Inviare un messaggio

In risposta a:
Italia 2007: "piano" di autodistruzione....

INCENDI. CONTRO LA GUERRA DEL FUOCO, UNA MOBILITAZIONE PERMANENTE. Una sequenza nel Sud dell’Italia e sull’intera costa tirrenica dalla Sicilia, da Messina a Cefal¨. Mobilitati Esercito e Marina - a cura di pfls

venerdì 24 agosto 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] Il ministro della Difesa, Arturo Parisi, ha dato immediatamente disposizioni per un ulteriore impiego di uomini e mezzi delle Forze Armate affinchÚ collaborino alle operazioni di spegnimento. "La Difesa - si legge in una nota - metterÓ a disposizione elicotteri dell’Esercito e della Marina, inoltre un battaglione dell’Esercito opererÓ in Calabria in supporto delle attivitÓ antincendio in corso". "Questo ulteriore concorso delle Forze Armate - prosegue la nota - va a integrare gli (...)

In risposta a:

> INCENDI. CONTRO LA GUERRA DEL FUOCO, UNA MOBILITAZIONE PERMANENTE. Una sequenza nel Sud dell’Italia e sull’intera costa tirrenica dalla Sicilia ...e la protezione civile dietro la scrivania.

sabato 25 agosto 2007

la normativa *

TUTTE LE COMPETENZE

╚ la legge 353 del 2000 a definire le competenze di tutti i soggetti coinvolti nel contrasto agli incendi boschivi. Prevenzione e previsione. Le Regioni hanno il compito di predisporre il Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi. Il Piano individua, tra l’altro, le aree bruciate nell’anno precedente, le aree ed i periodi a rischio, la consistenza dei mezzi e degli uomini per la lotta, le operazioni di pulizia e manutenzione del bosco. Stato, Regioni ed enti locali promuovono l’informazione e la sensibilizzazione della popolazione.

Spegnimento. ╚ il Dipartimento della Protezione civile che garantisce e coordina sul territorio nazionale, avvalendosi del Centro operativo aereo unificato (Coau), le attivitÓ aeree di spegnimento con la flotta antincendio dello Stato. Le Regioni assicurano il coordinamento delle proprie strutture antincendio con quelle statali istituendo, nei periodi a rischio, le Sale operative unificate permanenti (Soup).

Parchi e aree protette. ╚ predisposto un apposito Piano del Ministro dell’Ambiente, di intesa con le Regioni interessate. Le attivitÓ di previsione e prevenzione sono attuate dagli enti gestori delle aree protette.

Divieti. La legge prevede che le aree bruciate non possano avere una destinazione diversa da quella preesistente all’incendio per almeno 15 anni. ╚ inoltre vietata per 10 anni la costruzione di edifici o strutture destinate ad attivitÓ produttive o insediamenti civili. Sono i Comuni che hanno il compito di censire le aree bruciate tramite un apposito catasto, da aggiornare ogni anno.

Coordinamento. Lo scorso 12 giugno, come ogni anno, il presidente del Consiglio ha inviato alle Regioni ed ai ministeri competenti una circolare in vista della stagione a rischio.

Fonte: Avvenire, 25.08.2007.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: