Poster un message

En réponse à :
Per l’Italia e per la Legge dei nostri Padri e delle nostre Madri Costituenti - la Costituzione...

L’ITALIA E LA NUVOLA NERA. IL PARLAMENTO, LA LEGGE, E LA RICHIESTA DEL GIP CLEMENTINA FORLEO. Un pasticcio politico : il commento di Giuseppe D’Avanzo - a cura di pfls

mardi 24 juillet 2007 par Maria Paola Falchinelli
[...] Ora la parola tocca al Parlamento. Che si spera renderà al più presto utilizzabili quelle intercettazioni anche nella consapevolezza che la scelta può significare - per tre uomini del centrosinistra e tre uomini del centrodestra - affrontare i pubblici ministeri, un’istruttoria, un giudice. Una decisione contraria - il rifiuto - creerebbe una nuova nuvola nera sui destini della politica italiana ; impedirebbe ai protagonisti di liberare la propria reputazione da ogni sospetto ; (...)

En réponse à :

> L’ITALIA E LA NUVOLA NERA. IL PARLAMENTO, LA LEGGE, E LA RICHIESTA DEL GIP CLEMENTINA FORLEO. Un pasticcio politico : il commento di Giuseppe D’Avanzo - a cura di pfls

mercredi 25 juillet 2007


-  Il Presidente della Camera si dichiara favore alla richiesta del Gip di Milano
-  D’accordo i Ds che però chiedono prima una verifica degli incartamenti

-  Unipol : Bertinotti sulle autorizzazioni
-  "Niente privilegi per i parlamentari"

"In questo momento dobbiamo evitare qualsiasi conflitto istituzionale" *

ROMA - Fasto Bertinotti interviene con chiarezza sul caso intercettazioni. Secondo il Presidente della Camera, il parlamento deve autorizzare il gip di Milano Clementina Forleo all’uso delle intercettazioni che coinvolgono i parlamentari. La presa di posizione della terza carica dello stato trova d’accordo i Ds, che dichiarano di non aver nulla da temere per il coinvolgimento di Piero Fassino, Massimo D’Alema e Nicola La Torre sul caso Unipol, anche se prima vanno lette le carte del procedimento. Intanto la procura di Milano potrebbe inviare già domani alle Camere le due ordinanze con cui chiede di poter usare nell’inchiesta le 68 telefonate incriminate.

Nessun privilegio. "In questa fase i parlamentari devono dimostrare non solo di essere al di sopra di ogni sospetto, ma anche di non avere neppure un’apparenza di privilegio", ha dichiarato Fausto Bertinotti. Il Presidente della Camera ha sottolineato che eventuali privilegi dei parlamentari vanno messi da parte per consentire "una discussione politica senza nessun elemento di turbamento". Bertinotti è dunque favorevole a un eventuale sì della camera all’uso delle intercettazioni sul caso Unipol. Il motivo è evitare un conflitto istituzionale. "Siamo in un momento di crisi politica - ha spiegato -, ma un conflitto tra le istituzioni è un serio rumore di fondo a questa crisi".

Nulla da nascondere. Anche i Ds sembrano optare per il sì alle autorizzazioni, anche se prima è necessario verificare i documenti alla base della richiesta. La posizione dei Ds è stata ricapitolata in mattinata da Marina Sereni "Noi - ha spiegato la vicepresidente del gruppo dell’Ulivo alla Camera - non siamo mai stati né pregiudizialmente a favore né pregiudizialmente contro le autorizzazioni. Si tratta di guardare le carte. Siamo direttamente coinvolti con personalità di primo piano del nostro partito, ma noi non abbiamo nulla da nascondere". Sulla stessa linea si dichiara anche Piero Fassino. Il segretario dei Ds sottolinea l’estraneità sua, di La Torre e di D’Alema da presunti "disegni criminosi" e chiede che non si proceda a giudizi sommari. "Riconosco al Gip Forleo - ha detto Fassino - il diritto di chiedere al Parlamento l’utilizzo delle intercettazioni, non le riconosco il diritto di precostituire giudizi infondati. Lo stato di diritto in Italia prevede ancora la presunzione di innocenza, non di colpevolezza".

Veltroni e Angius. Walter Veltroni concorda con le parole di Fassino. Il sindaco di Roma e candidato alla leadership del Partito Democratico auspica che "tutti gli accertamenti vadano fatti con le procedure che il diritto prevede". Tuttavia sottolinea che "fino ad allora ognuno ha il diritto di non vedersi messo sulla torre come se una sentenza sia già stata emessa. La stima nei dirigenti dei Ds, in particolare D’Alema e Fassino, l’ho espressa a più riprese e la confermo". Il vicepresidente del Senato, e leader di SD, Gavino Angius ha invece avanzato una doppia richiesta. La prima è rivolta a Clemente Mastella, a cui chiede di riferire in Parlamento. La seconda è invece diretta ai parlamentari protagonisti delle intercettazioni : "Questi colleghi si rendano disponibili a fornire ai giudici la più ampia disponibilità per affermare la trasparenza del loro operato parlamentare".

* la Repubblica, 24 luglio 2007


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :