima" e di "Mammona" ("Deus caritas est" : Benedetto XVI, 2006) !!!

PIRANDELLO E LA BUONA-NOVELLA. DALL’ITALIA, DALLA SICILIA, DA AGRIGENTO, DA BONN, DA ROMA, DA MILANO, DA NAPOLI, DA SAN GIOVANNI IN FIORE, E DA GERUSALEMME : UN "URLO" MAGISTRALE PER BENEDETTO XV ... E BENEDETTO XVI - a c. di Federico La Sala

LA NOTTE DI NATALE. Basta con la vecchia, zoppa e cieca, famiglia cattolico-romana, camuffata da "sacra famiglia" !!!
jeudi 13 septembre 2012 par Emiliano Morrone
[...] Venuta la notte di Natale, appena il signor Pietro Ambrini con la figlia e i nipotini e tutta la servitù si recarono in chiesa per la messa di mezzanotte, il signor Daniele Catellani entrò tutto fremente d’una gioia quasi pazzesca nella stanza del presepe : tolse via in fretta e furia i re Magi e i cammelli, le pecorelle e i somarelli, i pastorelli del cacio raviggiolo e dei panieri d’uova e delle fiscelle di ricotta - personaggi e offerte al buon Gesù, che il suo demonio non aveva (...)

En réponse à :

> "Ecce Homo" : un “goj” !!! Natale 1918 : la ‘risata’ di Pirandello contro la vecchia e zoppa "sacra" famiglia "cattolica" !!!

mercredi 13 décembre 2006

DIRITTI PROROGATI PER PIRANDELLO ? *

Una proroga sui diritti d’autore per Luigi Pirandello : è quanto ha chiesto il nipote del drammaturgo in una lettera inviata alla Siae pochi giorni prima della loro scadenza, fissata al primo gennaio. Sono infatti passati esattamente settant’anni dalla morte dell’autore del « Fu Mattia Pascal », scomparso a Roma il 10 dicembre 1936. Per legge, quindi, a partire dal primo gennaio la pubblicazione delle sue opere, così come la messinscena dei suoi spettacoli, dovrebbe diventare - finalmente - di pubblico dominio. Ma questo non accadrà se verrà accolta l’istanza presentata dal nipote dello scrittore, secondo il quale dovrebbe essere applicata agli autori italiani la proroga di sei anni e otto mesi già prevista per francesi e inglesi.

L’erede di Pirandello ritiene infatti che il prolungamento della durata dei diritti - previsto dal Trattato di Pace del 1947 per i paesi vincitori - possa essere esteso ai nostri autori sulla base di un accordo internazionale, il cosiddetto « Trips », che nel 1994 ha eliminato le discriminazioni tra i paesi vincitori e i paesi che hanno perduto la guerra. Dando notizia della richiesta del nipote di Pirandello (e pronunciandosi -sia pure a titolo personale - a suo favore), il presidente della Siae Giorgio Assumma ha annunciato sulla questione un pronunciamento entro il 15 dicembre da parte del centro studi della Siae.

E la posta in gioco è grande, se si tiene conto che l’ammontare annuo dei diritti per le opere di Pirandello si aggira in un ordine di grandezza di centinaia di migliaia di euro all’anno solo per l’utilizzo dei lavori teatrali. E che soprattutto la decisione non riguarda solo Pirandello, visto che in scadenza ci sono i diritti di altri autori celebri, da Grazia Deledda (morta come il drammaturgo nel 1936) a Gabriele D’Annunzio (scomparso nel ’38). Se, come appare probabile dalle dichiarazioni di Assumma, la Siae si pronuncerà a favore della richiesta del nipote di Pirandello, si tratterà quindi di un precedente che avrà ripercussioni a catena. Con grave danno - ancora una volta - per la libera circolazione della cultura in Italia.

* il manifesto, 12.12.2006


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :