Poster un message

En réponse à :
ITALIA ... "Forza ...ITALIA"( ?) ... e la "contraddizione insostenibile" !!!

PER SETTE QUESTIONI FONDAMENTALI - PER LA COSTITUZIONE. 20 0TTOBRE, IN PIAZZA A ROMA. Una grande manifestazione nazionale - a cura di pfls

samedi 20 octobre 2007 par Maria Paola Falchinelli
LA VIGNETTA DEI PRECARI DISTRIBUITA ALLA MANIFESTAZIONE (la Repubblica).
LE IMMAGINI DELLA MANIFESTAZIONE (la Repubblica)
Welfare, gli organizzatori : "Siamo un milione"
Ingrao sul palco : "Sono qui per i lavoratori"
A Roma il corteo della sinistra radicale contro la precarietà e per i diritti. In piazza Giordano e Diliberto.
Il verde Bonelli raccoglie firme. "Entro l’anno la Costituente della sinistra". Sfila la moglie di Bertinotti.
Prodi : "Ho sempre ascoltato il popolo"
Sul palco, gli (...)

En réponse à :

> PER SETTE QUESTIONI FONDAMENTALI - PER LA COSTITUZIONE. IL 20 0TTOBRE IN PIAZZA. Appello per una grande manifestazione nazionale a Roma - Il 20 ottobre si va a piazza San Giovanni.

dimanche 14 octobre 2007

Il 20 ottobre si va a piazza San Giovanni

I promotori a Epifani : « La manifestazione ’inopportuna’ si farà. Precarietà e diritti, il governo ha fatto poco »

d.p. (il manifesto, 13.10.2007)

Roma. La manifestazione del 20 ottobre finirà a piazza San Giovanni, la storica piazza dei lavoratori, lo storico catino della capitale dove confluisconi i cortei più grandi e più ambiziosi. E, prima del concerto, dal palco non verrà recitata la liturgia del comizio di chiusura ma l’intervento di una delle 914 dipendenti di Vodafone recentemente « esternalizzate » (brutto termine per indicare l’anticamera di un licenziamento in senso proprio). Ieri gli organizzatori del corteo, i direttori di Liberazione, Carta e manifesto hanno tenuto una nuova conferenza stampa per annunciare la scelta della piazza finale (la partenza è piazza della Repubblica). Ma ancora di più per dare la parola ad alcuni di quei movimenti che hanno deciso di essere in piazza quel giorno.

Le prime battute, però, sono per Guglielmo Epifani, il leader sindacale che dalle pagine della Stampa ieri bollava come « inopportuna » la manifestazione del 20. Gli faceva eco il neosocialista Gavino Angius, che chiedeva per l’ennesima volta la cancellazione dell’appuntamento, visti i risultati della consultazione sindacale. « Il nostro rispetto per il voto dei lavoratori è assoluto », risponde Gabriele Polo. « Crediamo però che rimangano ben evidenti le questioni che il protocollo non riesce ad affrontare e il disagio dei tanti che hanno votato no. E ci permettiamo di credere anche de tantissimi che hanno votato sì ». Ma ci sarà occasione di spiegarsi, con Epifani. Forse : i tre direttori hanno chiesto a lui - e a Fausto Bertinotti, a Franco Marini e a Romano Prodi - un incontro-confronto sulle ragioni del corteo. Che sarà un corteo di proposta, spiegano ancora gli organizzatori. Rappresentando però anche la protesta di « tante e tanti che dal precariato ai diritti civili credono che il governo abbia fatto ancora troppo poco ». Due le obiezioni da cui sgomberare il campo : la prima è di chi dice che quello del 20 è un corteo dei partiti en travesti (Prc e Pdci, gli unici che aderiscono peraltro, i verdi parteciperanno con iniziative tematiche, Sd è divisa tra chi sfilerà e chi no). La seconda è che la manifestazione sia un esercizio « identitario ». « Portiamo più differenze in piazza di quante ne avremmo mai sperate », dice Piero Sansonetti, « Generazionali, di genere, politiche, locali. Anzi il problema sarà l’opposto, di farle stare assieme ». Poi prendono la parola quelli che, materialmente, porteranno in piazza le loro ragioni e che avete letto e leggerete in questi giorni sul manifesto. Un delegato della Rsu Vodafone, una delegata della Fiom della Rsu Almaviva, una studente dell’Uds, Mimmo Dieli, vigile urbano di Roma. Poi Giulio Marcon, della campgna Sbilanciamoci !, che presenterà il 17 ottobre la sua « controfinanziaria », Fabio Alberti dell’associazione Un ponte per, la femminista Bianca Pomeranzi, Aurelio Mancuso, presidente di Arcigay, Bartolo Mancuso di Action. E infine Antonio Ferrentino, presidente della Comunità Bassa Val di Susa e sindaco di Sant’Antonino.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :